1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. tanti dubbi

    tanti dubbi Nuovo Iscritto

    è possibile redigere un preliminare di compravendita con assegno dato come caparra consegnato (e intascato) un mese prima? (assegno dato a marzo, preliminare fissato ad aprile)....
     
  2. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sì, anche se, normalmente, il preliminare si firma prima di dare dei soldi a chiunque.
    Devi indicare nel preliminare gli estremi dell'assegno emesso ed incassato.
     
    A buffellini piace questo elemento.
  3. tanti dubbi

    tanti dubbi Nuovo Iscritto

    ok...l'importante è sapere che si può fare...dell'assegno abbiamo fatto una fotocopia. basta quella da allegare al preliminare? grazie mille
     
  4. erwan

    erwan Membro Attivo

    l'indicazione dei mezzi di pagamento non è obbligatoria già nel preliminare, ma solo nell'atto definitivo: è comunque certamente raccomandato inserirla già in questa fase per giustificare in modo inequivoco la dazione.
    dell'assegno si dovranno riportare gli estremi, e potrà esserne allegata la fotocopia, che è sufficiente a desumere tutti i dati necessari.
     
  5. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Con l’avvento della cosiddetta «Legge Bersani» è obbligatoria la tracciabilità dei pagamenti effettuati per l’acquisto, che vanno analiticamente descritti. A mio avviso, ciò deve avvenire anche nel contratto preliminare.

    Si ricorda, inoltre, che la legge prevede l'obbligo di registrazione del contratto preliminare (art. 11 della tariffa, parte prima, allegata al d.p.r. n. 131/1986, se il contratto preliminare è concluso per atto pubblico o scrittura privata autenticata da notaio; artt. 1 e 2, comma 1, del d.p.r. n. 131/1986; art. 10 della tariffa, parte prima, della relativa tariffa, se il contratto preliminare è concluso per scrittura privata non autenticata con venditore privato. Se il venditore è un imprenditore la cosa diventa più articolata, ma si deve sempre registrare).
    Se il preliminare è concluso tramite agente immobiliare, la legge impone anche al suddetto agente immobiliare l'obbligo di richiedere la registrazione, e pone a carico dello stesso la responsabilità solidale per il pagamento dell'imposta di registro (art. 1, comma 46, della legge 27 dicembre 2006 n. 296).

    Infine, si consiglia anche di trascrivere il preliminare, per tutelare il promissario acquirente dal pericolo di formalità pregiudizievoli, quali cessione dell'immobile promesso a terzi o costituzione di diritti reali sullo stesso;
    pignoramenti; sequestri; ipoteche; ecc..
     
  6. erwan

    erwan Membro Attivo

    la tracciabilità riguarda le forme del pagamento (e quindi bonifici, assegni, ecc.) e non la loro indicazione, che il decreto Bersani-Visco ha reso obbligatoria solo all'atto della cessione dell'immobile, almeno a quanto mi risulta (oppure in casi particolare come il trasferimento di immobili in corso di costruzione)

    comunque sia è di certo buona norma inserire tutto già in questa prima fase.
     
  7. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Concordo con il post n° 5 di tovrm, con l'unica eccezione che con la "Legge Bersani" non vi è l'obbligo di citare gli estremi di pagamento della caparra e/o di acconti, mentre esiste tale obbligo al momento della stipula del rogito definitivo di compravendita.

    Naturalmente, visto che non vi è motivo di evitarlo, consiglio sempre di indicare esplicitamente e dettagliatamente gli estremi dei pagamenti anche nelle scritture preliminari.
     
  8. tanti dubbi

    tanti dubbi Nuovo Iscritto

    faremo quindi inserire tutti i dati dell'assegno emesso il mese antecedente. quello che mi premeva sapere era se fosse possibile fare il preliminare un mese dopo la consegna della caparra. grazie a tutti
     
  9. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    E' possibilissimo, ma se vogliamo essere pignoli, il fatto che l'assegno sia stato incassato prima, presuppone di avere sottoscritto a monte una proposta che non è stata registrata, quindi la possibilità di una sanzione amministrativa.
     
  10. erwan

    erwan Membro Attivo

    il quadro può far supporre la conclusione di una scrittura, ma il pagamento può essere stato anticipato anche in sua assenza; non c'è quindi sanzione
     
  11. tanti dubbi

    tanti dubbi Nuovo Iscritto

    conosciamo bene il venditore.
    non abbiamo fatto nessuna proposta, se non un accordo verbale...dopodichè abbiamo dato l'assegno per fermare la casa e abbiamo fatto le fotocopie...
     
  12. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto

    :occhi_al_cielo::occhi_al_cielo:
     
  13. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Se vi fidate....
     
  14. erwan

    erwan Membro Attivo

    e non si tratta solo di onestà: potrebbero sorgere gravi problemi indipendenti dalla volontà del venditore...
     
  15. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina