1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. barbaraf

    barbaraf Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Buongiorno
    abito nello stesso condominio da 10 anni e il riscaldamento è sempre stato ok, anche un pochino eccessivo ( oltre i 21 gradi )
    da 3 anni a questa parte nel mio appartamento ( ultimo piano, due lati esterni non bene isolati - costruzione di 35 anni fa circa ) raggiungo a difficoltà i 19 gradi, spesso 17,8-18,5
    Nonostante le segnalazioni già fatte con le buone, pagando regolarmente le spese, anche quest'anno la situazione si sta ripetendo !! Stamattina 18,7 gradi
    Cosa consigliate ? Chi decide la temperatura da impostare in caldaia e chi gli orari di accensione ( quest'anno variati anhe questi ! ) ?
    Io NON ho mai ricevuto alcuna convocazione per assemblea ( sono inquilino ) nonostante ne abbia fatta espressa richiesta SCRITTA ... da quanto ho saputo è già tanto che non se ne fanno ....
    Grazie, Barbara
     
  2. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    L’art. 10 della legge 392/1978 (cd. "equo canone") sancisce che il conduttore ha diritto di voto, in luogo del proprietario, nelle delibere dell’assemblea condominiale relative alle spese e alle modalità di gestione dei servizi di riscaldamento e di condizionamento dell’aria (cfr. sentenza Corte di Cassazione, III sez. civ. 3 aprile 1990, n. 2762). Se non erro, questo articolo non è stato né abrogato né modificato dalla successiva legge 431/1998.
    Inoltre l'art. 4 del DPR 412/1993 prescrive per la media aritmetica delle temperature dell’aria dei locali dell'immobile un valore non superiore a 20 °C, con tolleranza 0/+2 °C.
     
    A gabrcasa, barbaraf e Foxone piace questo elemento.
  3. gabrcasa

    gabrcasa Nuovo Iscritto

    Non è improbabile che l'impianto soffra o perchè le pompe di spinta non riescono a veicolare l'acqua calda velocemente e che quindi si raffredda o diversamente la temperatura del bruciatore è stata ridotta in funzione di quanto da te evidenziato sull'eccessivo calore degli scorsi anni. Se si abbassa la temperatura del bruciatore va verificata che la prevalenza delle pompe sia tele da assicurare una buona temperatura anche agli ultimi piani. Infine, chiedi all'amm.re il rapportino del terzo manutentore della caldaia, è un tuo diritto, per verificare anche il rendimento energetico della caldaia che potrebbe essere non conforme alla normativa. Ciao
     
    A barbaraf piace questo elemento.
  4. barbaraf

    barbaraf Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Buongiorno
    ora che la stagione del freddo è veramente iniziata anche in casa mia la temperatura si è drasticamente abbassata !!
    nella zona notte, il meglio che ho al mattino è 17,8 alle ore 7,00 per salire al massimo a 18,5 alle ore 9,00 .... poi l'impianto si ferma per due ore
    idem la sera ... arrivo max a 19 - 19,5 grazie alle parecchie ore continuative di accensione
    Purtroppo nessuno sembra darmi retta perchè altri condomini ( non all'ultimo piano ) dicono di stare bene: come mi posso comportare ? Considerate che è ormai 4 anni che faccio le STESSE IDENTICHE SEGNALAZIONI , con le buone maniere, e mi ritrovo con lo stesso tipo di problema ! E' giusto NON pagare le spese al proprietario ? Posso in qualche modo chiedere al condominio il rimborso dell'elettricità utilizzata per le stufette ? Quale segnale forte posso fare per farmi ascoltare UNA VOLTA PER TUTTE ?? grazie .... brrrrr
     
  5. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    L'inquilino ha diritto a partecipare alle assemblee che riguardano il riscaldamento. In quella sede può chiedere all'amministratore una verifica tecnica della situazione indicata. Accertata l'inadeguatezza del riscaldamento l'amministratore e il proprietario hanno il dovere di intervenire, il primo sulla centrale termica, il secondo sui corpi scaldanti. Intanto ha verificato se c'è aria nell'impianto?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina