1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La Riforma del condominio(Legge 11.12.2012 n. 220) introduce un ultimo, nuovo comma, all’art. 1118 del Codice Civile, in base al quale il condomino può rinunciare all’utilizzo dell’impianto centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, a condizione che dal suo distacco non derivino squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini.

    Ora nella doppia ipotesi che non essendo stata apportata alcuna modificazione alla conduzione della caldaia alla fine della gestione del riscaldamento si sia consumato lo stesso numero di mc degli anni precedenti e che il prezzo del combustibile sia rimasto invariato, il costo diviso tra i condòmini rimasti allacciati sarà superiore rispetto alla suddivisione tra tutti i condomini, quindi ci sarà un aggravio di spesa.

    Oppure anche se si è consumato meno mc rispetto agli anni precedenti per via del nuovo settaggio della caldaia ma il costo della fornitura è aumentato per via dell’ aumento del carburante si avrà ancora un aggravio di spesa per i condomini rimasti allacciati al riscaldamento condominiale.

    Alla luce di queste due ipotesi non vi sembra che questo nuovo comma meritasse delle spiegazioni più dettagliate?
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Volutamente è stato sì generale ed astratto: sarà sempre necessario l'accompagnamento di una perizia tecnica atta a dimostrare il risparmio; il legislatore mai avrebbe potuto prevedere le innumerevoli variabili in gioco.
     
  3. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Puoi sempre proporre ai condomini di mettere i contabilizzatori senza attendere la scadenza di legge (31/12/2016). Ognuno si sceglierà l'orario che più gli si addice e potrà anche programmare le accensioni (domotica) e non ci saranno discussioni tra calorosi e freddolosi.
     
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se non ricordo male, aldilà del consumo, tu dovrai contribuire alle spese per la manutenzione della caldaia.
     
  5. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    non fantasticare troppo. Quello che hai scritto rispecchia il riscaldamento autonomo e non quello condominiale. Come ho già avuto modo di scrivere in un' altra discussione l'orario di accensione dell'impianto di riscaldamento rappresenterà senz'altro un argomento di discussione in seno a tutti i condomìni una volta installati i contabilizzatori di calore. La legge consente agli impianti di riscaldamento dotati di contabilizzatori di derogare agli orari imposti per ogni zona climatica nelle quali è stata suddivisa l' Italia, stando accesi 24 h/24 h. Ora, nelle zone nelle quali attualmente il riscaldamento è di 12 ore non consecutive nell'arco delle 24 ore, come a Roma, (se non addirittura 6 ore su 24 come nella zona A), non ci vuole una laurea in termotecnica per capire che, tenendo accesa la caldaia anche solo in stand by per il doppio se non il triplo dell'orario di funzionamento per la zona climatica, perché in tutti gli ambienti si è raggiunta la temperatura di settaggio, si consumerà combustibile a vuoto e che quindi i costi di gestione aumenteranno.
    E' ora di sfatare la credenza popolare che uno prima di uscire per andare a lavorare, visto che in casa non c'é nessuno, azzera la termovalvola e la riaccende quando ritorna, così non paga il riscaldamento di cui non ha goduto. Chi fa questo lavoro tutti i giorni nei quali viene erogato il servizio di riscaldamento centralizzato? E chi lo fa, dopo un paio di anni, si ritrova da sostituire le termovalvole, perché un consiglio che danno gli installatori è quello di agire all'inizio sulla termovalvola fino a quando si è raggiunta la temperatura voluta per ogni locale, e poi, se non ci si assenta per periodi medio lunghi, di non continuare a toccarle : in sostanza se vai via un fine settimana il risparmio sul consumo è risibile.
    Il problema che si potrebbe presentare, invece, è un altro: può un condomino particolarmente facoltoso e freddoloso pretendere che l'impianto funzioni 24 h/24 h quando magari l'assemblea condominiale decidesse di continuare a far funzionare la caldaia per 12 ore non consecutive?
     
  6. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Manutenzione straordinaria (ad es., sostituzione del bruciatore, sostituzione delle pompe).
     
  7. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non solo manutenzione...ma in parte anche per i consumi.
     
  8. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Magari dipenderà anche da come viene tarato "l'automatismo" della caldaia".
    Per quanto ne sapevo il funzionamento 24/24 è previsto solo per determianti tipi di impianto (riscaldamento a pavimento) che hanno "inerzie" rilevanti tali da sconsigliare comuqnue lo spegnimento.
     
  9. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    In assenza di contabilizzatori da solo può esigere una durata pari al valore fissato della zona climatica.
    In caso contrario può esigere l'accensione no-stop.
     
  10. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    non mi sembra che la legge faccia riferimento solo a questo tipo di riscaldamento.
    Parla di caldaie che possono lavorare su 2 o 3 intervalli di temperatura.

    Non sarei proprio sicuro di questo: il DPR n.° 74 del 2013 all'Art. 4 comma 6 lettera f) parla di non applicazione degli orari di funzionamento previsti dal comma 2 per ogni zona climatica, quindi di una deroga alla norma, non di un obbligo a tenere acceso.
    Ti allego il link della legge
    Gazzetta Ufficiale
     
  11. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Si parla di manutenzione, quindi anche quella ordinaria annuale.
     
  12. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Alcune sentenze parlano di obbligo di accensione per la durata giornaliera massima su richiesta di un solo condòmino.
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Aridajje: ma nel tuo condominio siete usi a tenere acceso il riscaldamento meno delle 12 ore (non consecutive) che prevede la normativa? Oppure, c'é qualche condomino che, a secondo delle giornate, va a spegnere la caldaia se, secondo lui, la temperatura esterna è tale da non dover accendere il riscaldamento?
     
  14. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non solo nel mio, in tanti. A novembre e dal 15 marzo la durata giornaliera del riscaldamento è normalmente inferiore a 12 ore. Dov'è lo strano?
     
  15. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    deve essere l'assemblea che decide un orario ridotto, tra l'altro crea problemi alla società che gestisce il riscaldamento: l'accensione e lo spegnimento è regolato con un orologio; devono far uscire appositamente un tecnico per cambiare il settaggio.
    E levami una curiosità quanto avete risparmiato?
     
  16. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Decide, per fortuna, l'assemblea, perché un solo condòmino potrebbe esigere - siamo a Roma, fascia D - 12 ore tutti i giorni dal 1° novembre al 15 aprile.
    Abbiamo risparmiato un po'.
    Facciamo un po' i conti (anche se la Costituzione ha abolito i titoli nobiliari):
    Senza riduzione le ore sarebbero state 165 * 12 = 1.980
    Con la riduzione le ore sono state 60 * 8 + 105 * 12 = 1.740.
    Il risparmio è stato pari a: (1.980 - 1.740)/1.980 = 12%.
    Invece di 1.000 € abbiamo pagato 880 €.
     
  17. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    tutto quello che c'é scritto prima di questa riga è giusto dal punto di vista matematico perché si analizza il numero di ore.
    Questo ultimo calcolo mi lascia un pò perplesso perché non è detto che il risparmio del costo sia automaticamente uguale alla riduzione delle ore di funzionamento.
    Ricordati il dissipamento dell'energia calorifica nelle ripartenze dopo il periodo nel quale la caldaia rimane spenta più a lungo.
     
  18. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    1. Dove viene dissipata secondo te l' energia calorifica?
    2. Perché questa dissipazione compromette il risparmio?
     
  19. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Viene dissipata per portare il liquido di circolazione dalla temperatura alla quale si trova alla temperatura di esercizio. Quindi dalla accensione fino al raggiungimento della temperatura di esercizio.
    Più è grande l'intervallo tra le accensioni e più si abbassa il valore della temperatura iniziale. Il consumo di energia per portare il liquido di circolazione in temperatura di esercizio è considerato uno spreco. Questo ragionamento è il cavallo di battaglia dei fautori della accensione 24 h/24 h dell'impianto di riscaldamento.
     
  20. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Allora non viene dissipata, invece resta nel liquido che poi la porta negli appartamenti. Verrebbe dissipata se andasse, che so, a riscaldare il locale caldaia.
    Quel che c'è da dire, secondo me, è che all'aumentare della frequenza degli switch le pompe e i bruciatori sono sottposti ad uno stress maggiore.
    Ne convieni?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina