1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. d1r2

    d1r2 Nuovo Iscritto

    a seguito di una infiltrazione d'acqua proveniente dal piano superiore in corrispondenza della colonna di scarico dell'acqua chiedevo all'amministratore del condominio di attivare la compagnia assicurativa. Mi rispondeva che seppur prevista in polizza la ricerca guasto per danni da acqua non poteva attivarla se non prima io avessi fatto fare una relazione da un professionista abilitato che dichiarasse che l'infiltrazione era condominiale e non privata. Oltre ad avere il danno anche la beffa di spendere dei soldi in anticipo per il professionista?????
     
  2. Gatta

    Gatta Membro Attivo

    Suona un pò strano l'atteggiamento dell'amministratore.
    Che comunque è tenuto fra l'altro a "compiere gli atti conservativi dei diritti inerenti alle parti comuni" (art.1130/4 cc).
    In ogni caso il danno lamentato è oggettivamente riscontrabile,talchè il risarcimento è dovuto:se l'infiltrazione proviene dal piano superiore,sarà opportuno documentare con foto il danno e,quindi,reclamarlo al condòmino sovrastante con riserva di quantificazione.
    Occorre contestare,quindi,con lettera raccomandata l'evento sia al condòmino che all'amministratore laddove l'evento fosse riconducibile alla condotta condominiale comune nella quale ipotesi sarebbe obbligato ad attivare la Compagnia per la perizia.
    Buona educazione e reciproco rispetto coi condomini suggerisce di avvisare il presunto danneggiante della notifica della monitoria con l'intendimento di ottenere il ristoro del danno.
    Attendiamo di conoscere il prosieguo della vicenda.
    Gatta
     
    A Jrogin piace questo elemento.
  3. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    C'è un limite di tempo per denunciare il danno alla Compagnia? O può andare in prescrizione?
    Mi spiego meglio. Il danno da infiltrazione dal terrazzo condominiale ai danni dei un condomino si è verificato 4 anni fa e il vecchio amministratore non ha segnalato il fatto alla Compagnia. Ora il nuovo amministratore dice che è troppo tardi :domanda:
    Grazie
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Risposta x d1r2 l'amministratore ha l'obbligo di fare denuncia di danno presunto, la polizza comprende la ricerca guasti, e solo dopo si saprà dovè il guasto, ed eventuali responsabilità da addebitare, di norma questi guasti se non dipendono dalle tubazioni condominiali, vengono addebitate al condomino soprastante, ma questo è tutto da verificare dopo l'intervento della ricerca ciaoa dimecasa:daccordo:
     
  5. Gatta

    Gatta Membro Attivo

    Come si fa a lasciar trascorrere quattro anni? Che bella comunità condominiale!
    In punto diritto l'art.2952 cod.civ.recita fra l'altro che in tema di "Prescrizione in materia di assicurazione" : "..Gli altri diritti (tra cui quello in esame ndr) derivanti dal contratto di assicurazione di prescrivono in un anno..."
    In linea generale va tenuto presente per opportuna conoscenza degli Amici Propit che l’articolo 1913 del C.C., sotto la dizione "Avviso all'assicuratore in caso di sinistro" recita: "L'assicurato deve dare avviso del sinistro all'assicuratore o all'Agente autorizzato a concludere il contratto, entro tre giorni da quello in cui il sinistro si verificato, o l'assicurato ne ha avuto conoscenza............" .
    E' questo un articolo fondamentale la cui corretta applicazione è spesso messa in discussione nella quotidiana pratica; si assiste infatti, nella maggioranza dei casi, a denuncie presentate in ritardo, quasi mai circostanziate nella narrativa del sinistro e incomplete che divengono frequentemente fonte di continue discussioni.
    Le conseguenze di una scorretta applicazione dell'art.1913 c.c. vengono evidenziate dall'art. 1915 c.c. per cui:
    "l'assicurato che dolosamente omette l'obbligo dell'avviso, perde (addirittura) il diritto all'indennità".
    Se l'assicurato omette colposamente (cioè per negligenza,incuria..) di adempiere tale obbligo, l'assicuratore ha diritto di ridurre l'indennità in ragione del pregiudizio sofferto. Che andrà valutato per ogni fattispecie.
    Gatta
     
    A piace questo elemento.
  6. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Purtroppo i condomini non sapevano nulla...e l'amministratore era quello che era!......:triste:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina