• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Laura67

Nuovo Iscritto
Conduttore
Buongiono.

A seguito del decesso di mio zio, mia madre - co-erede - che abita lontana, avrebbe voluto farmi una procura per l'espletamento delle pratiche successorie ma sopratutto per giustificare la mia presenza (agli altri co-eredi), nella casa dello zio (non per dimora ma nell'eventualità che serva recuperare qualche documento, articolo ecc.). MIa madre sarà comunque presente nel momento in cui servirà la sua firma per disposizione o liquidazione/voltura dei beni.

Per quanto detto, il notaio afferma che una procura speciale non sarebbe sufficiente e che una procura generale inutile. Sufficiente una delega accompagnata da copia del documento.

L'avvocato, invece, insiste nel dire che sarebbe meglio una procura generale.

Nessuno dei due ha accennato ad una procura speciale per pratiche successorie e nessuno dei due ha specificato se nell'eventuale delega/autorizzazione, sia necessaria l'autentica della firma (di mia madre).

Sarei grata se qualcuno potesse aiutarmi a comprendere. Grazie.

Laura
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Se ho capito bene, tu vuoi giustificare la tua presenza, o, meglio, avere diritto di accedere alla casa dello Zio deceduto, in rappresentanza di tua madre coerede. All'apertura del testamento, ci sarà tua madre. Quindi, basterebbe che tua madre telefonasse agli altri coeredi e avvisasse della tua presenza in sue veci, ma se i rapporti richiedono atti formali, una delega scritta con copia del suo documento. Semplice!
 

Laura67

Nuovo Iscritto
Conduttore
Come sai che si tratta di una successione testamentaria?
Nel mio caso cambia poco se Adriano ha frainteso la successione legittima con la successione testamentaria. Nel senso che mia madre sarà comunque presente nel momento in cui si renderà necessaria una firma.

Il dubbio verteva sul fatto se poteva bastare una delega/autorizzazione di mia madre (che tecnicamente è già proprietaria dell'immobile per un terzo), per legittimarmi ad entrare in casa (per sistemare, per verificare, per censire ecc. ecc.).

Dopo le risposte del notaio, del gentile Adriano e di altro legale, ho chiuso il cerchio a conferma che in effetti è sufficiente una delega/autorizzazione (scritta ad hoc).

Laura
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Mi auguro che tutto questo un giorno finirà e che ci butteremo alle spalle questa triste vicenda.
Sognatrice '80
Alto