1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Pagolino

    Pagolino Membro Ordinario

    Professionista
    Buongiorno a tutti nel foro,

    Per curiosità lancio un nuovo quesito nel foro,

    La madre viene a mancare lasciando due figli inconsolabili.

    Il notaio incaricato dal figlio secondogenito in fase di successioni accerta solamente la presenza di un libretto di risparmio intestato alla de cuius ma non l'entità dei risparmi.

    Per evadere alla richiesta del notaio sull'entità dei risparmi e comunicarlo al notaio, il secondogenito telefona al primogenito e chiede informazioni al riguardo:
    Qui cito il primogenito il quale per l'occasione afferma: Il libretto di risparmio si trova nel feretro, nella borsetta, insieme alla carta di identità della defunta e secondo la sua volontà, bisogna farla riesumare! (la telefonata è stata registrata e a disposizione su CD, perchè altrimenti non mi crede nessuno).

    Dopo mille peripezie causate dalla legge sulla privacy, quindi presentazione di atti notori sostitutivi, spese, ecc. Il notaio ottiene finalmente dalla posta la visura dei movimenti ( che è in mio possesso) i quali evidenziano prelievi "post decesso" fino ad esaurimento dei risparmi,….( resto = a ZERO!)

    Si tratta di occultazione di libretto di risparmio? Appropriazione indebita? furto? Rimane impunito l'impiegato postale??? quale paragrafo ??
    Comunque la somma restante al momento del decesso è registrata nelle successioni e parte integrale del lascito, quindi non mi devo preoccupare, oppure???

    Per chi non avesse fatto attenzione preciso che si tratta dello stesso tizio che ha venduto il primogenito ai genitori per accaparrarsi una quota di eredità del fratello minore 1), (vedi nipote affidato concorre all'eredità) fare mantenere il figlio primogenito dai propri genitori e dal fratello minore 2), percepire gli assegni famigliari per lo stesso personalmente 3), ma senza obbligo di mantenimento verso i propri genitori 4) .
    Facit: Con la vendita del figlio primogenito ai nonni paterni, ha'cchiappato quattro piccioni co'na fava, detto in gergo romanesco!


    Per pura curiosità mi interessa l'opinione della comunità al riguardo, quella dei miei avvocati (attualmente 4 in tutto) è già nota, ma insoddisfacente!

    Ringrazio a tutti nel foro per la pazienza messa in atto nel leggere le mie enfasi, ma,,,.... una cè nè ho ancora,... si!..... ancora una domanda e riguarda la recinzione delle proprie proprietà.
     

    Files Allegati:

  2. maxbiag

    maxbiag Membro Attivo

    Professionista
    Sembra un film di Verdone!
     
  3. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sul tema libretti postali intestati a persone decedute sono ahimé preparato, perché mi è capitato in famiglia. C'era un libretto postale cointestato alla nonna e al nonno. Finché il nonno era in vita, ha sempre negato di ricordare dove fosse questo libretto postale. Nonna secondo me lo sapeva, ma era costretta a tacere dal nonno, che la obbligava di fatto a non dirlo. Alla morte del nonno, magicamente è saltato fuori il libretto postale. Metà della somma apparteneva di fatto alla nonna, mentre l'altra metà è andata in successione, e solo dopo parecchi mesi abbiamo potuto incassare il netto ricavo, al netto delle tasse di successione. Quindi ciò che ti è accaduto è assolutamente illegale. L'Ufficio Postale, nel tuo caso, può affermare di non avere avuto notizia della morte dell'intestatario, cosicché una persona delegata dall'intestatario ha continuato a prelevare anche dopo la morte dell'intestatario stesso, ma sappiamo tutti che le somme presenti nel libretto il giorno della morte andavano lasciate lì, perché cadevano automaticamente in successione. Ci vuole una bella denuncia all'ufficio postale, che a questo punto dovrà fornire il nome di colui che ha prelevato indebitamente le somme (può anche essere un delegato, non è detto che sappiamo con esattezza chi sia stato!), e sarà quest'ultimo a beccarsi una denuncia, e a dover restituire il maltolto, perché il denaro presente al momento della morte cade in successione, e va diviso equamente fra gli EREDI.
     
    A Pagolino piace questo elemento.
  4. Pagolino

    Pagolino Membro Ordinario

    Professionista
    Direi teatro Macchiavellico!

    Saluti

    Pagolino
     
  5. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Di sicuro è necessario dare il tutto in mano ad un LEGALE, che sa ESATTAMENTE come MUOVERSI.

    "Qui qualche testa deve cadere!"
     
  6. Pagolino

    Pagolino Membro Ordinario

    Professionista
    Grazie per il riscontro possessore!

    A titolo informativo per tutti gli interessati aggiungo il seguito.

    Non so se si riesce ad aprire l'allegato in PDF, ma dallo stesso si evince che 14 giorni dopo il decesso il delegato ha prelevato 3097,49 €,( In effetti l'impiegato postale stà nei pasticci perchè la delega si estingue a decesso dell'intestatario!).
    Mentre 20 giorni dopo il decesso mi arriva per raccomandata la richiesta del saldo della mia quota di euro 1.800 dalle pompe funebri, precisando che mio fratello ha già provveduto al saldo della quota di sua pertinenza.

    Confermo che la somma è stata integrata nelle successioni e quindi non sono soldi persi, ma faccio notare la faccia tosta.

    Lo sappiamo eccome chi ha prelevato i soldi, quando mio fratello maggiore ha capito che avevo la visura ha ammesso di avere prelevato lui i soldi in qualità di delegato, pur continuando ad affermare che il libretto trovasi nel feretro! ( Telefonata relativa registrata e incisa su cd).
    no! gira ancora libero per l'italia perchè i manicomi sono chiusi.

    grandi ringraziamenti ai partecipanti di questo foro che considero l'isola del buonsenso nel psicotico mare italiano.

    pagolino
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  7. Pagolino

    Pagolino Membro Ordinario

    Professionista
    Ne impiego simultaneamente quattro; uno al paese dove si trova l'eredità ed è impegnato con il cc., l'altro a roma specializzato nel cp, un'altro al paese di residenza di mio fratello è incaricato di eseguire ricerche presso le autorità competenti locali sullo stato di salute mentale dello stesso, e uno qui dove vivo io è incaricato di chiedere la visura della documentazione riguardate una denuncia per minacce e diffamazione, ed è l'unico ad avere fornito materiale soddisfacente.

    Vivendo all'estero svolgo tutto per posta elettronica, ben quattro richieste rivolte all'avvocato romano di sporgere denuncia contro l'impiegato della posta e mio fratello per appropriazione indebita sono rimaste inevase. "documentabile"

    Cordialissimi saluti a tutti

    pagolino
     
  8. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Pagolino, tuo fratello PARADOSSALMENTE può aver ragione, perché oggi c'è la CARTA LIBRETTO POSTALE, in virtù della quale puoi prelevare dal LIBRETTO POSTALE senza avere il LIBRETTO POSTALE fisicamente in mano. E' solo alla QUARANTESIMA operazione CONSECUTIVA fatta SOLO CON LA CARTA LIBRETTO POSTALE, che sei COSTRETTO a recarti in un ufficio postale con il libretto postale CARTACEO, per farlo "ALLINEARE", ossia per stampare sul libretto cartaceo le 40 operazioni fatte con la carta libretto postale.

    E' chiaro che nel caso di tuo fratello NON SARA' COSI', però io per amor di completezza ti rammento che da qualche tempo esiste la CARTA LIBRETTO POSTALE che permette a CHIUNQUE CONOSCA IL PIN di ritirare dagli sportelletti AUTOMATICI, e a chiunque sia INTESTATARIO di recarsi in qualunque sportello D'ITALIA e disporre LIBERAMENTE delle somme ivi depositate senza limitazione alcuna, puoi ritirare massimo 2000 € al giorno in un ufficio postale diverso da quello di RADICAMENTO COMMERCIALE, ossia diverso da quello dove è stato EMESSO il libretto postale.

    E' chiaro che tuo fratello sta farneticando, al massimo nel feretro può starci un libretto postale cartaceo ESAURITO e quindi inutilizzabile perché tutte le righe a disposizione sono già state usate.

    Non credo che tuo fratello sia così evoluto da usare CARTA LIBRETTO POSTALE, anzi, forse neanche sa che esiste.

    O no?

    Aggiunto dopo 1 ....

    Ah, dimenticavo! Il PDF si legge BENISSIMO! Già da oggi pomeriggio! ;)

    Aggiunto dopo 1 ....

    L'impiegato postale NON STA ASSOLUTAMENTE NEI PASTICCI, perché lui NON E' L'ORACOLO DEL SUD, ovvero sia LUI NON HA AVUTO NOTIZIA DEL DECESSO, e quindi ha operato in perfetta BUONA FEDE.

    Siamo noi titolari e cointestatari di libretti postali, a dover avvisare POSTE ITALIANE al verificarsi del decesso di un congiunto, affinché la quota di somme depositate nel libretto cada in successione.
     
  9. Pagolino

    Pagolino Membro Ordinario

    Professionista
    @ egregio possessore baciamo le mani,

    Punto uno, concordo perfettamente se trattasi di un conto corrente postale con relativa carta di credito e pin.
    Ma un libretto di risparmio?
    Da quando esiste questa possibilità? nota che correva l'anno 2008 e la posta è molto retrograta rispetto ad altri istituti.
    comunque ringrazio per l'impegno pur trattandosi,... come hai ben capito di vaneggiamenti.

    punto due, esistono quattro versioni sul domicilio del libretto, una delle quattro proclama; è in mio possesso! tutto memorizzato su cd.
    Punto tre,... diciamo pure mia madre come intestataria non era evoluta,.... la delega a mio fratello è iniziata il 22/ 12/ 2008 con relativo prelievo di 1.000 euro, dall' allegato si evince che mia madre il 10/ 2008 villeggiava a Ferrara (lido degli estensi) completamente autonoma.

    Punto quattro, non conosco l'evoluzione di mio fratello, ho divorziato nel 1967 non posso esprimere un giudizio.

    grazie per l'info "allegato" avevo dubbi perchè dopo l'allegato non trovavo il "Button" Invia

    punto 5 , mi hanno male informato, il mio avv. dichiarava che in caso di delega l'impiegato postale deve eseguire accertamenti prima della transazione.

    punto 6, non sono nè titolare nè cointestatario nè delegato, anzi originariamente ignoravo l'esistenza del libretto, il notaio in fase di successioni l'ha scoperto e comunicato.
    Ne segue,.......non era nelle mie facoltà informare la posta del decesso, semmai mio fratello!

    Ti ringrazio molto per l'impegno è stato un piacereleggere e rispondere.

    ti saluto cordialmente

    pagolino:daccordo:
     
  10. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    "Carta Libretto Postale" esiste almeno da un paio d'anni, non ricordo la data esatta d'uscita, quello che so per certo è che è RETROATTIVA, ossia è ABBINABILE anche a LIBRETTI POSTALI emessi anni e anni fa.
    "Carta Libretto Postale" è abbinata ai LIBRETTI DI RISPARMIO POSTALE, ed è in tutto simile alla tessera POSTAMAT MAESTRO di Poste Italiane, solo che il conto di traenza è un LIBRETTO POSTALE anziché un CONTO CORRENTE POSTALE.


    Ma se il CLIENTE DELEGATO dichiara il FALSO, o se preferisci, NON DICHIARA IL VERO (la morte dell'intestatario), che colpa ne può avere l'impiegato postale? Io ho un libretto cointestato a mio fratello, non è che tutte le volte che vado alle poste l'impiegata mi chiede se mio fratello è morto..... Potrei prosciugare l'intero libretto senza chiedere niente a mio fratello (clausola di "pari facoltà di rimborso"), ma non lo faccio perché sennò mi spezza le braccine :)


    Assolutamente d'accordo. Ti segnalo anche un'altra anomalia di Poste Italiane. Gravissima. Se tu ti chiami Mario Rossi e tuo fratello Luigi Rossi, e avete un libretto postale cointestato, nel caso venga effettuata una RICERCA PATRIMONIALE sui LIBRETTI POSTALI, dovete dire esattamente la sequenza degli intestatari così com'è, altrimenti Poste Italiane non è in grado di risalire al libretto. Vale a dire, se il libretto reca intestazione "MARIO ROSSI LUIGI ROSSI", e voi fate una ricerca patrimoniale cercando uno o più libretti intestati a "LUIGI ROSSI MARIO ROSSI", il sistema di Poste Italiane vi dirà che non c'è nulla con tale intestazione, solo perché avete INVERTITO L'ORDINE DEI COINTESTATARI. Peggio ancora, se cercate qualcosa intestato a MARIO ROSSI, e l'intestazione è MARIO ROSSI LUIGI ROSSI, il sistema non troverà nulla. Hanno una FUNZIONALITA' DI RICERCA che FA BEATAMENTE CAGARE, su questo non ci sono dubbi.

    Ecco un link che fa vedere come si presenta, esteticamente, CARTA LIBRETTO POSTALE:

    Poste Italiane

    Aggiunto dopo 3 minuti ....

    Questo articolo è stato scritto Domenica 22 novembre 2009, dal che deduco che Carta Libretta Postale esisteva già, quindi sono più di due anni che c'è:

    Guida ai prestiti personali: La carta libretto postale di Poste Italiane innova un prodotto antico di 134 anni!
     
    A Pagolino piace questo elemento.
  11. Franca68

    Franca68 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Il prelievo con la carta non prevede il ritiro di contante oltre 600 euro giornalieri, quindi il prelievo è stato fatto allo sportello
     
    A Pagolino e possessore piace questo messaggio.
  12. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Secondo me qualche responsabilità lo sportellista, se si prova che l'operazione dato lì'ammontare dev'essere stata compiuta allo sportello ce l'ha. mia zia doveva presentare ogni volta un certificato di esistenza in vita di mia nonna, bloccata in casa, per ritirarne la pensione. e questo nonostante conoscesse benissimo l'impiegata.
     
  13. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ottima osservazione, Franca68! ;)

    Aggiunto dopo 2 minuti ....

    Non tutti gli operatori postali operano allo stesso modo. LA PROCEDURA CORRETTA dovrebbe prevedere un'AUTOCERTIFICAZIONE, con CONSAPEVOLEZZA DELLE SANZIONI CIVILI E PENALI IN CASO DI DICHIARAZIONI MENDACI, atta a dichiarare che tutti i cointestatari sono ancora in vita. Però tale PROCEDURA non è ancora lo STANDARD di Poste Italiane, sicché molto spesso gli operatori e le operatrici postali, specialmente in momenti di grandi code, velocizzano evitando di chiedere se tutti i cointestatari sono ancora viventi. E' chiaro che ciò comporta un certo margine di rischio, ma secondo me la colpa maggiore ce l'ha il cointestatario, che di norma non può non sapere che un contitolare è deceduto.
     
  14. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    MODULO.jpg CGC_fronte.jpg CGC_retro.jpg

    Per completezza, visto che abbiamo parlato della CARTA LIBRETTO POSTALE ho allegato sia il modulo di richiesta, sia le condizioni generali di contratto (fronte e retro).

    Spero che si riescano a scaricare.
     
  15. Pagolino

    Pagolino Membro Ordinario

    Professionista
    ciao Franca68,
    Ottima osservazione, confermo quanto asserisci perchè io stesso utente della posta, ma mi sfuggiva perchè per me è irrilevante in quanto so per certo che mio fratello a prelevato i soldi.
    Mi interessava molto di più sapere se il caso meritava di essere denunciato, e perchè il mio avvocato romano, malgrado molteplici solleciti non lo ha fatto.
    Mi sorgeva il dubbio che forse non ha sporto denuncia per proteggere l'impiegato e le poste,....sarebbe in effetti uno scandalo in quanto effettivamente l'impiegato postale in caso di delega è obbligato a verificare come giustamente da arianna26 esposto!
    ORA IL DANNEGGIATO SONO IO, IL MANDANTE pagatore!

    Eccellente!
    saluti
    pagolino

    Aggiunto dopo 10 minuti ....

    perfetto arianna 26.

    Coincide con l'affermazione del mio avvocato cp. di roma, ma perchè allora non ha sporto denuncia almeno per appropriazione indebita verso mio fratello??????

    cordialmente

    pagolino
     
  16. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Forse non ha sporto denuncia perché, dato che è il TUO avvocato, vuole che sia TU a dirgli PER ISCRITTO di sporgere denuncia......
     
  17. Pagolino

    Pagolino Membro Ordinario

    Professionista
    Grazie possessore,

    Ma vedi,..... era interessante sapere se l'accaduto costituisce reato,... E se si! Perchè malgrado avvocati il colpevole rimane impunito?

    cordialissimi
    Pagolino

    Aggiunto dopo 5 minuti ....



    Mizzica Possessore, mi metti in imbarazzo, sei troppo veloce!

    Ho già affermato che ben quattro solleciti, e anche parecchio Inca. sono partiti per posta elettronica all'indirizzo del legale per procedere. (Sono memorizzati!)

    Velocissimi saluti da
    Pagolino:daccordo:
     
  18. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
  19. Pagolino

    Pagolino Membro Ordinario

    Professionista
    pagolino si scusa perchè ha fatto un macello nel rispondere, speriamo che qualche moderatore cancelli i doppioni.

    Carissimi saluti a tutti

    pagolino

    Aggiunto dopo 1 ....

    OK! vadoooooo e googlooo!
    ciao.
     
  20. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Questo è ancora più importante:

    Delega sul conto corrente.Morte del correntista,poteri del delegato e sanzion x operaz. successive al decesso? - Yahoo! Answers

    Con la morte del titolare del conto il delegato NON può più fare alcuna operazione di nessun genere.
    La banca DEVE essere avvisata e il conto viene BLOCCATO in attesa della successione.

    Per cui tua fratello ha operato in modo irregolare.

    In ogni caso un delegato NON PUO' CHIUDERE IL CONTO di chi gli ha dato la delega

    Per trovare quest'ultimo risultato, ho digitato su Google:

    conto corrente delegato svuota il conto

    Conto corrente intestato ad una persona deceduta: vale ancora la delega?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina