1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. alfietto

    alfietto Membro Attivo

    Buongiorno,

    mio padre ha acquistato un appartamento nel 1995

    Nel 1996 un mio vicino di casa ha trascritto il suo atto con gli stessi dati catastali del mio ( uguali foglio, particella e sub) probabilmente perchè speculari e privi di planimetrie.

    L'errore è nell'attribuzione del sub

    Abbiamo risolto la questione in sede giudiziaria ove è stato riconosciuto errato l'atto del mio vicino di casa ma la sentenza non verrà trascritta perchè ritenuta non tra quelle degli artt. 2643 e seg. cc.

    Il mio vicino di casa comunque non può rettificare l'atto in quanto il suo sub è a sua volta attribuito ad altri ( ovviamente anche qui erroneamente).

    Pertanto, alla luce della mancata trascrizione della sentenza e della impossibilità di rettificare l'atto del vicino, è interrotta la continuità delle trascrizioni con l'atto frapposto del mio vicino ( art. 2650 c.c. )?

    Ovvero posso vendere un giorno il mio appartamento in questa situazione oppure è necessario rettificare l'atto del vicino?

    Preciso che l'appartamento di mio padre è passato a me l'anno scorso con successione regolarmente trascritta

    Grazie
     
  2. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Tu sei perfettamente in regola, l'ha stabilito una sentenza. Saranno problemi suoi e degli altri che hanno l'identificativo errato. Fossi in te farei una segnalazione al catasto allegando copia della sentenza. Sarà cura dell'Agenzia del territorio attivarsi per rimediare agli errori commessi da loro o da altri professionisti. Sarebbe il caso che fosse stilata da una persona o tecnico competente.
     
  3. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    se quello che avrebbe dovuto essere il suo sub è stato dato ad un altro il catasto creerà un nuovo sub, la domanda di correzione dovrà essere fatta dal proprietario assistito da un tecnico. Poi è come dice @Gianco.
     
  4. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    oggi la planimetria dell'appartamento esiste agli atti del catasto?
     
  5. alfietto

    alfietto Membro Attivo

    Sì certo. Esiste la planimetria fatta recentemente che attesta che l'appartamento è mio.
    Cmq che cosa dovrebbe fare il Catasto con la sentenza? Che errore dovrebbe correggere?Mica può rettificare l'atto sbagliato?
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    No deve regolarizzare i suoi registri: non può esistere che ci sia uno stesso identificativo per due immobili. Il catasto dovrà provvedere d'ufficio eliminando l'incongruenza, eventualmente richiamando il tecnico che l'ha provocata.
     
    Ultima modifica: 18 Agosto 2016
  7. alfietto

    alfietto Membro Attivo

    Il Catasto cmq ha già detto che non può creare un nuovo sub altrimenti si configurerebbe una sovra elevazione che non esiste. Per cui dovrebbe rettificare l'atto ma il suo sub a sua volta è erroneamente occupato da un altro.
    Cmq a me interessa sapere se in questa situazione potrei vendere l'immobile.
    Grazie
     
  8. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    che grande balla; allora nel caso di frazionamento di una unità immobiliare il catasto di Salerno come fa? assegna lo stesso sub ai due nuovi appartamenti?
    ecco perchè hai trovato due appartamenti con lo stesso sub. E' evidente che c'è qualcuno che non sa fare il proprio dovere!!!
     
  9. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Vorrei capire meglio. In caso di frazionamento, il Catasto procede solo a fronte di una pratica presentata dagli interessati, che se non ricordo male consiste nella soppressione del sub interessato dal frazionamento e dalla proposta di due nuovi sub, a fronte di un nuovo elaborato planimetrico.
    Quindi il catasto si muove solo a fronte di relativi docfa, non autonomamente.

    Presumo quindi che anche in questo caso si limiti a sollecitare ai titolari con l'anomalia di procedere alla rettifica: mi interesserebbe sapere di quali strumenti di pressione dispone.
     
  10. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    perchè occorre usare strumenti di pressione quando il Catasto recepisce, più o meno passivamente, le dichiarazioni dei proprietari? Il catasto boccia le domande di adeguamento allo stato attuale delle unità immobiliari se non vengono rispettate determinate norme, altrimenti prende atto. In questo caso ci sono due unità immobiliari con gli stessi identificativi catastali credi che il capufficio di zona si metta di traverso per regolarizzare la situazione? Non dimentichiamoci che negli anni '90 alcuni lavori di adeguamento informatico del catasto italiano sono stati appaltati a delle aziende albanesi: questo è stato fonte di molti disguidi.
     
  11. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se un professionista presenta una pratica DOCFA al catasto, non lo fa per suo piacere, ma per ottenere l'approvazione e l'aggiornamento dell'archivio meccanografico.
    Come detto, è un assurdo che esistano due immobili con gli stessi identificativi, comune, foglio, mappale e subalterno. Pertanto il catasto che ha avallato l'errore di un tecnico deve provvedere o a richiamare il tecnico per fargli rettificare la pratica errata o interviene d'ufficio, notificando al titolare l'avvenuta variazione.
     
  12. alfietto

    alfietto Membro Attivo

    Ma in tutto questo, cioè senza che l'atto del vicino venga rettificato ed in presenza della mia sola sentenza non trascritta, pensate che la linea della continuità delle trascrizioni sia interrotta?
    La sequenza in questo momento dell'appartamento Fol. X Part. Y SUB Z è; 1995 A vende a B ; 1996 C vende a D; 2015 B a E per successione
    Quel passaggio C-D del 1996,insomma, interrompe la continuità ?
     
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Mi era sfuggito questo passaggio. La planimetria, presentata recentemente, dovrebbe avere un subalterno differente: ad ogni variazione, aggiornano il subalterno
    Perché dovrebbe interrompere la continuità, se è stato regolarmente trascritto?
     
  14. alfietto

    alfietto Membro Attivo

    Pecrhè nella sequenza da A a E si frappone C-D che è l'atto da rettificare.
    E' così?
     
  15. alfietto

    alfietto Membro Attivo

    Buongiorno,

    mio padre ha acquistato un appartamento nel 1995

    Nel 1996 un mio vicino di casa ha trascritto il suo atto con gli stessi dati catastali del mio ( uguali foglio, particella e sub) probabilmente perchè speculari e privi di planimetrie.

    L'errore è nell'attribuzione del sub

    Abbiamo risolto la questione in sede giudiziaria ove è stato riconosciuto errato l'atto del mio vicino di casa ma la sentenza non verrà trascritta perchè ritenuta non tra quelle degli artt. 2643 e seg. cc.

    Il mio vicino di casa comunque non può rettificare l'atto in quanto il suo sub è a sua volta attribuito ad altri ( ovviamente anche qui erroneamente).

    Pertanto, alla luce della mancata trascrizione della sentenza e della impossibilità di rettificare l'atto del vicino, è interrotta la continuità delle trascrizioni con l'atto frapposto del mio vicino ( art. 2650 c.c. )?

    Ovvero posso vendere un giorno il mio appartamento in questa situazione oppure è necessario rettificare l'atto del vicino?

    Preciso che l'appartamento di mio padre è passato a me l'anno scorso con successione regolarmente trascritta

    Grazie
     
  16. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Da come hai esposto il problema l'errore non è riscontrabile nei vostri documenti ma in quelli del vicino.
    Non hai chiarito il dubbio avanzato nel post 13.
     
  17. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    non sempre, se esiste il sub e presenti un aplanimetria con la causale "esatta rappresentazione grafica" il sub rimale lo stesso, certo che se il tecnico avesse voluto sopprimere e costituire probabilmente lo avrebbe potuto fare ma questo non cambia la questione della trascrizione sui registri immobiliari che comunque dovrebbe essere valida la tua in quanto precedente. Come ti è stato scritto: il probema è del tuo vicino e mi chiedo come abbia risposto la conservatoria alla richiesta di trascrizione di un atto (quello dal tuo vicino) su un immobile che aveva un'intestazione "contro" diversa da quella presentata, cioè se l'immobile è registrato a tuo favore, non potrà essere trascritto a favore di un altro se non sei tu il cedente
     
  18. alfietto

    alfietto Membro Attivo

    Prima non c'era la planimetria. L'abbiamo creata noi per la prima volta ed il subalterno è stato quello originario
     
  19. alfietto

    alfietto Membro Attivo

    Scusami Griz ma non so se la Conservatoria è tenuta a controllare la continuità in quanto non avrebbe dovuto trascrivere neppure la successione di mio padre del 2015. Eppure lo ha fatto
     
  20. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Il problema non è tuo, ma è degli altri che hanno dei subalterni errati. Saranno loro ad attivarsi per rimediare.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina