1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. manuela311980

    manuela311980 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Salve, ho questo problema, dovrei fare la successione della quota di terreno posseduta da mio zio, ( non sposato e senza figli) deceduto 5 mesi fa e la cui quota è di 9/36. Le restanti quote sono suddivise così:
    fratello A...................................................9/36
    sorella B................................................. 9/36
    coniuge altro fratello deceduto prima..............3/36
    6 figli (tra cui io) del fratello già deceduto........6/36
    totale.......................................................27/36 + 9/36( quota de cuius)= 36/36

    Ora a questo punto mi sto trovando in difficolta per calcolare le frazioni da inserire nella successione, soprattutto per quelle dei 6 figli, perchè non riesco a determinarle con quota 36, in modo da renderle tutte uguali. Come devo fare?
    Le quote infatti verrebbero: fratello A .........3/36 ;
    sorella B...........3/36;
    coniuge fratello deceduto............1/36;
    quote dei 6 figli.........................2/36; però poi non riesco a caclocare le quote di ciscun figlio in frazione con base 36. Oppure non è obbligatorio inserile con la stessa base nella dichiarazione di succesiione e nella voltura?
    Qualcuno può aiutarmi? Grazie
     
  2. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ciao,
    modifica la base.

    Hai 2/36, trasforma la frazione moltiplicando entrambi i numeri per 3, otterrai 6/108.
    Ad ogni figlio spetterà 1/108.

    Per tua comodità puoi portare tutte le altre quote con base 108 moltiplicando per 3 la frazione.

    Avrai così:

    fratello A .................................9/108;
    sorella B...................................9/108;
    coniuge fratello deceduto.............3/108;
    quote dei 6 figli..........................6/108;

    Ciao
    Luigi
     
    A manuela311980 piace questo elemento.
  3. Franz

    Franz Membro Attivo

    Impresa
    a seguito di risposte sbagliate in un'altra tua domanda cui ho risposto, ripeto che la moglie del fratello già defunto nulla eredita(ma da come scrivi risulti convinta che sia così)

    le proporzioni giuste sono(siccome 9/36 equivalgono a 18/72):

    6/72 fratello A

    6/72 sorella B

    1/72 ai 6 figli a testa
     
    A manuela311980 e piola75 piace questo messaggio.
  4. manuela311980

    manuela311980 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    No, in effetti ho capito dopo aver inserito questo post che la conige del fratello defunto non ha la rappresentanza, ma vi rientrano solo i figli.
    Il punto adesso è un'altro; dei 6 figli 2 sono adottati. Rientrano nella successione? un art. del C.C. dice che non rientrerebbero nell'eredità dei parenti (dei genitori ovviamnete si) ma in questo caso non si applica la rappresentanza? Che ne pensate?
     
  5. Franz

    Franz Membro Attivo

    Impresa
    rappresentazione...si dice rappresentazione

    i figli adottati hanno gli stessi diritti legali di quelli legittimi come di quelli naturali, quindi ereditano anche loro

    meglio che riporti qua l'articolo del codice civile di cui parli
     
    A manuela311980 piace questo elemento.
  6. manuela311980

    manuela311980 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    l'art. 567, comma 2: "I figli adottivi sono estranei alla successione dei parenti dell’adottante".
    Secondo me però vi dovrebbero rientrare, sempre per l'istituto della rappresentazione (eh eh Franz, stavolta non ho sbagliato)
     
  7. Franz

    Franz Membro Attivo

    Impresa
    mi sono documentato per essere sicuro, e ho trovato che la rappresentazione vale ed opera non solo per i figli adottivi, ma anche per gli eventuali discendenti dei figli adottivi

    leggi nelle ultime righe di questa pagina:

    Genitori si diventa - Onlus
     
    A manuela311980 piace questo elemento.
  8. manuela311980

    manuela311980 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    grazie per il link, è stato illuminante;)
     
  9. fausto manca

    fausto manca Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Consentitemi di tornare sulla determinazione delle quote a seguito del decesso dello "zio non sposato e senza figli": la situazione precedente il decesso lo vedeva proprietario di 9/36, un'altra quota di 9/36 faceva capo al fratello A, una identica alla sorella B e risultavano, inoltre, proprietari una cognata per 3/36 e 6 nipoti per 1/36 ciascuno ( che, in tutta evidenza, erano eredi di un ulteriore fratello premorto); a seguito del decesso di cui al presente problema e fermo restando che per rappresentaaione intervengono i soli nipoti e non anche la cognata, la situazione sarà la seguente:
    fratello A 48/144
    sorella B 48/144
    cognata 12/144
    6 nipoti 6/144 ciascuno.
    Scuusatemi se mi é sfuggito qualcosa.
     
  10. manuela311980

    manuela311980 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
  11. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Scusami Manuela,
    ma se la questione riguardava solo la successione dello zio deceduto e cioè dei soli 9/36 di sua proprietà, tale quota va divisa in tre quote uguali, una per ogni fratello/sorella vivente e i figli di quello deceduto (nella prima risposta non ero a conoscenza che la moglie del fratello non partecipasse).
    Quindi dei 9/36,
    3/36 vanno al fratello,
    3/36 vanno alla sorella
    e ad ogni figlio erede andranno esattamente 1/72 (totale pari ad 6/72 ossia 3/36).
    Quindi concordo con la risposta di Franz data all'inizio.
    Ciao Luigi
     
  12. manuela311980

    manuela311980 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    si infatti, ma anche la risposta di fausto è corretta perchè sono sempre le stesse frazioni moltiplicate per 4 per fare in modo che la base delle frazioni sia uguale per tutti
     
  13. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ciao Manuela,
    dissento da quello che affermi.
    La visione di Fausto è complessiva dell'intero bene, ossia la quota posseduta in precedenza più la quota parte del fratello deceduto.
    La divisione che ho prospettato io invece si riferisce alla quota in successione, cioè ai 9/36 iniziali ( o se vuoi 18/72).
    Al fratello A 6/72;
    Alla sorella B 6/72;
    ai 6 nipoti vanno 1/72 ciascuno (totale 6/72).
    Ciao Luigi
     
    A manuela311980 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina