1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Nel 730/2015 (per l'anno 2014) ho dichiarato nel quadro F gli importi delle due rate dell'acconto per la cedolare secca 2014, diciamoli (questi importi) X e Y.
    Per il 2015 ho pagato invece, come prima rata di acconto della cedolare secca 2015, un importo Z, inferiore ad X. Il reddito assoggettato a cedolare non è cambiato (è cioè lo stesso nel 2014 e, secondo le mie previsioni, nel 2015). Solamente, nel calcolare l'importo della prima rata della cedolare 2014 avevo tenuto conto del reddito percepito nel 2013, che era invece differente; questa volta, invece, nel calcolare l'importo della prima rata della cedolare secca 2015 ho tenuto conto - ai fini dell'applicazione del "metodo storico" - del reddito percepito nel 2014 (e che ho dichiarato nel 730/2015).
    Secondo voi avendo pagato, come prima rata dell'acconto della cedolare 2015, Z invece di X, ho applicato correttamente il "metodo storico"?
    GRAZIE a chi vorrà rispondermi su questo (solito) dubbio.
     
  2. masagu

    masagu Membro Attivo

    Scusami quindi tu hai messo nel quadro F del 730/2015 l'acconto della prima e della seconda o unica rata riportati nel 730/2014?
     
  3. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    No. Nel quadro F del 730/2015 ho messo gli importi effettivamente pagati nel 2014. Quanto alla determinazione di tali importi: l'importo della prima rata dell'acconto della cedolare 2014 lo avevo calcolato (ai fini dell'applicazione del metodo storico) considerando il reddito effettivamente percepito nel 2013 ed applicando una aliquota (trattasi di canone convenzionato) del 15% (in vigore nel 2013) e non quella del 10% (in vigore a partire dal 2014).
    Adesso, invece, nel calcolare l'importo della prima rata dell'acconto della cedolare del 2015 ho preso in considerazione il reddito effettivamente percepito nel 2014 (e dichiarato nel 730/2015) ed ho applicato l'aliquota del 10%.
     
  4. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Mi sono appena accorto che l'acconto complessivo della cedolare 2015 è inferiore al limite delle 257,52 euro, sì che avrei potuto pagarlo in soluzione unica il 30 novembre prossimo (infatti il 730 precompilato visualizza solamente l'importo in soluzione unica). Il fatto che invece io abbia pagato la prima rata dell'acconto (calcolata nel modo che ti ho detto) non comporta a priori alcun problema, giusto?
     
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il pagamento anticipato delle imposte, o parte delle imposte, non comporta mai un problema (almeno da parte del percipiente). :)
     
  6. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Certo, i problemi stanno casomai dall'altra parte:). Ma mi ero immaginato una situazione in cui l'aver versato la prima rata dell'acconto potesse in qualche modo produrre delle complicazioni. Ma evidentemente non è così. Semplicemente a novembre sborserò di meno e lo Stato ci avrà guadagnato qualche centesimo di euro in interessi:).
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina