1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    E' stato autorizzato dal ns. Governo una recessione del Riclassamento degli immobili al catasto, come se non fossero abbastanza penalizzati? IMU, TASI, IUC, IRPEF, e chi più ne a più ne metta, dove andremo a finire con questo governo ?
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Eh?
     
  3. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Confermo: eh?
     
  4. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Forse fa riferimento allo stop della riforma del catasto in quanto algoritmo messo a punto farebbe schizzare le rendite catastali portando il gettito fiscale degli immobili alle stelle, mentre il presupposto era che la riforma catastale venisse attuata a pari imposizione fiscale dell'attuale. Complicato ma dovrebbe essere così.
    Se l'attueranno succederà che i politici a Roma pagheranno di meno e io pagherò di più!
     
    A essezeta67 e rita dedè piace questo messaggio.
  5. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    @Adriano Giacomelli è un pochino diverso; anche bloccando la Riforma del Catasto i riclassamenti per un'immobile che ha un classamento ormai non più attuale e non corrispondente più alla realtà vanno avanti.
    L'A/4 o l'A/3 che diventano A/2 è assolutamente indipendente dalla Riforma, tant'è vero che già da un 10 anni che si sta facendo.
    Qui ne avevo parlato un pochino cercando di entrare più possibile nel dettaglio: Guida - La nuova riforma del catasto (guida ed aggiornamenti) | propit.it - Forum per la Casa
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Con la nuova riforma si dovrebbe passare dall'unità di misura vano al mq. Ovviamente, essendo intenzione del legislatore applicare i prezzi di mercato il valore degli immobili verrà generalmente più che raddoppiato. E restando invariati i coefficienti impositivi, va da se che anche la tassazione avrà lo stesso effetto. La riforma proposta aveva lo scopo di eliminare le disparità che l'attuale sistema con categoria, classe e vano, inevitabilmente, ha sempre generato. Pensate che avendo scoperto che c'è la possibilità di introitare altre imposte nel nome della giustizia fiscale, questo Governo se lo lascerà sfuggire? Assatanato e vorace come si è finora dimostrato?
     
    A Adriano Giacomelli e Daniele 78 piace questo messaggio.
  7. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Però devi considerare che una riforma studiata in questo modo è un vero "boomerang politico" per chi la propone, in quanto impopolare e sopratutto devasterebbe definitivamente il mercato immobiliare, quindi ulteriore perdita di lavoro nel nostro settore (quindi IVA, IRES ed IRAP che lo stato perderebbe in seguito al fallimento di moltissime aziende anche produttrici di materiali edili).
    Poi solo con le detrazioni lo Stato non è che proprio non abbia guadagnato nulla.

    Sotto allego PDF di uno Studio del Cresme che ha analizzato i risultati delle detrazioni fiscali in edilizia

    Un conto era cambiare l'unità di misura (il m² al posto del vano) e siamo d'accordo, un'altro è infilarci dentro anche i valori di mercato rispetto a quelli catastali anche se almeno inizialmente parlavano anche di aggiornamento annuale dei valori con il mercato (sappiamo entrambi che l'Agenzia già fatica a d avere un classamento corretto per 62.000.000 di edifici, figuriamoci avere per ognuno le variabili legate al mercato...sarebbe pura FOLLIA).
     

    Files Allegati:

  8. Carlo27

    Carlo27 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Se non sbaglio tutto è nato dalla legge Bersani.
    In precedenza nell'atto del rogito si pagava una tassa in funzione della cifra erogata per l'acquisto.
    Con la legge Bersani si è passati al pagamento solo in funzione del valore catastale.
    Questo ha messo fine al giochino di registrare al rogito una cifra di acquisto inferiore a quanto effettivamente pagato, ma di fatto c'è stato un crollo delle entrate fiscali, in quanto i valori catastali hanno cifre ridicole rispetto a quelle di mercato.
     
  9. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Non ti saprei dire su ciò, l'unica che effettivamente poso dire è che i valori catastali sono quasi sempre la metà dei valori di mercato (un po meno ora che i valori sono scesi) ma il valore di mercato rimane sempre superiore.

    Diciamo anche che legge Bersani o meno, se tu fai una continua rivalutazione dell'immobile (a scendere visto sia l'andamento del mercato sia all'usura a cui un immobile va incontro sia alla presenza o meno di tutti gli atti burocratici necessari) cambierebbe TANTO ma avresti ogni anno un ricalcolo della rendita.

    Ora visti i numeri degli immobili in Italia siamo intorno ai 61.000.000/ 62.000.000, avere ogni anno delle rivaluraxioni su ogni singola rendita sarebbe pura FOLLIA (faticano a gestire un'elenco statico figuriamoci uno dinamico).

    Poi con l'attuale numero di riavcatastamenti (legati sia al mercato sia alle richieste di aggiornamento rendite vetuste) ci vorrà qualche decennio per convertire tutti gli immobili italiani con la nuova Riforma.

    Anche i Docfa che sono istituiti prima del 2000 mica coprono tutti gli immobili in Italia; ancora tantissimi anno catasti pre anni 70, anche se pian piano stanno scomparendo.
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. Dalla legge n. 266/2005 (legge finanziaria 2006). Il governo era il "Berlusconi III".
     
  11. MagoMerlino

    MagoMerlino Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ...quindi si evidenzierà una disparità tra i cittadini:
    1)- i proprietari di casa in Lombardia con i prezzi del mercato immobiliare lombardo
    2)- i proprietari di casa in Puglia con i prezzi del mercato immobiliare pugliese
    3)- idem per le seconde case
    e così via anche se gli appartamenti hanno la medesima metratura.
    a)- mi sembra "anticostituzionale"
    b)- mi sembra una enorme "str.......a"!
    Datemi il vostro illuminato parere. Grazie! :rabbia::disappunto::sorrisone:
     
  12. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Beh il valore di mercato è commisurato alla località. Una casa nel centro di Milano vale di più di una nel centro di Bari, però anche le imposte a Milano saranno più alte, in realtà è tutto proporzionato.
    Ma dirò di più, già oggi NON esiste un tariffa unica ADE (che sono quelle che vanno ad incidere poi sulla rendita catastale finale) ma ogni provincia ha una sua tariffa.
    Il Catasto italiano è per provincia e all'interno della stessa, selezionando i Comuni, attivi delle altre sotto-tariffe che determinano rendite ancora differenti.
    Il DOCFA attuale (che è lo strumento che permette di analizzare in toto l'immobile sotto il profilo fiscale) già da parecchio tempo funziona così.

    D'altra parte se viene fatta una ricerca anche sul sito della Camera di Commercio della propria provincia e si ricercano i valori medi dei terreni o dei fabbricati NON sono uguali mica in tutta la Provincia, anzi non lo sono neanche all'interno della stessa città.

    Stesso discorso per le tariffe "d'estimo catastale", non possono essere uguali proprio perché esistono territori più di pregio e più sviluppati di altri, per cui ovviamente deve esserci questa frammentazione.
     
  13. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Mi risulta difficile che il catasto segua in maniera puntuale le logiche di mercato immobiliare tra le varie zone censuarie,
    Che dire di Cortina d'Ampezzo che era arrivata a 30.000 al mq e ora vale 10.000?
    Che dire della Costa Smeralda che valeva cifre stratosferiche e oggi giace invenduta?
    Che dire di un Centro storico del Veneto che aveva prezzi da grande metropoli e oggi tocca le quotazioni minime?
    Lasciate che il mercato immobiliare decolli, e i vantaggi ci saranno per tutti, diversamente la persecuzione fiscale contribuisce a tenere depresse tutte le quotazioni.
     
  14. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Ma infatti non ho detto che segue il valore di mercato (proprio perchè aumenterebbe) però sta di fatto che il valore catastale è comunque proporzionale al valore di mercato dell'immobile.
    Lo stesso immobile (a parità di superfici) se lo fai a Cortina d'Ampezzo non avrà lo stesso valore di un Comune vicino, sta di fatto che il valore catastale dell'immobile di Cortina D'Ampezzo sarà sensibilmente superiore agli altri immobili (di pari superficie) nei Comuni vicini.
    Il catasto ora funziona proprio così.
    Aggiungo se guardi in questo link capisci bene di cosa sto parlando ossia della divisione pronciale delle tariffe (in fondo alla pagina): Agenzia delle Entrate - Aggiornamento Catasto fabbricati - Docfa - Software per la compilazione dei documenti tecnici catastali - Docfa 4
     
  15. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    A me la disparità non dà fastidio. Invece mi dispiace che si stia andando verso un esproprio generale. E mi dispiacerebbe se quest'esproprio si attuasse anche requisendo le case per gli immigrati (di cui,è chiaro, ai politici italiani non interessa nulla).
     
  16. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Tutto vero ma con fluttuazioni come queste del mercato, dubito che le tasse seguano si gli aumenti, ma sicuramente non saranno altrettanto flessibili a seguire i ribassi. Questo è il problema, il mercato è quello di 50 anni, non quello del 2009, del 2015.
    Allora vedrete che i valori che abbiamo attualmente in catasto sono il livello al quale uno Stato non vorace dovrebbe attenersi.
     
  17. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    @Adriano Giacomelli scusa se ti devio su un'altra discussione ma sulla Guida alla Riforma ho aggiunto un pezzo nuovo, con dei video esplicativi di un'incontrodove veniva spiegato varie parti legate al funzionamento della manovra o presunta tale, cercando di aiutare a capire almeno cosa si voleva fare, perchè non è detto che poi ciò non venga riproposto avanti.
    Siccome è abbastanza complessa e le competenze e le difficoltà sono molteplici (vanno ben oltre anche alla mia) ho pensato potesse essere utile la cosa.
     
  18. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    dammi il Link dove andare a guardare. Grazie daniele
     
  19. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina