• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Claudia85

Membro Junior
Proprietario Casa
Ciao a tutti!
Ho acquistato un'immobile, piano rialzato e seminterrato, dando incarico ad un geometra addirittura prima di rogitare.
Il suddetto mi propone di ristrutturare entrambi i piani risanando il seminterrato / cantina dichiarato h 2.40 per una futura abitabilita progettando anche un ingresso con scala e posa di termosifoni e impianto elettrico
Lui e' sia progettista che direttore dei lavori.
Suggerisce l' impresa e insieme fanno vari sopralluoghi, prima di firmare contratto di appalto.
Tutti siamo a conoscenza della presenza di tezze diverse come in tutti i seminterrati che vanno da 2.34 a 240cm
Firmo il tutto. Sia a me che all impresa viene consegnata la copia della CILA/DIA nella quale il seminterrato ha altezza 2.40 e figurano i tavolati divisori e le stanze denominate studio camera lavanderia taverna.

Dopo la realizzazione di tavolati scatolette, ingresso con scala, controtelai etc mi chiamana il geometra e poi l impresa per dirmi che non ho le altezze ovunque a 240 e che bisogna rompere il pavimento della cantina in semplice getto di cemento e scavare circa 6mcubi di roba per la modica cifra di 5 mila euro mio carico!!!
Nel contratto di appalto figura la voce rimozione sottofondi piano rialzato 75mq( aveva piastrelloni) e piano seminterrato 75mq ( una sola stanza piastrellata) costo 3mila. Chiedendo ad altre imprese il lavoro sarebbe di circa 1700.

Il punto e' che non credo che debba essere io a sostenere i sudetti costi dal momento che sapevano la situazione e il geometra ha sia responsabilita progettuali che di direzione dei lavori.


Se non saranno fatti i lavori opportuni per altezza 240 non avro agibilita e avro portato inutilmente impianti e aperto ingresso con scala poiche mai mi daranno abitabilita dato che dicono che lasciando cosi portano tutto a 232 cm

Cosa ne pensate e come tutelarsi?
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
Cambia tecnico e impresa... L'importante è arrivare a 240 se possibile o dichiarare 240 e arrivare a 236 che resta nella tolleranza!
 

Claudia85

Membro Junior
Proprietario Casa
L impresa ha gia percepito un sacco di soldi!

In effetti il geometra prima di iniziare mi parlo di tolleranza, l altro ieri invece no. Assolutamente tutto a 2.40. Dopo due giorni l ho richiamato sollevando le mie rimostranze e dicendogli quanto sopra e ha parlato non piu di demolire ma di " scalfire" la gettata di cemento per recuperare i cm (!!!!!)

La mia domanda e': chi paga?
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
Appunto, il geometra ha dichiarato in progetto una certa altezza ma evidentemente non è stato troppo chiaro su come arrivarci.... Se non si è sicuri si fanno prima dei saggi!
 

Claudia85

Membro Junior
Proprietario Casa
E quindi chi paga se serve?
Io ho firmato un progetto che quindi e' irrealizzabile per come lui lo ha stilato! Ha scritto lui anche il computo e il contratto di appalto!
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
In teoria tu, dato che sei l'interessato, però se si passa una certa soglia di aumenti inizia a fargli presente che oltre non paghi e di rispettare il preventivo!
 

Claudia85

Membro Junior
Proprietario Casa
Scherziamo? Pago il progetto e il direttore dei lavori per portare a termine quanto pattutito! Se no che l ho pagato/paghero' a fare?

Fosse successo a te pagavi e stavi zitto?
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
Certo che no, è per questo che ti dico di parlarne con lui e far tornare i conti! Sinceramente doveva aspettarsi di trovare del cls sotto o altrimenti fare sondaggi prima di iniziare
 

Claudia85

Membro Junior
Proprietario Casa
Nessuna aspettativa: niente di nascosto, tutto chiaro come il sole e ben evidente.
Hanno avuto le chiavi per fare tutti i sopralluoghi che volevano prima dell appalto. E mi "inventano" il problema che gia sapevano dopo 2 mesi che stanno li a lavorare


Possibile che dovrenno sistrmare a loro spese?
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
Difficile a dirsi senza sapere cosa avete firmato. Personalmente quando si tratta preventivare lavori sull'esistente faccio sempre scegliere se spendere soldi per un sondaggio o rischiare sapendo che ci possono essere delle "sorprese". Meglio comunque stimare anche le eventuali sorprese.
 

Claudia85

Membro Junior
Proprietario Casa
Ho firmato:
-Demolizione dei pavimenti e dei sottofondi in entrambi i piani rialzato e cantina
-Posa piastrelle fornite da me

Con allegata la planimetri

E' stato consegnato il Progetto futuro della CILa/DIA rendere indipendente la cantina con impianti formazione ingresso per recuperarne l abitabilita! Quindi figurano le voci taverba camera da letto bagno studio...


Cioe mi fai firmare epagare un progetto che poi si scopre non realizzabile?!

Ma ti sfiducio come DL e non ti pago il progetto!

Io sento puzza di malafede!!
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
Diciamo che non è stato troppo lungimirante, specialmente per quanto riguarda la pavimentazione controterra poiché è probabile che possa avere qualcosa di più di un vespaio. Ciò detto, vi conviene comunque procedere per ottenere le altezze utili per l'abitabilità ma il tutto sarà da concordare, come il costo extra delle voci non previste nel computo ma che si sono rivelate necessarieper il buon esito del progetto.

Considera che potete interpellare anche altre ditte, ma se è presente più di un'impresa nel cantiere con più soci/dipendenti dovrete nominare anche un responsabile della sicurezza e far fare la notifica preliminare.
 

Claudia85

Membro Junior
Proprietario Casa
Non c entra la lungimiranza, lo sapevano!

La pavimentazione controterra e' un semplice getto, senza reti metalliche avevano gia scavato per posizionare una pompa per acque reflue e fatto le tracce per gli impianti. Ho foto al riguardo

Ribadisco che la situazione delle altezze era da tutti conosciuta e io stessa gli ho detto che facevo lavori onerosi solo se avessi avuto l abitabilita futura cosa che ha garantito Ed infatti il progetto depositato al comune del seminterrato ha la dicitura h 240 camera studio taverna lavanderia etc. Come la dovranno fare sono fatti loro a spese loro a mio avviso!
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
Stando così le cose bisogna che affronti il tecnico chiedendogli spiegazioni sul fatto di non aver preventivato la demolizione parziale del getto di cls. dato che doveva sapere che la sola rimozione del massetto non sarebbe bastata ovunque per ottenere un'altezza utile adeguata. 8 cm sono tanti di scarto, che provi a scegliere anche materiali più performanti e di minor spessore.
 

Claudia85

Membro Junior
Proprietario Casa
Dopo tale richiesta onerosa dell impresa in presenza del tecnico fattami telefonicamente dopo 2 mesi di lavori e piastrelle acquistate e proprio quando sono partita,
ho riferito al tecnico sia per email che al telefono le mie delusioni e sfiducie in merito dicendogli che io non ho colpe e non devo pagare un bel niente perche loro sapevano e lui e' responsabile del progetto. Dopo questi toni ha emesso un tono paterno dando le colpe all impresa e dicendomi "ora vediamo si puo anche scalfire il getto" che a mio avviso si indebolirebbe e che posticipa i lavori a quando torniamo dalle ferie.

Ho concluso dicendo veditela te con l impresa perche se mi fai eseguire quote diverse che impediranno abitabilita faro' un casino!

Ad ogni modo, a mio avviso la differenza monetaria esecuitiva tra il progetto e il dato di fatto a mio toccherebbe proprio al tecnico progettista o sbaglio?

Ricordo che progettista direttore lavori e stilatore dell appalto e' lo stesso geometra e ha presentato la ditta
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Un consiglio: rivolgiti al Presidente del Collegio dei Geometri, lamentando il comportamento scorretto dell'iscritto, magari con il supporto di una relazione tecnica di un altro professionista. Sono convinto che il collega verrà a più miti consigli, ben sapendo di essere in torto marcio.
 

Claudia85

Membro Junior
Proprietario Casa
Un consiglio: rivolgiti al Presidente del Collegio dei Geometri, lamentando il comportamento scorretto dell'iscritto, magari con il supporto di una relazione tecnica di un altro professionista. Sono convinto che il collega verrà a più miti consigli, ben sapendo di essere in torto marcio.
La ringrazio per il consiglio, ma i lavori sono in corso e vogliono sapere da me il da farsi e pretendono soldi

Io volevo sapere se sono esonerata dal pagare perche credo sia ( sbaglio) onere del progettista
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se il progetto cita h = 2,40 la tolleranza del 2% ammette un'altezza di 2,35. Evidentemente se fosse inferiore non è ammissibile ed occorre intervenire, magari raschiando l'intonaco del soffitto ovvero intaccando il massetto sotto il pavimento. Ovviamente se nel progetto ha dichiarato l'altezza regolare ed ha ottenuto l'autorizzazione che altrimenti non sarebbe stata possibile, la colpa ed il danno sono imputabili al tecnico, non proprio affidabile.
 

Claudia85

Membro Junior
Proprietario Casa
Ci sono punti con altezza 234 ( altri con 236 e 239)
Loro sostengono che diventerebbero 232 con posa pavimenti e che vogliono portare tutte le quote in pari alla minima ( sic!) mentre io ho chiesto che fossero mantenute le disomogeneita di altezze.

Nel progetto depositato al comune e firmato da me e impresa ha dichiarato 2.40

Voci del preventivo
-Demolizione dei pavimenti e sottofondo
- sottofondo di pavimento e o cappa di protezione fino a 10cm con formazione del piano di posa tirato a frattazzo etc entrambi i piani
- sola posa pavimenti
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Rileggendo il tuo primo intervento:
Tutti siamo a conoscenza della presenza di tezze diverse come in tutti i seminterrati che vanno da 2.34 a 240cm
A questo punto probabilmente il progettista, direttore dei lavori ha presentato il progetto concordandolo con te per ottenere la certificazione di regolarità. Poi, resosi o rendendovi conto che l'altezza potesse essere verificata, si è manifestata la necessità di intervenire. A questo punto, il direttore dei lavori può trovare la soluzione più adatta a garantire l'altezza minima richiesta, magari giostrando con le tolleranze.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto