1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. sid

    sid Membro Junior

    Giovedì io e mia madre siamo convocate dal notaio per la pubblicazione del testamento di mio padre morto il 4 marzo scorso, testamento solo letto precedentemente. La pubblicazione è stata richiesta solo da mio fratello. Mia madre non verrà, non vuole subire pressioni, ci sarò solo io. Mia cognata tramite mia madre mi ha già fatto sapere che “mio fratello reagirà male”. Intimidazioni, resta una situazione difficilissima. Il testamento è chiaramente sbilanciato a favore di mio fratello, lede me e mia madre. Io vorrei solo sapere : posso essere sicura che dopo la pubblicazione mio fratello non agisca prontamente e venda subito un pezzo di terreno come tenta di fare da due anni (solo due anni fa ho richiesto e ottenuto l’amministrazione di sostegno di mio padre) ? Inoltre è un’idea farsi scrivere due righe dal notaio con la conferma che noi due donne non abbiamo firmato il testamento?
    Ringrazio e saluto tutti
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il verbale di pubblicazione del testamento olografo è sottoscritto dalla persona che presenta il testamento, dai testimoni e dal notaio. Al verbale di pubblicazione vengono allegati la scheda testamentaria, e l’estratto per riassunto dell’atto di morte.
    Non esistono "altre" persone che devono sottoscrivere il verbale (o altro).
    Se il testamento contiene disposizioni lesive dei diritti dei legittimari, costoro potranno in ogni caso agire per "ridurre" tali disposizioni, entro l'ordinario termine di prescrizione di dieci anni (che decorrerà dal momento in cui l'erede designato dal de cuius accetterà l'eredità).
     
  3. sid

    sid Membro Junior

    mi é chiaro, grazie. Io e mia madre subito dopo, tramite un avvocato, faremo quindi richiesta, come dici tu, di riduzione delle disposizioni testamentarie per lesione di legittima. Posso chiedere ancora :
    dove compare che madre e figlia non firmano il testamento, nel verbale?
    i beni rimangono intestati ancora a mio padre?
    Molto gentili
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Nessuna norma prevede che madre e figlia debbano firmare qualcosa, se nessuna delle due ha presentato il testamento per la pubblicazione.
     
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Nel caso di moglie e due figli, la quota di riserva in favore dei due figli è di 1/2 (1/4 ciascuno). Quella in favore della moglie è di 1/4. La quota liberamente disponibile (che pertanto il de cuius poteva assegnare a chiunque) è di 1/4. Dunque, perché si possa affermare che il testamento sia sbilanciato in favore di tuo fratello occorre che il testamento gli assegni oltre il 50% del patrimonio di tuo padre.
     
  6. sid

    sid Membro Junior

    ringrazio nuovamente per le nuove risposte.
    Inoltre il testamento è chiaramente sbilanciato a favore di mio fratello.
     
  7. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    ma il notaio non può far passare un testamento dove la legittima sia stata toccata. è semplicemente illegale. giovedì dì questo al notaio. il testamento non è valido. vi potete accordare, seguendo i buoni consigli che sono già stati dati, sul 50% al fratello e il 25 a te a tua madre. in questo modo potete fare la successione (a proposito ma se è morto il 4 marzo dell'anno scorso perchè tutto questo ritardo? lo sai che state quasi fuori, entro l'anno dalla morte, con la successione alla agenzia delle entrate?)
     
  8. sid

    sid Membro Junior

    Con mio fratello non ci parliamo, e siamo vicini di casa. Mia mamma vive con me.
    Le tasse di successione dopo un anno raddoppiano, mio fratello si deve essere mosso in ritardo, le tasse le dovrebbe pagare (praticamente tutte in base al testamento) lui, poi un domani se il giudice riconosce a noi due donne qualcosa, gli daremo indietro i soldi. Ho cambiato avvocato, e con questa nuova mi son vista una volta sola, quindi sono un po' nel limbo. Però ci vedremo il giorno dopo la pubblicazione, il venerdì, e credo depositeremo subito la richiesta di riduzione.
    Il fatto che tu dici che il notaio non può far passare un testamento dove la legittima sia stata toccata, mi inquieta. Credo ad ogni modo non sia proprio così, ovvero il notaio lo pubblica (mi ricordo il notaio diceva a suo tempo che basta che sia anche solo uno di noi a chiedere la pubblicazione) e io ho dieci anni di tempo per impugnarlo. Son comunque molto preoccupata perchè c'è una grossa società che vuol acquistare quel pezzo di terra, e loro potrebbero aiutare / assistere mio fratello anche per una questione di tempi. Ho una paura folle che venga tralasciato qualcosa e di ritrovarmi che semplicemente la terra sparisce (venduta ad una società che a sua volta vende e poi fallisce ), come in passato mio fratello ha fatto sparire beni mobili. Ma probabilmente questa paura è infondata, nel senso che la terra non si può far sparire. Cosa dite, son fondate le mie preoccupazioni ?
     
  9. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    "Garanzie e responsabilità del Notaio
    Il notaio garantisce che l'atto notarile è conforme alla volontà delle parti, che ha accertato ed adeguato alle norme imperative di legge (cioè alle norme di legge che non possono essere derogate per volontà delle parti).
    E' infatti responsabile se l'atto notarile è nullo perchè manifestamente illecito o illegale; e lo è anche se l'atto è annullato perchè una parte non aveva la capacità legale di compierlo per l'età o per evidente incapacità di intendere o di volere, o comunque è annullato per altra causa imputabile al notaio."

    Fonte: consiglio del notariato
    insomma è illegale, contro la legge un testamento del genere, lo vuoi capire o no?

    quindi: il notaio risponderà di tutto, spese etc dovute all'impugnazione.
    Se una eventuale società, folle, dovesse comprare il terreno, lo dovrà riconsegnare perdendoci pure i soldi. Tu avverti tutti del fatto.
     
  10. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    la richiesta della pubblicazione non c'entra nulla con l'illegalità, chiunque può richiederlo, è il notaio che non può pubblicare perchè con la pubblicazione poi avviene l'intestazione delle proprietà all'agenzia delle entrate. e la cosa si complica per il notaio e per il fratello ancora di più
     
  11. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    E' illegale forse nello Stato di Topolinia.
     
  12. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    questo giudizio così tranciante senza alcuna spiegazione a cosa serve? non al forum, non a me nè a Sid, diretta interessata. Qui abbiamo un testamento che si vuole pubblicato. Io presumo che è stato redatto in presenza del notaio (dato che li ha chiamati per pubblicarlo) Risponde dci questo il notaio? il notariato dice di sì. Un notaio serve proprio, come pubblico ufficiale, che le cose siano fatte in termini di legge., Se è stato leso il diritto della legittima, è stato leso il diritto? si o no? e in questo caso il notariato dice che ne risponde il notaio o noi?
    risponde con i suoi soldi? si o no?
     
  13. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Qui abbiamo un testamento olografo e il notaio interviene solamente per pubblicarlo. Se fosse stato redatto per atto pubblico non ci sarebbe la necessità della pubblicazione!
    Ma a parte questo, se il notaio fosse responsabile per la pubblicazione di un testamento olografo o di un testamento pubblico lesivo dei diritti dei legittimari, a che pro il legislatore avrebbe previsto gli artt. 553 e segg. c.c. e quindi la necessità di ricorrere all'azione di riduzione per poter reintegrare le quote riservate ai legittimari?
    Si ricorda che l'azione di riduzione non è obbligatoria per i soggetti titolati ad azionarla. Se ai legittimari sta bene quanto il testatore ha disposto, oppure non intraprendono l'azione entro il termine previsto, quel testamento è perfettamente valido ed efficace.
     
  14. sid

    sid Membro Junior

    Sì, è stata lesa la legittima, ma credo non spetti al notaio rilevarlo in quella sede, perchè a priori non è evidente se non da analisi .
    Ad ogni modo, noi due donne siamo preservate da qualsiasi vendita su base testamentaria fatta successivamente in fretta? COme vengono bloccati i beni ?
     
  15. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    mio suocero ha redatto con un notaio un testamento, atto pubblico, e poi mio marito è stato chiamato, successivamente alla morte, per la pubblicazione (e relative spese).
    Sì. il notaio è responsabile. nei casi che citi si deve preoccupare alquanto perchè se il testamento scritto dovesse ledere la quota di legittima di un erede o anche piu' di uno, questi potrebbero intentare causa legale per pretendere giustamente quanto loro dovuto per legge. e il notaio pagherebbe perchè, cito il notariato, "E' infatti responsabile se l'atto notarile è nullo perchè manifestamente illecito o illegale". E' manifestatamente illecito e illegale? o no?
    la legge fissa le quote inderogabilmente, tanto è vero se un erede prende di meno dovrebbe pagare una tassa sulla "donazione". eh! la fai troppo facile. Lei dovrebbe donare a lui la parte che le compete per legge. vedi come arriva l'agenzia delle entrate!!
     
  16. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Altra baggianata. Il testamento pubblico non richiede la pubblicazione.
     
  17. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se io vado dal notaio e faccio un testamento pubblico in cui lascio tutto il mio patrimonio alla mia amante, escludendo totalmente mia moglie e i miei figli, il notaio farà semplicemente quello che gli dico. Si limiterà ad avvertirmi dei rischi connessi. Punto e basta. Saranno (se lo vorranno) i miei legittimari che agiranno in riduzione contro la mia amante per vedersi riconosciuti i loro diritti. Non certamente verso il notaio!
     
  18. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    ma non le basta neanche una che ci è passata di persona?
    Il testamento pubblico è definito dall'art. 603 del codice civile italiano come il testamento ricevuto dal notaio in presenza di due testimoni. Ero anche io presente nel momento della stesura. ed ero presente qualche giorno dopo la morte quando il notaio ha chiamato mio marito e sua sorella perchè voleva i soldi per pubblicarlo.
     
  19. sid

    sid Membro Junior

    Annullo il messaggio, non mi ero accorta delle nuove risposte.
     
  20. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ci sei passato di persona, ma ignori (ancora) che il testamento pubblico è già... pubblico. I soli testamenti che richiedono la "pubblicazione" sono quello olografo e quello segreto.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina