• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

chiara78_

Membro Attivo
Proprietario Casa
La proposta di acquisto richiede necessariamente la registrazione?Nel caso in cui non venga registrato e il venditore vende l'immobile ad altro acquirente(con proposta registrata)il promittente acquirente(senza proposta registrata)avra'almeno diritto di ricevere il doppio di quanto versato?
 
Ultima modifica:

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Solo il preliminare di compravendita, alias compromesso, va OBBLIGATORIAMENTE REGISTRATO.

Registrare una proposta non ha senso perché non è ancora stata accettata. Non hai alcun diritto di prelazione.

Registrare l'accettazione di una proposta ha altro senso e ti dà qualche diritto in più.

il promittente acquirente(senza proposta registrata)avra'almeno diritto di ricevere il doppio di quanto versato?
No, perché la tua proposta è stata SEMPLICEMENTE IGNORATA: né accettata, né rifiutata.
Nessun diritto di prelazione, nessun raddoppio.
Sennò sarebbe troppo facile raddoppiare i soldi........ non trovi???
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
Secondo me occorre distinguere l'aspetto fiscale da quello civilistico.

Premesso che la proposta di acquisto diventa contratto preliminare quando viene accettata dal venditore e la sua accettazione è comunicata al promissario acquirente, è vero che dal punto di vista fiscale è obbligatorio registrare il preliminare (compromesso).

Ma un contratto preliminare non registrato è comunque valido, e impegna le parti che l'hanno sottoscritto.

Quindi se il venditore ha incassato la caparra confirmatoria dal promissario acquirente e poi diventa inadempiente, deve restituirgli il doppio anche se il preliminare non è stato registrato all'Agenzia delle Entrate.

Questa è la mia opinione: correggetemi se sbaglio!
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
la tua proposta è stata SEMPLICEMENTE IGNORATA: né accettata, né rifiutata.
Dipende da come si sono svolti i fatti!

Dal primo post si evince che il promissario acquirente ha "versato" una certa somma.
Non è chiaro se l'assegno allegato alla sua proposta di acquisto è stato consegnato al venditore a seguito accettazione della proposta da parte di quest'ultimo.
Oppure se l'assegno è tuttora in deposito presso il mediatore (nel caso la vendita sia gestita da un'agenzia immobiliare: anche questo non è stato specificato da @chiara78_ ).
 

chiara78_

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ipotizziamo una proposta di acquisto accettata(ma non registrata) con versamento assegno il promittente acquirente avra'diritto di ricevere il doppio di quanto versato in caso di mancata conclusione?
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Ipotizziamo una proposta di acquisto accettata(ma non registrata) con versamento assegno il promittente acquirente avra'diritto di ricevere il doppio di quanto versato in caso di mancata conclusione?
Premetto, come ti hanno già detto, che la registrazione ha solo fini fiscali, e di certezza della data.

Quindi anche per una proposta accettata ma non registrata ha valore come contratto preliminare.
Se il venditore si rende inadempiente, ed ha incassato la caparra , dovrà rendere il doppio della caparra stessa, o rifondere i danni dimostrabili.
Ma per avere quanto spetta, è probabile che ci voglia una causa.

Se invece il contratto ha una condizione sospensiva, e quindi non c'è ancora stato versamento di caparra al venditore, ma solo un assegno in deposito all’agente, la parte non inadempiente ha diritto solo ai danni.
Inoltre non ogni somma versata diventa caparra; se non è esplicitamente definita tale, è solo acconto prezzo.

Se spieghi il caso concreto, sarà più facile aiutarti.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Intanto adrebbero chiariti alcuni punti visto che capita un uso errato dei termini.
La proposta di acquisto richiede necessariamente la registrazione?Nel caso in cui non venga registrato e il venditore vende l'immobile ad altro acquirente(con proposta registrata)il
Cosa intendi per "regustrazione"? Forse intendevi "trascrizione"?

Le "proposte" finché rimangono tali non sono ne registrabili ne trascrivibili.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Proposta accettata=Contratto preliminare
Hai ragione....da ieri notte che "tutto gira".

Ma avevo citato il primo post
Preciso subito.

Se accettata diventa preliminare...ma forse serve "ripeterla" trasformando in preliminare da un Notaio prima di trascrivere.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Se accettata diventa preliminare...ma forse serve "ripeterla" trasformando in preliminare da un Notaio prima di trascrivere.
Senza forse.
Ma onestamente di trascrizioni di contratti preliminari se ne fanno ben poche: nella mia esperienza, mai.
È anche vero che ho sempre evitato situazioni poco chiare o venditori “problematici” (nel senso di poco affidabili).
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Senza forse.
Ma onestamente di trascrizioni di contratti preliminari se ne fanno ben poche: nella mia esperienza, mai.
È anche vero che ho sempre evitato situazioni poco chiare o venditori “problematici” (nel senso di poco affidabili).
La trascrizione va fatta in casi veramente eccezionali.
 

chiara78_

Membro Attivo
Proprietario Casa
Cosa intendi per "versamento di assegno"?
L'assegno del promissario acquirente allegato alla proposta di acquisto è stato incassato dal venditore?
La proposta di acquisto, accettata dal venditore, contiene condizioni sospensive?
Proposta di acquista accettata con incasso dell'assegno(qualche giorno dopo firma accettazione).Le condizioni sono le solite tipiche(immobile vacuo di persone o cose,dotazione di certificazioni varie,ecc..ecc..)
 

chiara78_

Membro Attivo
Proprietario Casa
In caso di compromesso davanti al notaio si possono presentare necessariamente assegni circolari o semplice assegno bancario?
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
Proposta di acquista accettata con incasso dell'assegno(qualche giorno dopo firma accettazione).
Allora si tratta di un contratto preliminare, e l'assegno incassato vale come caparra confirmatoria.

Pare di capire che il venditore sia inadempiente. Perché dopo aver accettato la tua proposta e incassato l'assegno, ha venduto l'immobile ad un'altra persona (come hai scritto nel primo post).
Tu gli hai già chiesto la restituzione del doppio della caparra confirmatoria?
Se sì, il venditore cosa ti ha risposto?
 

chiara78_

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ma l'assegno va consegnato contestualmente alla proposta di acquisto(anche se non c'e' l'immediata accettazione)o solo in caso di firma della proposta da parte del venditore?
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Per la tua domanda precedente:
Si, certo.
La caparra vale anche come acconto prezzo.

Per l’ultima domanda:
l’assegno, intestato al venditore, va consegnato all’agente contestualmente alla firma della proposta di acquisto: l’agente lo conserva in deposito e lo consegnerà al venditore in caso di acccettazione della proposta entro i termini stabiliti.
Se la proposta non sarà accettata, l’agente renderà l’assegno al proponente.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Le richieste non devono essere pubblicate nel box. Questo box può essere utilizzato per indicare una frase di accompagnamento ai messaggi.
Mi auguro che tutto questo un giorno finirà e che ci butteremo alle spalle questa triste vicenda.
Sognatrice '80
Alto