• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

brasil

Membro Attivo
Professionista
Buongiorno e grazie per propit.it che è fonte di immenso sapere...
Per farla breve: compravendita di una proprietà composta da una casa (Catasto Urbano) corredata da due terreni.
1) i proprietari dalla parte opposta di una via vicinale (tratteggio sull'asse della strada nel mappale) sono confinanti o no? in entrambi i casi, secondo quale Legge o Norma?
2) visto che le Associazioni Agricoltori non danno risposta appellandosi alla privacy, come faccio a sapere quali di loro sono coltivatori? (per alcune ragioni non posso scrivere a tutti i confinanti, fin qui ci arrivavo...)
3) un terreno rettangolare di m. 5 x 8 ha nei 4 lati rispettivamente: un muro di confine, una casa, un precipizio verticale di 4 metri e una strada vicinale: è considerato coltivabile o no? in entrambi i casi, secondo quale Legge o Norma?
4) quale dimensione di un terreno rettangolare (non quello di cui sopra, ma un altro complanare ad altri terreni senza precipizi, case, muri) lo fa considerare "piccolo" secondo la Legge?
4) la raccomandata a mano e non tramite Ufficiale Giudiziario è pefettamene valida o no? in entrambi i casi, secondo quale Legge o Norma?
Grazie!!!
 

Ennio Alessandro Rossi

Membro dello Staff
Professionista
Il quesito pare alquanto complesso e merita attenzione da parte di un legale esperto affiancato da un geometra che ispezioni il catasto terreno al fine di rintracciare le proprietà confinati ; Tale individuazione pare di assoluta ed essenziale importanza alla luce del quadro generale della questione che spero Le sia utile e la convinca delle difficoltà sottostanti .

Il diritto di prelazione spetta anzitutto al coltivatore diretto (o società agricola in cui almeno la metà dei soci è coltivatore diretto) che lo conduce in affitto da almeno due anni (art. 8 della legge 590/1965). Solo se il terreno non è affittato a un coltivatore diretto (o società agricola), hanno diritto di prelazione i coltivatori diretti (o società agricole in cui almeno la metà dei soci è coltivatore diretto) proprietari di terreni confinanti (art. 7 della legge 817/1971). In entrambi i casi non hanno diritto alla prelazione gli imprenditori agricoli professionali.

Il proprietario che intende vendere il terreno è tenuto a notificare la proposta di vendita, con lettera raccomandata (comunque meglio è fare la notifica con ufficiale giudiziario), all’affittuario o ai confinanti, allegando il contratto preliminare di compravendita (compromesso) contenente il nome dell’acquirente, il prezzo e le altre condizioni stabilite per la cessione. Il destinatario della notifica ha trenta giorni di tempo per esercitare il diritto di prelazione. Se comunica la sua intenzione di esercitare il diritto, il contratto si intende concluso, e il prezzo deve essere pagato entro tre mesi. Quando il terreno viene venduto senza fare la notificazione, oppure quando il prezzo indicato nella notificazione è superiore a quello risultante nel contratto di compravendita, l’avente diritto alla prelazione può riscattare il terreno dall’acquirente entro un anno dalla trascrizione della vendita nei registri immobiliari.

La prelazione agraria (che vale per l'intero fondo offerto in vendita ) è sempre stata fonte di liti e controversie pertanto pare indispensabile procedere con l'assistenza di un legale esperto della materia in considerazione anche delle varie fattispeci che si possono presentare come nel suo caso (presenza di affittuari ? prelazione è esercitata da più di un confinanti , presenza di coltivatori di età compresa tra i 18 e i 40 anni etc., presenza del fondo confinanate intestato a piu' persone etc.).

Come vede "sbagliare una mossa " puo' costare caro maggior ragion per cui occorre l'assistenza qualificata di esperti in loco che facciano un' azione di ricognizione precisa sia di carattere soggettivo che oggettivo
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
... e siccome l'italia è il paese del caos giuridico, succede che un terreno agricolo venduto a terzi, senza prima notificare ai confinanti ( la cui attivita non era certo ne di coltivatori diretti o iap o come cavolo volete chiamarli), l'esercizio della prelazione agricola. questi ( i confinanti) cioè uno dei confinanti, entro l'anno dalla trascrizione del rogito, fa ricorso e lo vince pur non essendo c.d. o i.a.p. o societa o come volete chiamarlo, ma un banalissimo pensionato della scuola. come la mettiamo?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
1) i proprietari dalla parte opposta di una via vicinale (tratteggio sull'asse della strada nel mappale) sono confinanti o no? in entrambi i casi, secondo quale Legge o Norma?
Se sulla mappa esiste un solo tratteggio non è riferito all'asse, ma dovrebbe essere parallelo al confine catastale ed indica la larghezza, non della strada vicinale, ma della servitù di passaggio. Se fosse una strada fra i due terreni non ci sarebbe confine comune e pertanto non ci sarebbe il diritto di prelazione che rimane se fosse una servitù.
2) visto che le Associazioni Agricoltori non danno risposta appellandosi alla privacy, come faccio a sapere quali di loro sono coltivatori? (per alcune ragioni non posso scrivere a tutti i confinanti, fin qui ci arrivavo...)
Nel dubbio conviene mandare un raccomandata A.R. senza busta a tutti coloro che si suppone che siano coltivatori diretti o che dalla lavorazione della terra ottengano la maggior parte del loro reddito.
3) un terreno rettangolare di m. 5 x 8 ha nei 4 lati rispettivamente: un muro di confine, una casa, un precipizio verticale di 4 metri e una strada vicinale: è considerato coltivabile o no? in entrambi i casi, secondo quale Legge o Norma?
Tutti i terreni possono essere coltivabili, la differenza è sapere se quel terreno è agricolo o ha diversa destinazione urbanistica. Un dislivello di 4 m deve essere necessariamente protetto con un muro di sostegno ed una recinzione. La strada vicinale deve essere indicata con quel nome sulla mappa catastale e la sua superficie deve apparire sulle aree pubbliche: non deve avere un numero di mappa.
Per riportare gli estremi di leggi e regolamenti relativi dovrei fare una ricerca su internet che puoi fare anche tu senza problemi.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Principia ha scritto sul profilo di Gianco.
Giaco ho letto che sei professionista che lavoro fai? Potrei contattarti telefonicamente se sei in tecnico?
Buongiorno,

Chiedo a questo forum una delucidazione per un contratto di affitto casa.

Sto per affittare una casa dal 21 ottobre di quest' anno, ho optato per la cedolare secca, quando e come dovrei versare la tassa del 21% ? E poi come funzioneranno i vari versamenti per l'anno prossimo?

Vi ringrazio per la risposta
Alto