1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ANTONIOr

    ANTONIOr Nuovo Iscritto

    Buonasera, vorrei esporre un problema che mi tormenta da più giorni.
    Ho stipulato un contratto preliminare di compravendita per un appartamento , lo stato dell'immobile era al grezzo.
    Tornato in cantiere successivamente, dopo l'intonacatura, ho notato la fuoriuscita di alcune cannette dell'impianto elettrico dal muro e mi sono precipitato a chiamare il costruttore per chiarimenti.
    Mi ha risposto dicendomi che non si poteva far nulla perchè sotto le cannette passavano travi portanti.
    Il problema riguarda 4 delle 6 stanze, fuoriescono due cannette in soggiorno sul soffito per 70 cm, una sulla cucina, una in camera da letto per ben 90 cm e per completare l'opera nella cameretta non si riesce a far passare i cavi per il punto luce situato al centro della camera e dunque ho due attacchi luce laterali.
    La soluzione proposta dal costruttore è stata di riempire di velette di cartongesso l'appartamento e per la cameretta una controsoffittatura in cartongesso per far arrivare i cavi al centro stanza.
    La mia prima domanda è: L'impianto elettrico non può essere spostato in una palazzina nella fasi iniziali di realizzazione?
    Considerando che odio solo l'idea di riempire un appartamento di dimensioni modeste di velette di cartongesso, come mi posso comportare con il costruttore?
    Se volessi rescindere il contratto, il passaggio di cavi fuori dall'intonaco potrebbe rappresentare una motivazione valida?
    Grazie a tutti.
     
  2. nuoviorizzonti

    nuoviorizzonti Membro Attivo

    Professionista
    In allegato al compromesso, di norma, c'è il capitolato d'opera su cui, oltre alle specifiche dei materiali impiegati vi sono anche le opere .... es. ""impianto elettrico incassato a muro e a soffitto con n.ro punti luce, prese.... ecc"". VERIFICALO;

    detto questo:

    a) l'impianto NON è eseguito a regola d'arte;
    b) è ovvio e scontato che un fabbricato abbia una struttura con travi portanti, ma questo non giustifica il fatto che possa avere un impianto elettrico "a vista".... è ovvio che il "costruttore" è totalmente improvvisato se non è riuscito a prevedere nemmeno i centri volta (che si realizzano prima del getto del solaio e non a struttura ultimata)....
    c) non per buttare benzina sul fuoco ma.... (chissà il resto) meglio tutelarsi (bene) adesso o rischi di avere altri problemi in futuro.
     
    A ANTONIOr piace questo elemento.
  3. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    secondo me o non c'è un progetto dell'impianto elettrico accurato oppure si sono dimenticati qualcosa in corso d'opera, visiona tutti i documenti e verifica bene dopodiche non sei tenuto a dover 'rimediare' con controsoffittatura peraltro incongrua perchè dovresti avere un H molto maggiore dei 2.70 cm minimi quindi diventerebbero vani esenti da abitabilità...
    fai attenzione a questi furboni che minimizzano gli errori e che comunque tutto ha un riscontro economico alle brutte se ci sono i presupposti di fare i lavori che ti ha proposto chiedi di defalcare la spesa e il disagio visto che paghi lavori che dovrebbero essere relizzati a regola d'arte
     
    A ANTONIOr piace questo elemento.
  4. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    è certo che non devono esserci condotte elettriche a vista. Io però non mi ostinerei ad ad avere i punti luce al centro locale scomodissimi per la manutenzione dei lampadari. Falli portare in parete ad altezza comoda anche per il cambio delle lampadine senza uso di scala.
     
    A ANTONIOr piace questo elemento.
  5. ANTONIOr

    ANTONIOr Nuovo Iscritto

    L'appartamento non perde di valore se è pieno di condotte elettriche nascoste da cartongesso?
    Ad esempio se un giorno decidessi di venderlo, sarei tenuto a spiegare l'imbarazzante situazione all'acquirente e penso che sarà dura poi per riuscirlo a vendere.

    Aggiunto dopo 2 minuti ....

    Vorrei un consiglio su come devo comportarmi con il costruttore e a quali leggi rifarmi.
     
  6. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    Se ti vuoi ostinare a voler i punti luci al centro del locale, ingiungi al costruttore che gli impianti devono essere a norma, se dice che l'elettricista ti rilascia la conformità dell'impianto così come fatto lo informi che ti rivolgerai alla camera di Commercio perchè questo impiantista non può considerarsi abilitato ad eseguire impianti elettrici.
     
    A ANTONIOr piace questo elemento.
  7. ANTONIOr

    ANTONIOr Nuovo Iscritto

    Non è solo il problema di centrare il punto luce,la allego un'immagine del soggiorno per rendere l'idea della situazione. Foto637.jpg
     
  8. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    ma come hanno lasciato i corrugati a vista ?
    allora, la prima cosa che sarebbe da fare è richiedere un impianto realizzato a 'regola d'arte' cosa che dalla foto si capisce che nel corso dei lavori si sono dimenticati di appoggiare i corrugati e questo è un bel problema !
    la normativa sugli impianti DM 37/08 che ha modificati il DM 46/90 non prevede quello che hai mostrato per cui cisarebbero gli estremi per la risoluzione del contratto oltretutto visto che l'altezza minima deve essere di 270 cm proporre una controsoffittatura non solo è un'idea pessima ma molto pericolosa perchè NON otterresti l'abitabilità quindi soldi spesi in vano
     
    A ANTONIOr piace questo elemento.
  9. ANTONIOr

    ANTONIOr Nuovo Iscritto

    Il costruttore mi ha proposto di nascondere il tutto con veletta in cartongesso, spessa 20cm.
    Mi chiedo tale soluzione è ha norma?Oppure posso avere problemi con l'abitabilità?

    Aggiunto dopo 1 ....

    Il costruttore mi ha proposto di nascondere il tutto con veletta in cartongesso, spessa 20cm.
    Mi chiedo tale soluzione è a norma?Oppure posso avere problemi con l'abitabilità?
     
  10. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    per quello che vedo in foto mi sembra uno scherzo
     
  11. ANTONIOr

    ANTONIOr Nuovo Iscritto

    Visto che non si è degnato di progettarla, ho pensato a questa soluzione Immagine.jpg

    Aggiunto dopo 1 ....

    purtroppo raffaelemaria non è uno scherzo.
     
  12. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    se non è uno scherzo rivolgiti all'avvocato, anche con la soluzione che proponi nonostante non si capisce una mazza
     
  13. nuoviorizzonti

    nuoviorizzonti Membro Attivo

    Professionista
    la situazione era scontata...... imprese totalmente improvvisate!!

    1) non entro nel merito di quanti (perchè 1 solo non riesce a fare quel pasticcio) elettricisti abbiano messo mano a quell'impianto....

    2) com' è stato più volte indicato un ribassamento (come auspicato in figura) ridurrebbe l'altezza ultile (< mt 2.70) è l'immobile diviene NON ABITABILE.

    3) In questo caso specifico TUTTE le soluzioni sono e resteranno (per sempre) un rappezzo;
    mah... almeno le scatole di derivazione a parete ci sono o nemmeno quelli???

    4) "Io" investirei 2/300€ e incaricherei in primis un tecnico di parte (geom. ing. arch. perito) che possa darti delle indicazioni, anche in relazione alla struttura in c.a ovvero su come si "potrebbe" sistemare la cosa (sempre che sia ancora possibile), in caso contrario sarà lui stesso a consigliarti, anche in base ai documenti che hai sottoscritto con l'impresa (compromess, clausole, capitolati ecc), come muoverti (giudice di pace, causa civile, disdetta del contratto ecc);

    P.S. ma sei il solo nel condominio ad avere questo problema?

    foderare una alloggio nuovo con velette in caton gesso (per nascondere i corrugati dell'impianto elettrico) è a dir poco aberrante, e in cucina e in bagno come fai con i rivestimenti a parete? e se fra 2 o 3 anni si forma della condensa interstiziale tra muro e cartongesso? e i battiscopa che fai ... li incolli al cartongesso? ...... impensabile!!
    di quanto pensi che si possa deprezzare il tuo immobile a differenza di uno uguale realizzato a regola d'arte?
     
    A ANTONIOr piace questo elemento.
  14. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    chiedi tutela con la risoluzione del contratto con l'aggravante del il risarcimento danni art 2043
    in quanto potrebbe profilarsi un comportamento colposo di inosservanza delle leggi e dei regolamenti
    affidati ad un legale onesto e competente
    poi volevo precisare che non so come questi alloggi possano essere messi sul mercato in queste condizioni...!
    se nell'impianto non c'è conformità preclude l'abitabilità che condizione imprescindibile per abitarvi in primis e poi per dare un certo valore ad immobile ad uso residenziale
    qual'è quell'impresa di elettricisti che ti certifica un umpianto del genere?
    scappa da questa banda di matti !
     
    A ANTONIOr piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina