1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. quasimodo

    quasimodo Nuovo Iscritto

    Buona Sera a tutti, in questi giorni abbiamo rifatto i poggioli del nostro condominio (6 propieteri).
    Ora e sorto un problema e cioè uno dei condomini abitando al piano terra Si rifiuta di pagare la sua parte per quanto riguarda le impalcature utilizzate, perche asserisce che per sistemare il suo di poggiolo il ponteggio non serviva, perciò si rifiuta di fare la sua parte.
    p.s. sono stati sistemati i frontalini.
    Qualcuno sa darmi delle dritte?
     
  2. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro dello Staff

    Professionista
    i frontalini sono parti comuni, quindi ai sensi dell'art. 1117 le spese per la loro manutenzione(e quindi tutte le operazione necessari)e sono a carico di tutti in condomini in proporzione millesimale di proprietà.

    saluti
     
  3. stebufi

    stebufi Nuovo Iscritto

    Mi pare che la risposta debba essere più articolata, in quanto, come chiarito più volte da sentenze di Cassazione:

    1) se trattasi di frontalini, che non rivestono importanza decorativa, e fanno parte di solette di balconi a sbalzo, essi sono da considerarsi di proprietà esclusiva del proprietario del balcone dell'appartamento e non condominiale;

    2) in generale, poi, in qualunque caso, se il danneggiamento del frontalino è da imputarsi, come avviene quasi sempre, a una carente impermeabilizzazione della soletta del balcone o a fenomeni di carbonatazione(degrado) del calcestruzzo della stessa, la spesa relativa ricade sempre sul proprietario dell'appartamento e non sul condominio.
     
    A Alessia Buschi piace questo elemento.
  4. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Ciao,

    concordo con stebufi, in quanto le spese per i frontalini dei balconi sono sempre dei singoli proprietari, se non viene provata la loro funzione decorativa e ornamentale dell'immobile.

    Per quanto riguarda il problema dei ponteggi, se il ponteggio è stato installato solo per la riparazione dei balconi privati, senza toccare la facciata, e/o i tetti e in generale le parti comuni, la relativa spesa compete solo ai proprietari dei balconi, non per millesimi di proprietà ma proporzionalmente alle dimensioni dei soli balconi. Il costo del ponteggio, ovviamente la Ditta lo farà a corpo per tutti i balconi, sarà compito dell'amministratore se c'è, ripartire il costo fra i proprietari dei balconi.

    Però non mi è chiaro il fatto che ci sia un balcone al piano terra?
     
    A Marco Giovannelli e Infradito piace questo messaggio.
  5. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro dello Staff

    Professionista
    mi ricordo di un qualche articolo dove avevo letto che se si parla dei laterali i frontalini sono a carico della proprietà, se in "estensione" della facciata, quindi quelli frontali sono a carico del condominio.

    cerco l'articolo e se lo trovo lo pubblico.

    saluti
     
    A Alessia Buschi piace questo elemento.
  6. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Veramente anch'io avevo letto che i frontalini, in quanto "protusione" della facciata sono da ritenersi a carico del Condominio anche se non rivestono un particolare pregio estetico.
     
  7. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro dello Staff

    Professionista
    infatti basta un pò di ragionamento:

    se non ci fosse il balcone al posto del solaio del balcone ci sarebbe un pezzo di facciata su cui fare manutenzione(diviso in prop millesimale) che pensandoci è la stessa superficie che c'è sul frontalino del balcone! discorso diverso per i laterali.

    non so se sono stato chiaro.

    saluti
     
  8. stebufi

    stebufi Nuovo Iscritto

    Riporto di seguito sulla questione, che sembra non aver mai fine, il parere molto ben articolato del dott. Marco Venier reperibile su :Frontalini dei balconi, che sottoscrivo in pieno:

    "E’ quanto mai recente il dibattimento sulle spese di manutenzione dei frontalini dei balconi aggettanti, specie dopo le ultime nevicate che hanno aggravato la situazione di pericolosità data dal distacco di intonaci e conseguente pregiudizio per l’incolumità dei passanti.
    A tal riguardo dobbiamo distinguere subito 2 casistiche:
    1) crepe al frontalino dovute alla carente manutenzione del balcone;
    2) distacchi di intonaco dai frontalini, causati da fattori indipendenti dallo stato manutentivo del balcone (normale usura).
    Nel primo caso è indubbio che le spese inerenti la sistemazione del frontalino ricadano sul proprietario del balcone. La giurisprudenza consolidata, infatti, è univoca nell’affermare che il balcone è da considerarsi privato, in quanto prolungamento dell’appartamento, anche se inserito in facciata. In particolare cito la recentissima sentenza della Cassazione Civile, Sezione II, 5 gennaio 2011 n. 218: <<i balconi aggettanti, i quali sporgono dalla facciata dell'edificio, costituiscono solo un prolungamento dell'appartamento dal quale protendono e, non svolgendo alcuna funzione di sostegno nè di necessaria copertura dell'edificio - come, viceversa, accade per le terrazze a livello incassate nel corpo dell'edificio - non possono considerarsi a servizio dei piani sovrapposti e, quindi, di proprietà comune dei proprietari di tali piani; pertanto ad essi non può applicarsi il disposto dell'art. 1125 cod. civ.. Ne consegue che i balconi aggettanti, pertanto, rientrano nella proprietà esclusiva dei titolari degli appartamenti cui accedono.>>.
    In tal caso, dunque, il proprietario del balcone di cui è stato accertato il carente stato manutentivo, è responsabile del danno al frontalino.
    Più delicato, invece, l’accertamento della responsabilità in merito a chi faccia carico la sistemazione del frontalino del balcone dove non sono stati rilevati danni sulla pavimentazione e/o sulla impermeabilizzazione.
    A tal riguardo la giurisprudenza fino alla metà degli anni ’90, si era espressa nel senso che i frontalini vanno considerati di competenza condominiale (Trib. Milano Sez.VIII, 1 febbraio 1988, n°1045, Trib. Milano Sez. VIII, 14.10.1991 n°9259; Trib. Milano Sez.VIII, 7 maggio 1992, n°5102; Trib. Milano sez. civ. IV sent. 06.07.1995, Cass.18.03.1989 n°1361). La motivazione addotta era che <<i c.d. frontalini dei balconi assicurano l'estetica della facciata dello Stabile tanto quanto lo stesso muro perimetrale dell'edificio con cui si integrano in un rapporto armonico ed al quale vanno assimilati per l'individuazione del regime giuridico applicabile>> (dottrina, Avv.Sergio Guastella, art. di ottobre 2001 inserito nella pagina web Diritto & Diritti ) .
    Tuttavia a decorrere da quella data, si rileva una decisa inversione di tendenza della giurisprudenza stessa.
    Già nel 1996, la Corte di Cassazione, con sentenza n. 8159 sanciva che i frontalini costituirebbero facciata (rilevante ai fini dell’addebito delle spese di sistemazione al Condominio o ai singoli condòmini) solo se assolvono alla funzione di rendere esteticamente gradevole l’Edificio. Da ciò conseguiva la necessità di stabilire caso per caso la funzione del frontalino e il conseguente regime di appartenenza ai fini dell’individuazione della corretta ripartizione di spese.
    Successivamente si registra un’altra sentenza con lo stesso orientamento; si tratta della sentenza n.1784/2007 della Corte di Cassazione, con la quale si è puntualizzato che la spesa dei frontalini dei balconi non può essere ripartita fra tutti i condomini se non viene provata la loro funzione decorativa-ornamentale dell’immobile, secondo una valutazione riservata al giudice del merito, anche quando l’intervento sia stato imposto da una ordinanza comunale per ragioni di sicurezza.
    Infine si desidera citare la posizione ufficiale dell’ANACI, forse la più importante associazione di amministratori di Condominio in Italia.
    In particolare, l’avv. Carlo Patti, nel suo articolo Ripartizione delle spese di balconi aggettanti del 09/05/2011, disponibile anche su web (CONDOMINIO BALCONI Ripartizione spese balconi Domande frequenti sul condominio), asserisce che <<i frontalini dei balconi aggettanti sono da ritenersi, per indirizzo giurisprudenziale ormai consolidato, di esclusiva proprietà del titolare del balcone medesimo>>, citando a supporto di tale affermazione la seguente giurisprudenza: Cass.8159/1996; Cass.637/2000; Cass.1784/2007; Cass.15713/2007.
    Tale posizione viene ribadita con la relazione sui FRONTALINI, ad opera dell’avv. Paola Carloni del 07/02/2012 in cui si sostiene che <<la “condominialità” del frontalino non può affermarsi in astratto, ma deve essere svolta una indagine concreta sulla funzione svolta, indagando caso per caso se sussista o meno la predetta funzione comune.>>.
    In tale relazione si sottolinea nuovamente che le spese dei frontalini vanno a carico di tutti i condòmini solo quando si inseriscono nel prospetto dell’edificio e contribuiscono a renderlo esteticamente gradevole”( Cass. 20 luglio 2004, n. 14576; Cass. 7 settembre 1996, n. 8159), sottolineando che nelle sentenze esaminate <<si parla sempre degli elementi decorativi (es. stucchi) posti sul frontalino e non del frontalino (inteso nelle sue connotazioni strutturali), ragion per cui sono i primi e non il secondo ad essere di proprietà comune, salvo che per le connotazioni strutturali non sia possibile operare questa differenza. In tal caso tutta la parte deve essere considerata comune.>>.
    Considerando l’oggettiva difficoltà nel sostenere che un frontalino abbia una funzione ornamentale nel Condominio (di competenza, lo ricordiamo, del solo giudice di merito, Cass. sent. 1784/2007), si deve, nel complesso, ritenere che la manutenzione di tali parti del balcone aggettante sia di competenza del proprietario dello stesso.
    Pertanto l’amministratore del Condominio non ha competenza di intervento sul frontalino e la già citata sentenza n. 1784/2007 della Corte di Cassazione, addirittura, avvisava che qualora lo stesso agisse per l’eliminazione del pericolo senza delibera assembleare, attraverso la demolizione delle sole parti pericolanti, le cui operazioni erano state affidate ad una Ditta di propria fiducia, non poteva ottenere il rimborso delle spese sostenute nella sua qualità di Amministratore, potendo agire per il recupero delle somme solo come privato. Se, poi, ci aggiungiamo anche quanto affermato dalla Cassazione, con sentenza n. 21199/2005, per cui è considerata illegittima e viziata di nullità la delibera che impone spese riguardanti gli interventi di manutenzione dei balconi da considerarsi di proprietà esclusiva del titolare del balcone, per il combinato delle posizioni giurisprudenziali e dottrinali più recenti evidenziate in questa sede - che attribuiscono il frontalino al balcone aggettante di cui fa parte - ne scaturisce che l’ Amministratore di Condominio deve muoversi con cautela, relativamente ad operazioni manutentive di tale tipo, intervenendo solo dopo espressa richiesta del proprietario del balcone, per il cui frontalino si verifica il distacco di intonaci.
    Analogo discorso può essere sostenuto per i frontalini dei balconi incassati (inseriti, cioè, nella struttura portante dell’Edificio e che non si protendono nel vuoto), che sono di competenza del proprietario soprastante e quello sottostante, andandosi ad applicare, per analogia, l’art.1125 c.c. (Cass. 21 gennaio 2000 n. 637) per via della contemporanea funzione di separazione delle due proprietà (nel senso verticale), di copertura e di sostegno.

    Roma, 01/03/2012

    Dott. Marco Venier"

    Ritengo anche molto illuminante per i disegni illustrativi sulla problematica la guida ADOC sulla ripartizione delle spese in condominio reperibile all'indirizzo http://www.uil.it/uilmarche/Download/adocRipartoSpese2005.pdf
     
    A Marco Giovannelli piace questo elemento.
  9. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Ciao,

    la cosa che mi ha incuriosito è stata che Quasimodo ha scritto che esiste un balcone al piano terra al quale è stato rifatto il frontalino.

    Le spese per i frontalini dei balconi sono sempre dei singoli proprietari, se non viene provata la loro funzione decorativa-ornamentale dell'immobile. Così la sentenza 1784/2007 della Cassazione ha messo i puntini sulle i dell'annosa questione.

    Al di fuori di tale circostanza o in mancanza di prova, le spese dei frontalini vanno imputate solo ai condomini proprietari dei balconi ed è addirittura considerata illegittima e viziata di nullità la delibera che impone spese ( e la relativa ripartizione ) riguardanti gli interventi di manutenzione dei balconi da considerarsi di proprietà esclusiva a chi non è titolare di balconi ( Cassazione, sentenza n. 21199/2005).

    Gli elementi esterni degli affacci se adempiono prevalentemente alla funzione ornamentale dell’intero edificio devono considerarsi parti comuni
    Trib. Bologna Sez. III, 20/05/2010

    Gli elementi esterni degli affacci e segnatamente dei balconi quali in particolare i rivestimenti della fronte o della parte sottostante della soletta, i frontalini ed i pilastrini, devono considerasi parti comuni, se adempiono prevalentemente alla funzione ornamentale dell’intero edificio e non solamente al decoro delle porzioni immobiliari ad essi corrispondenti.

    Poi bisogna vedere se Quasimodo chiarisce effettivamente questi frontalini se hanno dei fregi o meno.

    Se come è stato supposto, ovvero i frontalini non avendo nessun fregio particolare da essere ritenuti parte condominiale, ma privata, la spesa per il riparto dei ponteggi è da considerarsi a carico dei singoli proprietari dei balconi, quindi a mio avviso ritengo che il proprietario del piano terra se effettivamente non ha avuto bisogno del ponteggio per rifare il suo, è giusto che sia esonerato dalla spesa, anche se non capisco come può esserci un balcone al piano terra....
     
    A stebufi piace questo elemento.
  10. quasimodo

    quasimodo Nuovo Iscritto

    Salve a tutti prima Di tutto vorrei ringraziare per le vostre risposte. Poi per quanto riguarda il balcone al piano terra veramente è alto da terra circa 50-60 cm.
    Buona notte.
     
  11. quasimodo

    quasimodo Nuovo Iscritto

    Salve a tutti prima Di tutto vorrei ringraziare per le vostre risposte. Poi per quanto riguarda il balcone al piano terra veramente è alto da terra circa 50-60 cm.
    Buona notte.
    Visto che il lavoro di manutenzione dei frontalini (rivestimento con lattoniera) è stato eseguito su tutti e 6 balconi, anche quello rialzato. Il propietario asserisce che per sistemare il suo non cera bisogno del ponteggio e cosi non vuole pagare la sua parte.
    Come Si può rispondere a questo condomino? Per me dissidente.:soldi:
     
  12. quasimodo

    quasimodo Nuovo Iscritto

    Salve a tutti prima Di tutto vorrei ringraziare per le vostre risposte. Poi per quanto riguarda il balcone al piano terra veramente è alto da terra circa 50-60 cm.
    Buona notte.
    Visto che il lavoro di manutenzione dei frontalini (rivestimento con lattoniera) è stato eseguito su tutti e 6 balconi, anche quello rialzato. Il propietario asserisce che per sistemare il suo non cera bisogno del ponteggio e cosi non vuole pagare la sua parte.
    Come Si può rispondere a questo condomino? Per me dissidente
     
  13. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Scusa sai, ma a me sembra che il condomino del piano terra abbia ragione. A lui il ponteggio non è proprio servito. Chia ha usufruito del ponteggio dovrebbe sostenerne le relative spese.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina