• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

caldarrosta

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ai potenziali conduttori che vengono a vedere l'appartamento che concedete in affitto (quindi in fase di trattativa, non a persone che già occupano la casa e con cui vi trovate bene), date disponibilità a far spostare la residenza? È una richiesta che per voi suona come un campanello d'allarme, o la ritenete normale e non per forza sospettosa?
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ai potenziali conduttori che vengono a vedere l'appartamento che concedete in affitto (quindi in fase di trattativa, non a persone che già occupano la casa e con cui vi trovate bene), date disponibilità a far spostare la residenza? È una richiesta che per voi suona come un campanello d'allarme, o la ritenete normale e non per forza sospettosa?
Lo spostamento della residenza è un diritto del conduttore, tu in qualità di proprietario non puoi opporti e impedire che la prendano nell'immobile che darai in affitto. Eventuali clausole nel contratto in tal senso sono da ritenersi nulle. Per cui anche se ti dicessero che non vogliono prendere la residenza ma poi lo fanno, tu non puoi fare niente ne opporti ne annullare il contratto di affitto. La residenza nell'immobile si può fare anche per pagare meno le utenze o per motivi che non devono spiegare a te
 

caldarrosta

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ma tu passi le tue giornate intere su questo forum, e soprattutto dai sempre risposte acide? Ho fatto una domanda diversa...non ho chiesto se è loro diritto o meno.
 

caldarrosta

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Riformulo:

Vi insospettireste se, in fase di visita, un potenziale conduttore dicesse: "ok la casa mi piace, la prendo, ma solo se posso trasferire la residenza"?
Lo so che ha diritto a trasferirla pure senza chiedermelo.
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
Allora se lo sai perché lo chiedi? Con o senza residenza non lo sfratti più comunque. Se a pelle non ti ispira fiducia ne cerchi un altro
 

caldarrosta

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Allora se lo sai perché lo chiedi? Con o senza residenza non lo sfratti più comunque. Se a pelle non ti ispira fiducia ne cerchi un altro
Infatti non ho chiesto se ne ha diritto o no!
Molti semplicemente non sanno di poterla trasferire anche senza chiederlo. E quando me lo chiedono espressamente, come fosse il requisito sine qua non, IO mi insospettisco. Vorrei capire se è una mia chiusura mentale oppure un pensiero condiviso.
Per esempio mi è successo oggi, con una giovane coppia che fino a poco prima mi era piaciuta. Ma poi mi hanno detto di avere esigenza di spostare entrambi la residenza, altrimenti non gli interessa la casa. Ovviamente non sanno di poterlo fare a prescindere. Però, sono io limitata a sentire puzza di bruciato? Perché entrambi poi?
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
Se devi sfrattarli residenza o no, non li cacci più. Se ne trovi altri, non li metti dentro. Altrimenti 3 mensilità di caparra, prima mensilità e controllo buste paga prima di firmare il contratto
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
E quando me lo chiedono espressamente, come fosse il requisito sine qua non, IO mi insospettisco
E per quale motivo? Oltre a essere un diritto del conduttore, è anche un suo obbligo giuridico richiedere l'iscrizione anagrafica se l'immobile preso in locazione è la sua dimora abituale. E se s'intesta i contratti delle utenze, ha anche diritto ad avere la tariffa per l'energia elettrica uso domestico residente.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

caldarrosta

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Sì, alle utenze ci avevo pensato. Però basta solo uno dei 2. Non lo so. Evidentemente è un mio preconcetto..
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Non capisco perché tu ti insospettisca. Potrei capire se tu stipulassi dei contratti di locazione brevi o ad uso turistico, oppure ad uso transitorio per qualche mese ecc..
Anche in tal caso, però, vi sono situazioni lavorative nelle quali è l'azienda stessa a chiedere al dipendente di trasferire la residenza nel comune ove svolge l'attività lavorativa. Se invece stipuli contratti di lunga durata (3+2, 4+4) trovo che sia perfettamente normale che una coppia sposti la residenza nell'appartamento ove dimora abitualmente. Soprattutto se si intestano le utenze e possono quindi usufruire delle tariffe per i residenti, ma anche per gli abbonamenti ai parcheggi pubblici, la TARI ecc.
 

caldarrosta

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ho dimenticato di specificare la cosa più importante, pardon! Ecco, sì, io faccio contratti ad uso transitorio. Per questo mi "suona male" il trasferimento di residenza di entrambi, come requisito sine qua non.
Le utenze le ho sempre tenute intestate io (fortunatamente mi è andata bene così), e non penso sia per usufruire di tariffe agevolate dato che a priori nessuno se le vuole intestare, e quando dico che sono intestate a me sono ben contenti di non dover fare volture.
 

Franci63

Membro Storico
Proprietario Casa
Ecco, sì, io faccio contratti ad uso transitorio. Per questo mi "suona male" il trasferimento di residenza di entrambi, come requisito sine qua non.
Ma se entrambi vivranno stabilmente in casa tua, non sarebbe nemmeno corretto se la trasferisse uno solo, a prescindere dal tipo di contratto.
Quali sarebbero le motivazioni del transitorio ?
 
Ultima modifica:

caldarrosta

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Però se sono 2 lavoratori fuori sede, si presume che non sia la loro dimora abituale. Dunque perché spostare la residenza? Utenze no, azienda che lo richiede no (me lo avrebbero detto)..
Forse "o residenza o niente" è stata una scusa per dileguarsi, poiché gli avevo appena chiesto buste paga e contratti di lavoro!
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Avevi dimenticato il dato più importante. Il contratto ad uso transitorio può essere stipulato solo a fronte di un valido motivo rientrante tra quelli previsti dagli accordi territoriali in vigore, sia per quanto riguarda esigenze del locatore che del conduttore.
La motivazione, inoltre, deve avere durata certa e deve essere indicata nel contratto di locazione allegando la necessaria documentazione.
Fermo restando che do per scontato che le esigenze del contratto ad uso transitorio siano del conduttore, di solito sono le seguenti: contratto di lavoro a termine in una località diversa da quella di residenza; previsione di trasferimento per ragioni di lavoro; trasferimento temporaneo dalla sede di lavoro; necessità di cure o assistenza proprio o di familiari; acquisto di un 'abitazione che si renda disponibile entro diciotto mesi; ristrutturazione o esecuzione di lavori che rendano temporaneamente inutilizzabile l'abitazione del conduttore; campagna elettorale; assegnazione di alloggio sociale; esigenza di un alloggio per non più di diciotto mesi da parte di un conduttore straniero o richiedente asilo nell'ambito di una iniziativa prefettizia di accoglienza; qualsiasi altra esigenza specifica del conduttore collegata ad un evento certo a data prefissata ed espressamente indicata in contratto.
Direi che solo le prime due esigenze (quelle lavorative) possono richiedere la necessità di stabilire la residenza nell'immobile, oppure la previsione di un acquisto di un immobile entro 18 mesi. Per le altre esigenze lo troverei del tutto ingiustificato e quindi i tuoi sospetti potrebbero essere fondati. Forse il potenziale inquilino pensa che se stabilirà la residenza lì tu non potrai più mandarlo via ? Beh, direi che tale eventualità può verificarsi sempre, sia che l'inquilino abbia o non abbia la residenza nei locali. Calcola che gli sfratti per morosità sono bloccati, quelli per finita locazione no. Quindi se alla scadenza del contratto a uso transitorio non ti rilasceranno l'immobile dovrai comunque attivare una procedura di sfratto per fine locazione che avrà i suoi tempi e i suoi costi, ma non dipenderà certo dal fatto che l'inquilino abbia o meno la residenza nei tuoi locali.
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
Il contratto mi sembra esagerato da chiedere, io ti farei vedere la busta paga senza dartene copia perché ci sono dati che non sei tenuto a sapere. Detto ciò se ti fai tante pippe mentali, cambia conduttore e vivi sereno
 

caldarrosta

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ho sempre chiesto contratto di lavoro e busta paga, chi li ha li dà, se poi non gli sta bene peggio per loro.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

caldarrosta

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Avevi dimenticato il dato più importante. Il contratto ad uso transitorio può essere stipulato solo a fronte di un valido motivo rientrante tra quelli previsti dagli accordi territoriali in vigore, sia per quanto riguarda esigenze del locatore che del conduttore.
La motivazione, inoltre, deve avere durata certa e deve essere indicata nel contratto di locazione allegando la necessaria documentazione.
Fermo restando che do per scontato che le esigenze del contratto ad uso transitorio siano del conduttore, di solito sono le seguenti: contratto di lavoro a termine in una località diversa da quella di residenza; previsione di trasferimento per ragioni di lavoro; trasferimento temporaneo dalla sede di lavoro; necessità di cure o assistenza proprio o di familiari; acquisto di un 'abitazione che si renda disponibile entro diciotto mesi; ristrutturazione o esecuzione di lavori che rendano temporaneamente inutilizzabile l'abitazione del conduttore; campagna elettorale; assegnazione di alloggio sociale; esigenza di un alloggio per non più di diciotto mesi da parte di un conduttore straniero o richiedente asilo nell'ambito di una iniziativa prefettizia di accoglienza; qualsiasi altra esigenza specifica del conduttore collegata ad un evento certo a data prefissata ed espressamente indicata in contratto.
Direi che solo le prime due esigenze (quelle lavorative) possono richiedere la necessità di stabilire la residenza nell'immobile, oppure la previsione di un acquisto di un immobile entro 18 mesi. Per le altre esigenze lo troverei del tutto ingiustificato e quindi i tuoi sospetti potrebbero essere fondati. Forse il potenziale inquilino pensa che se stabilirà la residenza lì tu non potrai più mandarlo via ? Beh, direi che tale eventualità può verificarsi sempre, sia che l'inquilino abbia o non abbia la residenza nei locali. Calcola che gli sfratti per morosità sono bloccati, quelli per finita locazione no. Quindi se alla scadenza del contratto a uso transitorio non ti rilasceranno l'immobile dovrai comunque attivare una procedura di sfratto per fine locazione che avrà i suoi tempi e i suoi costi, ma non dipenderà certo dal fatto che l'inquilino abbia o meno la residenza nei tuoi locali.
Sì mi sono convinta che non era una situazione trasparente.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
faccio contratti ad uso transitorio.
Io a volte stipulo contratti concordati 3 + 2.
In base all'Accordo Territoriale del mio Comune (Torino) affinché io come proprietaria possa usufruire dell'aliquota IMU agevolata occorre che l'immobile venga locato come abitazione principale dei conduttori.
L'abitazione principale deve essere confermata dalla residenza anagrafica, per cui dico subito ai potenziali inquilini che dovranno registrare la residenza in quell'immobile.
Alcuni sono titubanti, perché essendo proprietari di una casa altrove spostando la residenza dovranno pagare l'IMU sull'abitazione di loro proprietà.
Quindi a volte ho il problema opposto al tuo: conduttori che non vogliono spostare la residenza!
Se acconsentono ma poi non lo fanno, l'Accordo Territoriale stabilisce che provveda il locatore (previa diffida) ad iscrivere in Anagrafe la residenza dei conduttori.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto