1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. gabriella2013

    gabriella2013 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ciao a tutti,
    apro una nuova discussione perchè diciamo che con i lavori di ristrutturazione del tetto siamo quasi in dirittura di arrivo. oggi pomeriggio ci sarà una nuova assemblea straordinaria per capire se i condomini sono tutti favorevoli all'istallazione dei lucernari nel tetto (uno per la mia porzione di soffitta) (e l'altro per consentire l'ispezione dell'antenna).
    rimangono le macchie nel mio bagno e in due camere da letto.
    Oggi dovrebbe venire un imbianchino a fare un sopralluogo e un preventivo.
    qualcuno conosce il regolamento in merito? come comunicare il preventivo al condominio? devo presentarne più di uno?
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Se le infiltrazioni sono addebitabili al coperto condominiale, rimane assodato che le spese di ripittura sono a carico del condominio. Quindi tu, per correttezza, esibirai il preventivo del pittore di tua fiducia, all'amministratore e questi potrà autorizzare le opere o eccepire, per esempio il costo, e allora dovrà provvedere con artigiani di sua fiducia. Di fatto, se fossi in te farei intervenire un pittore di tua fiducia, si muove in casa tua e vuoi opere come tu ritieni adatte, ma è evidente che il preventivo non potrà essere sostanzialmente diverso da quello di un altro artigiano.
     
    A Luigi Criscuolo e alberto bianchi piace questo messaggio.
  3. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Non capisco questo passaggio, in tutti i tetti condominiali le eventuali perdite da un lucernario sono a carico non del condominio ma del proprietario di quel appartamento. Non capisco come uno che è responsabile direttamente per le infiltrazioni del lucernario (e visto che lo paga di tasca propria) debba ANCHE chiedere l'autorizzazione al condominio per una cosa sua.
    Un lucernario è una semplice finestra inclinata lungo la pendenza di falda, non cambia per niente il prospetto del condominio.
    Diverso sarebbe se invece de lucernario fosse realizzato un abbaino perché andrebbe a cambiare sensibilmente l'estetica del tetto del fabbricato (il prospetto).
    Qui sicuramente ci vorrebbe l'assenso del condominio.
     
  4. Certificatore

    Certificatore Membro Attivo

    Professionista
    @Daniele 78 guarda che i lucernari li devono ancora installare ... devono ancora deliberare di installarli ...


    Le indicazioni date da @Adriano Giacomelli sono corrette ... da parte mia preciserei che la domanda è ambigua perchè dalle tue indicazioni sembra che abbiano già deliberato lavori di sistemazione sul tetto, e questo lo dovrebbe aver seguito l'amministratore, dietro una denuncia all'assicurazione.
    Il perito dell'assicurazione dovrebbe essere già venuto o dovrebbe arrivare per stimare i costi.
    Dunque, considerato che @Adriano ha detto la cosa corretta, da parte mia consegnerei un preventivo all'amministratore che si avvicini al corrispettivo che l'assicurazione ti verserà e successivamente (una volta ricevuto l'assegno) farei effettuare i lavori ad un mio incaricato di fiducia.:)
     
  5. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Ma io non ho mica detto che li hanno già installati, ho detto SOLO che non ha senso chiedere il permesso al condominio per una cosa tua...tutto qua.
     
  6. Certificatore

    Certificatore Membro Attivo

    Professionista
    Non vorrei avessi fatto un po' di confusione, i lucernari devono essere autorizzati e deliberati dall'assemblea condominiale.:)
    Inoltre, deve essere presenta una richiesta autorizzative in comune per l'esecuzione dei lavori (DIA, SCIA, PDC, ecc.) concordato con il Tecnico Comunale.:ok:
     
  7. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Una cosa è certa, fare un'autorizzazione per mettere un lucernario o un abbaino su un tetto (che se non ho capito male vedi Qui sotto
    sono già stati realizzati).
    Però avere un tetto nuovo appena rifatto, doverlo tagliare nuovamente (taglio delle perline dell'isolante, tegole e realizzazione di lattoneria) per rinfilarci un lucernario (tipo velux o altro) è un po' un 'eresia...rischio di creare problemi d'infiltrazione dovuti al ri-adattamento della struttura per ospitare il lucernario.
    Più corretto (anche legato ai costi di taglio ed inserimento lucernario) è l'approccio dove lo prevedi già prima, per non dover poi, magari a distanza di due anni andare a controllare delle perdite o delle "condense" dovute proprio a queste aggiunte posticce.
    Non è il costo del lucernario insormontabile, diventa però poi molto molto molto difficile andare a discutere a fronte di fenomeni di condensa (che può succedere) legati a ciò che ho detto prima.
     
  8. Certificatore

    Certificatore Membro Attivo

    Professionista
    Ti do pienamente atto di quanto dici, ma non credo che i lucernari siano da deliberare dopo che il tetto sia stato "ristrutturato", ovvero rifatto o modificato; quanto nel suo termine abbia indicato che si tratta di una ricorsa e pertanto non sono state eseguite opere che abbiano visto rifacimenti delle lamiere, scossaline o altro; almeno spero; anche perchè sarebbe un dramma molto serio.
    Può @gabriella2013 spiegarci meglio cosa intende con « ... diciamo che con i lavori di ristrutturazione del tetto siamo quasi in dirittura di arrivo ... » e con « .. ci sarà una nuova assemblea straordinaria per capire se i condomini sono tutti favorevoli all'istallazione dei lucernari nel tetto (uno per la mia porzione di soffitta) (e l'altro per consentire l'ispezione dell'antenna) ...» grazie.
     
  9. gabriella2013

    gabriella2013 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    ciao a tutti...oggi finalmente sono venuti a portare via i cassoni di amianto posti nel sottotetto e visto che sono rimasti li rotti diverso tempo vi chiedo se secondo voi è necessario far fare una bonifica di quell'area e come devo muovermi visto che i condomini non sono mai favorevoli a pagare le spese di cose palesemente indispensabili...grazie in anticipo a chi mi darà qualche suggerimento
     
  10. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Ciao se sono stati rimossi i cassoni in amianto non hai bisogno di fare più altro diverso sarebbe se le tegole fossero in fibro cemento contenente amianto, ma sono soluzioni (il libro cemento) utilizzato per lo più nell'industriale e nel commerciale...non nel residenziale. Il sottotetto è comune?? Perché altrimenti eventuali verifiche ed eventuali bonifiche (previo sopralluogo) spetterebbero a te.
     
  11. gabriella2013

    gabriella2013 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    il sottotetto è in parte dei proprietari degli appartamenti dell'ultimo piano (uno è il mio) e parte condominiale. quindi secondo te non ci sono fibre di amianto anche se i cassoni sono stati rotti e manipolati diversi mesi?
     
  12. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Diciamo che i cassoni sarebbero dovuti già essere maneggiati da tecnici specializzati nella rimozione amianto allora, onde evitare dispersioni negli ambienti oggi. Capisco comunque la tua situazione, anch'io abito in condominio, e quando ci sono problemi di perdite d'acqua dai tetti, dai terrazzi o rimozione amianto si tende a "scaricare il problema" sempre sui condomini più interessati in quanto adiacenti a queste situazioni.
    Anche noi abbiamo un problema di perdite d'acqua dal tetto, dopo anni di richieste in assemblea d'interventi per "tamponare i problemi" siamo arrivati a chiedere un'assemblea straordinaria per risolvere il problema...ma i condomini se ne sbattono comunque, credo si arriverà ad un contenzioso legale con il condominio.
     
  13. gabriella2013

    gabriella2013 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    durante i lavori di ristrutturazione del tetto i cassoni sono stati rotti e quindi suppongo che fibre ce ne siano.
    oggi la ditta che è venuta a prelevarli non so bene se abbia usato le dovute cautele nella rimozione ma in ogni caso prima della rimozione comunque i cassoni sono stati manomessi dagli operai che hanno rifatto il tetto. ora devo capire che tipo di guerra devo ancora fare per far bonificare il sottotetto...visto che è una proprietà comune la spesa deve essere ripartita fra tutti i condomini
     
  14. Certificatore

    Certificatore Membro Attivo

    Professionista
    Io mi auguro che stiate scherzando con i vostri discorsi sull'amianto... @Daniele 78 ha ragione nel dire che doveva essere eseguitsa operazione da tecnici specializzati, ma che adesso i muratori o chi sia, hanno rotto manufatti in fibro cemento, questa è la dimostrazione dell'ignoranza...
    A questo però non è da trascurare che la parte dove erano presenti questi "cassoni" deve essere bonificata da specializzati, altrimenti tutti coloro che andranno in quella zona del sotto tetto, si respirano le fibre ... perchè dovete sapere che le fibre di amianto rimangono sospese e si abbattono soltanto con l'acqua, mentre si volatilizzano e cadono soltanto le polveri ...
    Pertanto, @gabriella2013 ti consiglio di far bonificare l'area ... e se fossi in te, denuncerei all'amministratore (se c'è) l'accaduto della rottura dei cassoni...
     
  15. gabriella2013

    gabriella2013 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    l'amministratore c'è....ma è una gran bastarda purtroppo. ora eventualmente dovrò far bonificare l'area e pagare di tasca mia e poi farmi risarcire ma rischio di non riprendere i soldi
     
  16. gabriella2013

    gabriella2013 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    sto preparando una lettera per l'amministratrice e la invierò oggi per fax
     
  17. Certificatore

    Certificatore Membro Attivo

    Professionista
    Invece pechè, al posto di adirarti, non capovolgi la situazione ... fai presente all'amministratrice che se non provvede immediatamente a far bonificare l'area, per i danni causati, presenti un esposto all'ASL di competenza e vediamo se poi non si muove immediatamente ... alle volte le parole te le tirano «... l'amministratore c'è....ma è una gran bastarda purtroppo ...» giusto? ... e allora usiamo quelle giuste e lecite ...:)
     
  18. gabriella2013

    gabriella2013 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    certificatore hai perfettamente ragione...è così che farò...ma ciò che mi duole è che cmq per avere cose normali bisogna sempre ricorrere a denunce perche la gente non vuole seguire delle semplici regole di umana convivenza...e allora io attendo la risposta al fax che ho mandato ieri e se non la ricevo allora ne manderò un'altra dove dirò che eventualmente farò l'esposto alla ASL. sono anni che faccio queste lotte e sinceramente è davvero stancante.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina