1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gianci

    gianci Nuovo Iscritto

    Per sanare delle pendenze economiche sulla casa di proprietà di una nostra figlia, io e mia moglie le abbiamo prestato 15.000 euro. Poichè sappiamo che col suo solo stipendio non potrà più restituirli, ci ha chiesto di detrarli dalla quota del 50% a lei spettante (abbiamo un'altra figlia) dell'abitazione di nostra proprietà quando noi non ci saremo più e l'eredità andrà suddivisa tra di loro. Vorrei sapere quale documentazione sarebbe legalmente valida per definire questa faccenda, possibilmente senza svenarci troppo con spese legali o notarili. Potrebbe andar bene una scrittura privata da far valere ad ogni effetto di legge ? Grazie dell'interressamento.
     
  2. erwan

    erwan Membro Attivo

    no, un patto del genere non sarebbe valido, indipendentemente dalla forma.

    i genitori possono però procedere loro stessi alla "detrazione" regolando opportunamente questo aspetto nel loro testamento;
    testamento che per risparmiare in spese notarili può essere anche olografo (per farsi capire: come fosse una scrittura privata).

    l'assistenza di un notaio o di un legale è però preziosa quando non si è sicuri di saperlo scrivere correttamente...
     
  3. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Anch'io vedo come miglior soluzione un bel testamento dove si assegnano ad una figlia 15000 euro in più. unica alternativa, se ne avete la possibilità, dare 15000 euro anche all'altra figlia e ristabilire subito la parità.
     
  4. neris pasinato

    neris pasinato Nuovo Iscritto

     
  5. neris pasinato

    neris pasinato Nuovo Iscritto

    Credo che una dichiarazione della figlia attestante che ha ricevuto il prestito possa essere fatta valere in caso di successione, ma può sempre ingenerare liti. La cosa migliore è sempre il testamento olografo, però non citando il prestito, perchè la beneficiaria può sempre in qualche modo attestarne la restituzione.
    Nella successione legittima a ciascuna figlia spetta il 50% di proprietà, ma i genitori hanno pur sempre una disponibilità del 25% sul totale dell'eredità. E' sufficiente assegnare alla figlia che non ha beneficiato del prestito una quota maggiore 55 o 60% determinato sulla base del valore dell'abitazione ed all'altra la differenza.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina