1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. serenabell

    serenabell Membro Attivo

    Vorrei un chiarimento: le ricevute per prestazione occasionale fino a 5.000 euro l'anno per un professionista che ha anche partita IVA (contribuenti minimi) sono 5.000 per ogni azienda che le emette o 5.000 totali per il professionista??? Ho chiesto a tanti commercialisti e ognuno mi da versioni diverse...
     
  2. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Che io sappia in totale. ma non sono un'esperta.
     
  3. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa, ma se rientri nei Contribuenti Minimi e hai la partita IVA il limite non è di 30.000 Euro all'anno, complessivamente ?
    Inoltre se hai la partita IVA non si tratta più di "prestazione occasionale" nel significato fiscale.
    Hai il regime forfetario ? Hai la Partita IVA , emetti la fattura senza IVA e paghi un'imposta forfetaria minima ?
     
  4. serenabell

    serenabell Membro Attivo

    e' proprio per non superare i 30.000 che ho preferito farmi fare una ricevuta di prestazione occasionale, anche perchè riguardava un'attività diversa da quella per la quale ho la P.IVA.
     
  5. alfacasa

    alfacasa Membro Junior

    Sono sulla persona quindi 5.000 in tutto e si numerano in ordine progressivo indipendentemente dai clienti.
     
  6. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sei sicura che la prestazione occasionali non ti faccia perdere i benefici del Regime dei Minimi ?
    Cerca di chiarirlo con il tuo commercialista.
    Una dichiarazione dei redditi dovrai pur farla e dovrai dichiarare i 2 regimi distinti che godono entrambi di agevolazioni fiscali.
    Ti allego questo link sull'argomento. E' un po' datato ma ritengo sia sempre valido.

    Contribuenti minimi: i nuovi chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate
     
  7. serenabell

    serenabell Membro Attivo

    Mi hanno detto che le prestazioni occasionali non si conteggiano ai fini dei 30.000 euro x il regime dei minimi, ma si conteggiano come reddito separato! ....????
     
  8. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Si è corretto. Nel frattempo ho approfondito la questione.
    In pratica pagherai un'imposta sostitutiva del 20 % sull'utile netto da attività ex regime dei minimi. Gli altri redditi sono soggetti a IRPEF e detrazioni in base qagli scaglioni. Fino a 8.000 Euro non pghi nulla in quanto le detrazioni sono superiori all'imposta lorda.
    Buon Lavoro.
    P.S. confermo anche che il limite di 5000 Euro per le prestazioni occasionali riguarda il singolo committente.
     
  9. serenabell

    serenabell Membro Attivo

    Grazie x tutto, ma se ho già fatto 3 ricevute di prestazione occasionale (due di 2500 e una di 5000) ovviamente ho superato le 5000 annue. Come posso rimediare? E cosa mi succede se non faccio niente?
     
  10. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Le 3 ricevute da 2500 le hai rilasciate alla stessa persona (cliente) ?
    Se sono clienti diversi non succede nulla.
    Se non le dichiari, visto che sono soggette a ritenuta d'acconto il cliente le dichiarerà con il Mod 770 comunicando il tuo nominativo all'Agenzia delle Entrate che si troverà in automatico la discrepanza tra le dichiarazioni. Le multe sono abbastanza salate.
    Se non hai ancora incassato, potresti chiedere al tuo committente di pagart l'imposrto di almeno 2500 Euro il prossimo 2 gennaio 2012. Valendo il principio di cassa rientreresti nel limite.

    Aggiunto dopo 11 minuti ....

    Ho trovato queste risposte ad un quesito analogo al tuo.

    Le prestazioni occasionali possono tramutarsi in 2 diverse situazioni:
    1.
    superamento del limite temporale o economico (più di 30 giorni o più di 5000 € ) e legame a uno o più progetti specifici; si devono applicare le disposizioni del lavoro a progetto secondo quanto stabilito dall’art.62 all’art.69 del D.lgs.276/2003.

    2.
    superamento del limite dei 5000 € da uno stesso cliente nell’anno, ma per lavori episodici e non legati a nessun particolare progetto, si seguono i dettati dell’art. 2222c.c.; sarete, comunque, soggetti all’iscrizione alla gestione separata dell’INPS e dovrete pagare i contributi per la somma che eccede i 5000 €.
     
  11. serenabell

    serenabell Membro Attivo

    Le tre ricevute sono state incassate e sono state fatte a tre committenti diversi per cui non c'è eccedenza per nessuno dei tre, ma la somma ovviamente, arriva a 10.000...
    Io le dichiarerò come prestazioni occasionali perchè non rientrano nell'attività che svolgo normalmente con partita IVA per la quale fatturo e per la quale non ho ancora superato i 30.000 euro, per cui credo che fiscalmente dovrei essere in regola, o no? Sono iscritta alla gastione separata INPS x cui sto versando anche i contributi. perchè dovrebbero multarmi? mi hanno versato le ritenute d'acconto x tutto e pagherò il residuo al momento della dichiarazione dei redditi. C'è qualcosa che non va e che non vedo???Grazie ancora...
     
  12. alfacasa

    alfacasa Membro Junior

    Serena, se superi i 5000 complessivi nell'arco di un'anno solare devi comunicarlo al 1° cliente per cui dovresti fare il lavoro e stipulare un contratto a progetto. A me non è capitata questa situazione però so che così dovrebbe essere.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina