1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. citfra

    citfra Membro Attivo

    Riguardo la prescrizione e decadenza per tributi locali in base all’Art. 72, primo comma, D. Lgs n° 507/93 e della sentenza n° 4283/2010, depositata il 23/02/2010 la Corte di Cassazione ha fissato il termine di prescrizione di molti tributi fra cui la Tarsu in cinque anni.
    Il quesito è il seguente: per data di notifica di un accertamento in rettifica della Tarsu, tramite raccomandata, è da considerarsi quella di partenza (consegna del richiedente all’Ufficio Postale) o quella di ricevimento da parte del contribuente (consegna del postino)?
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Questa.
    Il contribuente considererà questa data come termine iniziale per il conteggio del tempo entro il quale potrà proporre ricorso.
     
  3. MagoMerlino

    MagoMerlino Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Per cui, se trattasi di TARSU relativa all'anno 2007, e la rettifica è stata spedita alla fine del 2012 (5 anni), la comunicazione è valida se viene ricevuta dal destinatario entro il 31/12/2012.
    Se invece la ricezione dell'avviso di rettifica avviene dopo tale data, quindi nell'anno 2013, la comunicazione non ha alcun valore per decorrenza dei termini.:amore:
     
    A citfra piace questo elemento.
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. L'avviso è valido se era stato spedito entro il 31/12/12. Anche se il destinatario l'ha ricevuto molti giorni dopo.
     
  5. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    ribadisco che la posta non mette più il timbro datato della consegna e pertanto si fa riferimento alla data di emissione dell'avviso:daccordo:
     
  6. MagoMerlino

    MagoMerlino Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ... ma le multe non devono essere "notificate entro" e non sine-die?
     
  7. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Credo che la data di riferimento debba essere senz'altro quella di ricezione.
    Ciò per un principio logico. Infatti, se io, amministrazione dò alle Poste una "paccata" (Fornero docet.....) di atti da recapitare in data odierna dicendo alle Poste:"...fai tu le spedizioni, quando hai un momento di tempo....."" Magari queste spedizioni avvengono dopo 6 mesi dal momento che io le ho consegnate, è ovvio che come contribuente vengo danneggiato in quanto mi si sono accorciati i tempi - o nel caso delle multe- addirittura preclusi i termini per un eventuale ricorso. Ecco perché i termini per i ricorsi riportano la dicitura che così recita:" si può proporre ricorso entro e non oltre n. giorni dal RICEVIMENTO della presente notifica......ecc. ecc." E poco importa che il contribuente vada a ritirarla all'Ufficio Postale dopo, che so, 28 giorni dal ricevimento dell'avviso. Saranno cavoli suoi se non la ritira entro il termine il che comporta la compiuta giacenza - l'atto torna indietro al mittente ed iniziano le procedure per il recupero coattivo....ecc. ecc. poi Equitalia e....tanti saluti!):rabbia:
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Credi molto male.
    Anche qui, credi male. Il termine per il ricorso decorre dalla data di ricevimento.
    Come del resto avevi già scritto:
    Ecco perché i termini per i ricorsi riportano la dicitura che così recita:" si può proporre ricorso entro e non oltre n. giorni dal RICEVIMENTO della presente notifica.

    Gli invii di cui si discute vengono timbrati con la data di ricevimento. E in tutti i casi, la data di ricevimento appare nell'avviso di ricevimento firmato da chi ritira il plico.
    La data che conta per decidere se la notifica è valida o fuori termine è quella di consegna all'Ufficio postale da parte del mittente.
     
  9. citfra

    citfra Membro Attivo

    Ho atteso la fine della discussione e nel dubbio, comunque, ho inoltrato la richiesta di annullamento. Nel caso non ricevessi nessuna risposta da parte dell'Ufficio tributi del Comune sarò costretto a pagare entro i "famosi 60 giorni dalla ricezione e non dalla data di spedizione" e poi eventualmente richiedere il rimborso. Cosa ne pensate?
     
  10. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Quella di partenza dall'ufficio postale del mittente. Saluti.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina