1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. scarperosse

    scarperosse Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    salve a tutti, chi mi può aiutare a conoscere direttive su un quesito? (in provincia di rimini) è stato aperto un varco tra l'appartamento e un vano accessorio di proprietà su muro portante, all'epoca non previsto sul d.i.a, devo pagare multe, sanzioni, oneri ecc.... ? cosa dice nel merito il codice civile e leggi regionali?
    grazie mille per le vostre risposte
    da scarperosse
     
  2. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Un vano costruito su un muro? Che significa? Puoi fare un disegno?
     
  3. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Sicuramente in caso di compravendita dovresti presentare una dia in sanatoria per la porta con la relativa sanzione e riaccatastare l'immobile dovendo rifare le planimetrie di casa e vano accessorio. Non conosco la legge regionale dell'Emilia ma per quella nazionale puoi fare riferimento al decreto legge 78/2010 e legge 122/2010. Anche l'art 29 della 52/85.
     
  4. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    il fatto che il muro sia portante non influisce sulle procedure urbanistiche, se la casa è tua avresti dovuto tenere conto del fatto, se invece si tratta di condominio il problema si porrà eventualmente se chi abita sopra notetà lesioni nelle strutture, in generale comunque se la nuova apertura non è particolarmente grande rispetto al muro non dovrebbe compromettere la stabilità
    per il resto vale quanto ha scritto Daniele
     
  5. scarperosse

    scarperosse Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    rispondo chiarendo la situazione, l'appartamento sito al piano terra di mia proprietà veniva ereditato assieme un locale accessorio.
    il locale accessorio confinante in adesione al muro portante è stato ristrutturato e aprendo una porta è diventato parte integrante dell'app.to.
    stabilito dal comune che il vano ampliava l'app.to , è stato pagato l'onere di urbanizzazioneper l'intera metratura aggiunta all'app.to.
    domanda; il vano era esistente come l'app.to, penso che gli oneri sia stati pagati per ambedue unità dal nonno, tuttavia durante la ristrutturazione per l'apertura della porta si pagava nuovamente un onere di urbanizzazione pari alla metratura dell'intero vano accessorio.
    da qui nasce un dubbio......
    perchè ora devo pagare ancora una sanzioni per la maggior metratura del vano se all'epoca della ristrutturazione già si pagava oneri per l'intera metratura?
    èseconda domanda; la porta costruita in fase di ristrutturazione deve essere gravata di oneri di urbanizzazione o di sanzioni?
    mille grazie da scarperosse.
     
  6. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Sicuramente il vano accessorio aveva destinazione urbanistica come cantina. Tutte le volte che si cambia destinazione da vano accessorio (cantina,deposito ecc) e lo si porta ad esempio come camera dell'abitazione viene richiesto l'onere di costruzione pari a quello che avrebbero chiesto a tuo nonno se il progetto originario avesse avuto la camera al posto della cantina, ed ovviamente a fine lavori la variazione catastale. In molti comuni esiste una sorta di superficie in "franchigia" per i vani accessori come le cantine; ad esempio in un Comune che conosco molto bene la superficie in franchigia è di 20 mq per le cantine e di 30mq per i box auto. Se il progetto rispetta queste franchigie come superfici massime non vengono calcolati oneri aggiuntivi.
    Se ad esempio vengono fatti depositi da 21mq e box da 31mq non paghi oneri SOLO per l'eccedenza ma per tutta la superficie accessoria.
    Questa è la risposta alla prima domanda.

    No se non viene fatta in sanatoria, si in caso contrario. Comunque in entrambi i casi ossia sia che sia richiesta sanatoria, sia che la concessione sia normale, devi pagare le spese d'istruttoria pratica (generalmente intorno ai 100€) e marche da bollo. Se in sanatoria il minimo solo per la sanatoria dovrebbe essere intorno ai 500€.
     
  7. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    se il vano era accessorio ed è diventato agibile come locale di abitazione, la variazione comporta una tassa corrispondente al maggiorvalore di urbanizzazione della nuova destinazione rispetto alla precedente, non sono sanzioni a meno che non si tratti di sanatoria che però non citi nella tua descrizione
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  8. scarperosse

    scarperosse Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    intanto vi ringrazio per le risposte, ma il problema è ben più grave,
    secondo me il comune sbaglia qualcosa o io non capisco un cacchio.
    la casa su due piani è stata costruita dal nonno e divisa in fase ereditaria-
    il piano terra era comprensivo del vano accessorio.
    ereditando l'appartamento al piano terra comprensivo del vano (sgombero) in muratura, fu costruita una porta su muro portante per rendere il vano accessibile dall'interno dell'app.to,
    ho ristrutturato il vano e casa senza aggiungere al d.i.a, la porta aperta sul muro portante e non ho cambiato la destinazione d'uso del vano.
    successivamente veniva regolarizzata la porta con normale d.i.a e pagavo oneri di urbanizzazione per l'ampliamento della casa equivalente l'intera metratura del vano sgombro,
    ancora una volta non ho fatto un cambio di destinazione d'uso.
    ultimamente il comune ha fatto arrivare un'ordinanza di abbattimento di una parte del vano in quanto dalla concessione edilizia originaria risultano 3 mq in più, quindi o pago la sanzione in sanatoria o abbatto un pezzo di questo vano.
    il dubbio rimane in quanto io avevo già pagato l'onere per l'intera metratura esistente, non parziale.
    il comune dice che sul progetto originario, il vano era inferiore di 3 mq,
    quindi parla di abuso edilizio.
    domanda; io ho già pagato un onere di urbanizzazione per l'intera e reale metratura del vano che risulta ancora sgombero quindi non capisco la loro richiesta di sanare o abbattere o sanzionare..
    capite che caos? un saluto da scarperosse
     
  9. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Hai fatto un abuso edilizio in quanto il cambio di destinazione d'uso va sempre regolarizzato, non solo se non cambi destinazione d'uso devi presentare la sanatoria con la destinazione d'uso corretta, il tutto ovviamente ti costa. Vedi il discorso di prima del precedente post.
     
  10. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    da come la metti sembra che ci sia un errore d'interpretazione da parte del comune, il collegare un accessorio all'appartamento senza cambio di destinazione al massimo produce un contributo sul costo di costruzione relativo alla sola aperetura della porta, il problema dell'abuso invece è importante ed è meglio chiarirlo
     
  11. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Non sarebbe affatto strano. Mai fidarsi di chi lavora nelle istituzioni! Ne so io qualcosa riguardo gli impiegati dell'ADE.
     
  12. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    infatti, capita ma il tecnico che segua il nostro amico, che ne pensa? Io tratto con il mio referente dell'UT ogni volta, lui che fa?
     
  13. scarperosse

    scarperosse Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    grazie mille, ho eriditato un abuso di tre mq, ho aperto una porta e pagato per questa apertura circa 10.000 euto tra cerchiatura muratori tecnici ecc... pagato oneri per il D.I.A e di urbanizzazione pari alla reale metratura , porlano ancora di abuso edilizio e dovrò pagare ancora una metratura che precedentemente era già stata calcolata, sono ancora in difetto perchè è obbligatorio fare il cambiamento di destinazione d'uso, bene, bene, bene............ che leggi ......... quante leggi........ quanti soldiiiiiiiiiiiiini
    grazie mille a governanti, tecnici e comuni.
    scarperosse
     
  14. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    scusa se insisto ma il tuo tecnico cosa ne pensa?
     
  15. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    10.000€ parli tra lavoro, oneri in sanatoria e tecnico che ti ha eseguito i lavori vero???
     
  16. scarperosse

    scarperosse Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    si, proprio cosi, come tecnico un ingegnere e collaboratore, ferro per il cerchiaggio e muratori. l'ingegnere scrupoloso ha fatto spostare la porta esistente di 10 centimetri in più dal muro e ha fatto eseguire il cerchiaggio mettendo tanto ferro da tenere sù l'intero ponte di tiberio, quindi sono stati aggiunti soldi per i muratori ecc.. ecc...
    la porta in ciliegio era già presente,
    l'ing. non era a conoscenza che dovevo regolarizzare l'ampiamento della casa quindi oltre ai 10000 euro ho dovuto pagare al comune diversi soldi per l'ampliamento sorvolando la sanzione. da qui sono venuta a sapere che si doveva fare anche il nuovo catastamento ma l'ingegnere dice che non è compito suo, quindi dovrò contattare un geometra solo per disegnare una porta e far figurare al catasto il vano sgombero che è diventato camera, pagarlo e pagare il catasto con multa per il ritardo. non è ancora finita la mia odissea per una serie di errori fatti da altri tecnici, comunque io piccola donna senza tanti quattrini pago la miserabile odissea.
    ciao da scarperosse
     
  17. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    è stato fatta un pilastro?? Scusa, se faccio tante domande, ma sto cercando di capire per avere più informazioni.
     
  18. scarperosse

    scarperosse Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    scusate se insisto, capisco la confusione dei tecnici, le mille leggi dell'edilizia, ma perchè devo pagare solo io l'errore di loro? come dicevo era stato aperto un d.i.a dove veniva fatto presente l'apertura di una finestra e la ristrutturazione del vano accessorio senza segnalare la porta comunicante in quanto pareva non necessario.
    da lì il tecnico pareva dicesse della non importanza in quanto era interna all'ambiente e neanche mi faceva segnalare la nuova pavimentazione su corte comune con parenti. è iniziato il caos, la mia odissea, dopo 2 anni dai lavori e vi potrete immaginare il motivo, viene fuori che non era stato s nel d.i.a. la porta interna su muro portante, quindi facevo in modo di regolarizzarla da un altro tecnico, ora viene fuori che non era stato presentato l'e.p.d.i.a quindi l'antisismica sulla finestra principale, ne comunicato il rifacimento della pavimentazione, da queste beghe è stato scoperto l'abuso di 3 metri del vano accessorio, devo rifare e pagare tutto oltre la multa, grazie al mio tecnico. io ero una donna ora sono paranoicaaaaaaaaaaaaa.
    ciao a tutti da scarperosse[DOUBLEPOST=1402595436,1402595300][/DOUBLEPOST]si, certo che c'era il pilastro, le travi e tutto l'occorrente fatto da muratori.
     
  19. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Una d.i.a non un d.i.a.

    Ti faccio questa piccola premessa di questi 2 casi per farti capire meglio:


    • Se la porta è stata aggiunta dopo la presentazione della pratica perchè non si pensava di utilizzare la camera non è colpa del tecnico, tutt'al più poteva avvisare prima.

    • Se invece già all'inizio ci si era accordati per questa "apertura in breccia su muro portante" è non è stata prevista nella D.i.a la variante con la porta dovrebbe fartela gratuitamente il tecnico (visto che sarebbe un errore suo non averla inserita).

    ha sbagliato sicuramente lui qui

    Immagino le tue peripezie, l'unica cosa che non capisco è che c'entra l'antisismica, hai toccato un prospetto dell'immobile per caso?? Perchè da come ne parli si (non capisco solo l'antisismica per l'apertura di una finestra, questa mi suona veramente nuova, il resto no, comunque non impossibile da rimediare).

    L'unica cosa ma il vano di 3 mq era previsto già di farci dei lavori, ossia di utilizzarlo già all'inizio come "allargamento abitazione"?? Se si bhè ha sbagliato veramente tutto lui, e dovresti farti rimborsare almeno la sua parcella, più la multa seguente. Gli oneri invece che hai sostenuto come cambio di destinazione d'uso da accessorio (tipo cantina) avresti comunque dovuto versarli già all'inizio della pratica.
    Spero di esserti stato utile.
     
  20. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Ne sei sicuro?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina