1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. simonemancino

    simonemancino Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Buon giorno a tutti, ho una casa di proprietà che vorrei affittare e ho trovato una persona a 700 Euro, qual'è il contratto migliore da poter stipulare? Mi spiego meglio, ho sentito dire che con il comodato d'uso ad esempio non perderei le agevolazioni sulla prima casa e non pagherei l'ICI però non posso dichiarare una cifra altissima poiché sarebbe poco credibile, invece con l'affitto regolare pagherei molte tasse, voi che ne dite? Sapete a quanto ammonterebbero tali tasse (IRPEF + ICI) sulla locazione regolare a 700 Euro mensili? Grazie
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Il comodato d' uso è gratuito.
    Se a pagamento è una locazione.
    L' IRPEF sui proventi da fabbricati potrebbe essere :
    - il 25 % sul totale degli introiti
    - oppure sommare agli altri redditi i canoni annuali, con deduzione forfettaria del 15 %, ed applicare le aliquote relative. :daccordo:
    .
    Ecco quindi tutti gli scaglioni di reddito e le aliquote corrispondenti per la dichiarazione dei redditi 2010 :

    Redditi da 0 a 15.000 euro aliquota del 23%
    Redditi da 15.000,01 a 28.000 euro aliquota del 27%
    Redditi da 28.000,01 a 55.000 euro aliquota del 38%
    Redditi da 55.000,01 a 75.000 euro aliquota del 41%
    Redditi oltre 75.000 euro aliquota del 43%
    Dal modello di istruzioni del 730 2009 si deduce la tabella seguente per il calcolo dell'IRPEF lordo che aiuta molto:

    Per i Redditi da 0 a 15.000 euro il valore dell' IRPEF lordo è pari al 23% del reddito
    Per i Redditi da 15.000,01 a 28.000 il valore dell' IRPEF lordo è pari a euro 3.450 + 27% sulla parte eccedente i 15.000 euro
    Per i Redditi da 28.000,01 a 55.000 euro il valore dell' IRPEF lordo è pari a euro 6.960 + 38% sulla parte eccedente i 28.000 euro
    Per i Redditi da 55.000,01 a 75.000 euro il valore dell' IRPEF lordo è pari a euro 17.220 + 41% sulla parte eccedente i 55.000 euro
    Per i Redditi oltre 75.000 euro il valore dell' IRPEF lordo è infine pari a 25.420 + 43% sulla parte eccedente i 75.000 eur
    .
    L' ICI non viene determinata dall' entità dei canoni di locazione ma dalla rendita catastale e dal Regolamento Comunale ICI.
     
    A pitocco piace questo elemento.
  3. simonemancino

    simonemancino Membro Junior

    Proprietario di Casa
    grazie per la risposta, cmq ho sentito parlare di un contratto d'affitto agevolato (creato ad Agosto 2010), in cui posso affittare solo un stanza e conservare residenza e bollette, pagherei circa il 20% dell'IRPEF e non l'ICI, mi confermate che è così?
     
  4. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Infatti, era il 25 % di cui parlavo. Ed è in relazione all' IRPEF. L' ICI per ora resta immutata. :daccordo:
     
  5. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Nuovo Iscritto

    Ti sembrerà banale ma il migliore contratto che tu puoi stipulare è un regolare contratto di locazione, è quello che ti tutela maggiormente anche se devi pagare più tasse
     
  6. Mariangela Morelli

    Mariangela Morelli Membro dello Staff

    Ti sconsiglio di fare un contratto di comodato al posto di un contratto di locazione.
    E' uno degli accertamenti preferiti dall'Agenzia delle Entrate di trovare i FALSI COMODATI.
    Si viene invitati gentilmenti dai finanzieri e si trascorre una bella giornata presso gli uffici degli stessi che ti richiedono tutte le documentazioni possibili ed immaginabili (ad esempio i tuoi conti correnti ecc.).
    Meglio non evadere le tasse e fare un regolare contratto di locazione.
    Vedi se è un Comune ad ALTA TENSIONE ABITATIVA e guarda se puoi fare un contratto concordato con notevole risparmio (per ora è così, poi si vedrà dopo con la eventuale CEDOLARE SECCA) del 30% dell'IRPEF E DEL registro.:fiore:
     
  7. simonemancino

    simonemancino Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie Mariangela, ma io non vorrei perdere i benefici di prima casa e far rimanere le bollette intestate a me, è per questo che volevo fare il comodato d'uso, che tu sappia posso affittare solo una stanza? E se dovessi fare il comodato posso mettere una clausola in cui posso interromperlo in qualsiasi momento? Grazie
     
  8. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Dal C.C. :
    Art. 1809 Restituzione
    Il comodatario è obbligato a restituire (1246, 2930) la cosa alla scadenza del termine convenuto o, in mancanza di termine, quando se ne è servito in conformità del contratto.
    Se però, durante il termine convenuto o prima che il comodatario abbia cessato di servirsi della cosa, sopravviene un urgente e impreveduto bisogno al comodante, questi può esigerne la restituzione immediata.
    :daccordo:
     
  9. simonemancino

    simonemancino Membro Junior

    Proprietario di Casa
    scusatemi ma l'agenzia delle entrate e la GdF come fa a dimostrare che non è un vero comodato? Io per esempio sono fuori tutto il giorno (lavoro a 150 km da casa) e torno solo la sera, è per questo che la do in comodato, per un paio di anni mi toccherà lavorare fuori e la casa praticamente non la sfrutto. Grazie
     
  10. Mariangela Morelli

    Mariangela Morelli Membro dello Staff

    Per l'Agenzia delle Entrate vi è sempre la presunzione che vi sia qualcosa che non va se non esiste un rapporto di parentela. Comunque ognuno può provare e poi, sapendo a cosa può incorrere, può regolarsi di conseguenza.
    Per quanto riguarda la locazione parziale:
    Sì: puoi dare in affitto una sola stanza (durata contratto 4 anni + 4 anni, trattasi di contratto di locazione ordinario)
    Sì: puoi dare in comodato una stanza. La puoi avere indietro in qualsiasi momento (come è previsto dal C.C.):fiore:
     
  11. simonemancino

    simonemancino Membro Junior

    Proprietario di Casa
    e che tu sappia posso dare in affitto una stanza solo per 2 anni invece che 4? In questo caso quindi non perderei la residenza, non pagherei l'ICI e potrei mantenere le utenze a mio nome, giusto? Il canone di affitto in questo casodevo chiederlo più basso? Grazie
     
  12. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
  13. totu paladini

    totu paladini Nuovo Iscritto

    ESATTO. Il contratto transitorio da almeno 1 mese a massimo 18 mesi, va comunque motivato (es. lavoro, studio ecc.). Si regola come tutti i contratti eccetto per la durata. Non è necessario, perché lavori a 150 Km lontano, conservare l'intestazione delle bollette dei consumi per conservare i vantaggi della 1 casa. Sarebbe invece utile per i controlli, conservare anche ad un angolo un posto letto, per i tuoi rientri. é invece indispensabile conservare la residenza in quel comune dove insiste l'abitazione. Ciao totu
     
    A Fabio58 piace questo elemento.
  14. stella del sud

    stella del sud Nuovo Iscritto

    ma per il contratto in comodato d'uso gratuito è necessario essere per forza parenti?
     
  15. totu paladini

    totu paladini Nuovo Iscritto

    Il comodato d'uso (che dovrebbe essere sempre gratuito anche se è invalso il riconoscimento anche in normative amministrative di riconoscere "il comodato gravoso" ) lo puoi sottoscrivere con chiunque e non solo con parenti, stando attenti a non barare per eludere la finanza e per non essere gabbati anche dal ...migliore amico. Ciao. totu
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina