1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. colombarone

    colombarone Nuovo Iscritto

    Vorrei sottoporre il seguente quesito:
    Il preliminare di vendita di un immobile di proprietà di due coniugi in separazione dei beni, può essere considerato valido se è firmato da uno dei due coniugi?
    Va considerato che nel preliminare sono stati indicati entrambe i proprietari e il coniuge che non ha firmato ha dato il suo consenso alla vendita.
    Graize
     
  2. erwan

    erwan Membro Attivo

    ma come?
     
  3. colombarone

    colombarone Nuovo Iscritto

    non ho capito la tua domanda
     
  4. Nerone

    Nerone Membro Attivo

     
  5. Nerone

    Nerone Membro Attivo

     
  6. FrancescoRoma

    FrancescoRoma Nuovo Iscritto

    Se il coniuge presente alla firma ha sottoscritto il preliminare anche in nome e per conto dell'altro coniuge non presente, è lui che risponde in solido nei confronti dell'acquirente. Spero che per la somma che hai versato hai suddiviso gli assegni.
     
  7. colombarone

    colombarone Nuovo Iscritto

    Ti ringrazio per la risposta.
    Volevo precisare che ho firmato un preliminare per la vendita di un nostro appartamento. Mia moglie mi ha firmato una autorizzazione a firmare anche per conto suo il preliminare. Anche se non l'ho allegato al preliminare.
     
  8. colombarone

    colombarone Nuovo Iscritto

    gli assegni sono stati su un conto corrente cointestato.
     
  9. erwan

    erwan Membro Attivo

    ha quindi firmato oltre che per sé anche in nome e per conto tuo?
    in tal caso i requisiti formali sono a posto (non avete registrato...?) e nessuno potrà più obbiettare alcunchè.
     
  10. colombarone

    colombarone Nuovo Iscritto

    Il preliminare l'ho firmato solo io. Il compito della registrazione del preliminare è stata assegnata all'acquirente (che non l'ha fatto).
    Preciso che ho individuato sul preliminare come promittenti venditori io e mia moglie. Non ho scritto sul preliminare che firmavo anche in nome e per suo conto. Preciso inoltre che io e mia moglie eravamo e siamo d’accordo di vendere l’appartamento. Solamente che lei è sempre molto impegnata e mi ha delegato alla firma con una scrittura privata che non ho mostrato al venditore, ho solo detto che lei era d’accordo che io solo firmassi il preliminare. Il problema è che il promissario acquirente si è pentito dell’acquisto e sta arrampicandosi sugli specchi per riavere la caparra versata.
    Ora mi ha citato in giudizio per la risoluzione del contratto.
     
  11. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Mi sa che avrà ragione, in quanto siete in separazione dei beni.

    Tua moglie avrebbe dovuto fare una procura notarile a tuo favore, per rendere valido il suo consenso.
    Anche se avessi fatto vedere all'acquirente l'autorizzazione sotto forma di di scrittura privata non autenticata, non avrebbe avuto alcun valore.
     
  12. erwan

    erwan Membro Attivo

    ha minacciato di citarti o lo ha già fatto?
    perché in questo secondo caso devi per forza, e senza perdere tempo, rivolgerti ad un legale, che provvederà a smontare la pretesa del compratore: non vedo infatti gli estremi perché sia pronunciata la risoluzione...
     
  13. erwan

    erwan Membro Attivo

    ha torto, perché non era in buona fede (sapeva che il bene era in comunione) e non ha richiesto l'esibizione del titolo da cui derivava il potere di rappresentanza;
    in ogni caso il venditore è in grado di convalidare la promessa e di procurargli la vendita dell'intero, onorando l'accordo preliminare.

    la procura deve avere la stessa forma dell'atto per il quale è concessa:
    pertanto dovrà essere rilasciata dal notaio quella per la vendita, ma essendo il preliminare concluso per scrittura privata non autenticata anche per la procura basteranno questi requisiti.
     
  14. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Non sono molto d'accordo.

    In qualunque preliminare, anche se trattasi di scrittura privata, il notaio, in caso di separazione dei beni, chiede la procura.

    E ti racconto anche che parecchi anni, ho perso una causa perchè l'incarico di vendita era stato firmato solo dal marito, pur essendo i coniugi in comunione dei beni, e la moglie non ha voluto accettare la vendita, benchè conforme all'incarico...
     
  15. erwan

    erwan Membro Attivo

    mi pare ovvio che il notaio si premunisca e pretenda che sia pronto tutto quanto occorre per la stipula del definitivo, evitando qualsiasi intoppo.
    ma qui il notaio non c'era, e questo preliminare non sarà comunque risolto.

    mi pare ovvio: se uno dei comproprietari non è d'accordo il contratto non sta in piedi.
    non si capisce il senso di quel "benché": è chiaro che la moglie, della conformità di una vendita ad un incarico fatto a sua insaputa o contro la sua volontà, se n'è fatta un bel baffo....

    la situazione qui è completamente diversa, perché il consenso del coniuge ci sarà alla vendita e c'era già al preliminare
     
  16. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Per me la forma contrattuale non è perfetta.
     
  17. erwan

    erwan Membro Attivo

    è questione di gusti?
     
  18. Franco Gusella

    Franco Gusella Nuovo Iscritto

    Sono d'accordo. la forma non è perfetta, ma la volontà di entrambi i coniugi è quella di vendere. Sarebbe il caso di convocare il rogito con raccomandata sottoscritta da entrambi i coniugi in compimento delle volontà del preliminare, in modo che si manifesti la inadempienza dell' acquirente.
    PS: nell'obbligo di registrazione del preliminare le parti sono solidali, qualunque siano gli accordi, suggerisco di registrare il preliminare con la sanzione prevista per il ravvedimento che è molto inferiore di quella applicata in fase di accertamento.
     
    A piace questo elemento.
  19. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista


    Questo è un consiglio molto valido.
     
  20. erwan

    erwan Membro Attivo

    ma si può sapere quale sarebbe questa "forma perfetta" e da quale norma di legge sarebbe stabilita?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina