1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. oletto

    oletto Nuovo Iscritto

    Espongo rapidamente i fatti:
    Un appartamento è intestato a 5 fratelli, uno di questi è incapace ed è stato nominato un tutore in sua vece.
    Sottoscrivo un compromesso con i proprietari e tutore per un dato prezzo,basata su una perizia di un geometra, e verso caparra presso agenzia immobiliare che segue la vendita.
    Al 30/6/2011 scadrebbero i termini del compromesso.
    Da pochi giorni abbiamo l'autorizzazione del giudice tutelare che però impone un prezzo di vendita, basato su una più recente perizia, superiore a quanto concordato.
    I 4 fratelli firmano un foglio in cui si impegano a versare comunque la quota spettante all'interdetto stabilita dal giudice qualunque sia il prezzo di vendita e sono disposti a far inserire questo impegno anche nel rogito.
    Il mio notaio ha rifiutato di rogitare, dice che il giudice stabilendo il prezzo dell' intero immobile e non solo quello della quota del tutelato ha bloccato tutto. Che il tribunale deve modificare l'atto. Che infine la scrittura privata dei restanti fratelli non vale nulla, anche se ammette che nella sostanza i diritti dell' incapace sarebbero pienamente tutelati. Farebbe il rogito solo facendomi pagare quello che a disposto il giudice andando oltre la tutela dell' incapace.
    Cambio notaio, aspetto altri 6 mesi prima che il giudice forse cambi la senteza, denuncio per danni gli altri fratelli o rinuncio con dispiacere all' appartamento?
    Datemi consiglio rapidamente il 30 si avvicina.
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Rivolgiti ad un altro Notaio e cerca di capire le strade migliori. Le cose logiche dovrebbero trionfare.
     
  3. mtr

    mtr Membro Attivo

    Cambia notaio, ti assicuro per esperienza che ci sono differenze enormi nella visione di qs 'signori', i quali spesso cedono ad abusi di potere incredibili.
    Rivolgiti a chi tutela i tuoi diritti, non le proprie paturnie.
    Le scritture private valgono eccome!
     
  4. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Il Notaio in questione si trova certamente in una situazione particolare, anche se è vero che il la CTU alla quale il giudice dice di fare riferimento deve riguardare solo la tutela degli interessi dell'interdetto in quanto gli altri 4 fratelli ben son liberi di disporre dei suoi interessi.
    Ove non sussista un'eccessiva differenza di prezzo tra quanto pattuito e quanto imposto, un modo per eludere il problema potrebbe essere quello di dichiarare il prezzo imposto e i 4 eredi al momento del rogito dichiareranno di avere percepito, fuori dal rogito, la differenza a cui rinunciano.
     
  5. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    leggo il post solo ora e oltre echiedermi com'è andata a finire volevo suggerirti nel caso avessi ancora l problema di fare il rogito per il valore fissato dal giudice e rilasciare gliassegni per quell'importo. poi i fratelli potrebbero restituirti "brevi manu" la differenza.
     
  6. oletto

    oletto Nuovo Iscritto

    Posso dirvi che lunedì andremo da un notaio che pare disponbile, vi saprò dire che soluzione prospetta.
    Saluti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina