• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ste1993

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buongiorno a tutti, sono a chiedere il vostro aiuto.
Sono proprietario di 1/3 di immobile indiviso ereditato. Un proprietario dell'altro terzo, minaccia di fare mettere un'ipoteca sul bene indiviso da parte della banca, al fine di avere un prestito per le sue esigenze. A meno che, io e il proprietario dell'altro terzo, non forniamo denaro in prestito con scrittura privata a lui, che così si asterrà dal porre l'ipoteca.
Volevo chiedere consigli sul da farsi (lui è un parente con cui i rapporti non sono così floridi) e se inoltre per la legge, può dare l'ipoteca su bene indiviso, senza il nostro consenso. Grazie mille a tutti
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
può dare l'ipoteca su bene indiviso, senza il nostro consenso.
Sì.
L'ipoteca costituita sulla sua quota produce effetto rispetto a quei beni o a quella porzione di beni che a lui verranno assegnati nella divisione.
L'ipoteca si trasferirà ex lege sul bene a lui attribuito in sede di divisione, a condizione che il creditore munito di titolo idoneo reiscriva l'ipoteca su tale bene entro 90 giorni dall'attribuzione al condividente medesimo.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Sembrerebbe vagamente un ricatto: o mi "presti i soldi" che ti chiedo o faccio mettere un'ipoteca dalla banca che me li darà.
Inizialmente l'importo che potrà ottenere sarà in funzione della sua quota su quell'immobile. Comunque se ricevesse il prestito e la banca fosse costretta a mettere all'asta la sua quota, la vedo difficile perché non avrebbe mercato, voi avreste il diritto di prelazione.
 

griz

Membro Storico
Professionista
non capisco la ragione secondo la quale vi dia fastidio l'iscrizione di ipoteca sul 1/3 di sua proprietà, per voi non cambia nulla e il ricatto è evidentemente volto all'ottenimento di denaro che magari la banca non gli darebbe considerata la scarsità di valore della garanzia
 

moralista

Membro Senior
Professionista
se tra di voi siete con i rapporti tesi, è meglio che si metta una ipoteca della banca, potrebbe essere a vantaggio vs. se non riesce a mantenere con la banca l'impegno preso, con poco voi comproprietari di due terzi diverrete proprietari del 50% ciascuno
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
A meno che, io e il proprietario dell'altro terzo, non forniamo denaro in prestito con scrittura privata a lui, che così si asterrà dal porre l'ipoteca.
Volevo chiedere consigli sul da farsi (lui è un parente con cui i rapporti non sono così floridi)
Meglio evitare di cedere a simili ricatti. Valutate se "liquidare" tale comproprietario o decidere se vendere l'immobile.
Se la sua situazione finanziaria fosse compromessa poi rischiate complicazioni.
 

ste1993

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Grazie a tutti delle informazioni preziose. Beh certamente in fase di vendita, avere un'ipoteca non credo sia le migliori delle cose, essendo un immobile indiviso e indivisibile. Poi Ho già provato a fare un'offerta congrua, ma tale proprietario non vuole cedere, ma vorrebbe il prestito. Purtroppo quando si hanno a che fare con persone poco ragionevoli questo succede

Ma mi sa visto i vari pareri, non presterò assolutamente nulla e se la vedrà lui con la banca
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ingegnere - Settore Edile
Salve, mio marito ed io siamo in separazione dei beni e risediamo nella casa di proprietà di mio marito. Abbiamo deciso di trasferirci in un'altra abitazione(situata nello stesso comune) per la quale io sola ho richiesto il mutuo, facendo mio marito da garante, e che verrà intestata a me. Quesito: ai fini fiscali, spostando la residenza di entrambi nella nuova casa in acquisto, la casa di mio marito come risulterà?
Alto