1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. siltau

    siltau Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Salve .
    Una agenzia immobiliare , all'atto della sottoscrizione della proposta di acquisto di un appartamente, ha richiesto che venisse lasciato un deposito a mezzo assegno bancario NT . Ha richiesto che venisse intestato alla ragione sociale della Agenzia invece che scrivere come beneficiario il nome del proprietario/venditore. E' corretto ?? Cosa si può nascondere dietro questa eventualità ??
    Mi preoccupa anche perchè nella proposta è scritto che deposito l'importo, non menzionando il beneficiario dell'assegno, " a garanzia della serietà della proposta e da imputarsi come acconto " ........
    .... Grazie ....
     
  2. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto

    no, non e' corretto, anzi e' scorrettissimo.
    E tu hai firmato???
    L'assegno va intestato solo al proprietario dell'immobile. la provvigione va pagata all'agenzia solo dopo che il venditore ha accettato la proposta che diventa cosi' preliminare.
    solo in questo caso l'agenzia ha diritto ad essere pagata.
    mai e poi mai intestare assegno all'agenzia.
    la frase scritta...............e' corretta, e' infatti un acconto che probabilmente si trasformera' in caparra confirmatoria solo dopo che il venditore accettera'.
    ciao
     
  3. siltau

    siltau Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie ccc1956 ... non ho firmato nulla ... anche perchè la richiesta di intestazione mi ha allarmato. L'Agenzia , anche conosciuta nel mercato immobiliare e che usa dei " moduli gialli con scritte in verde ", mi ha sottoposto una proposta di acquisto priva del nome del venditore, priva del comma relativo alla sua parcella e con molti casi per cui avrei potuto perdere la somma versata in deposito. Inoltre sul stesso modello non è chiarito come avrei dovuto dare la somma e a chi ...... solo a voce mi è stato detto che l'assegno doveva essre intestato all' AI . Per quale normativa , legge o disposizione questa è una prassi irregolare ? anche solo per la mia curiosità mi piacerebbe saperlo ....... Infine a me l'appartamento interessa , mi puoi suggerire una via da seguire ?????' Infinite grazie ....
     
  4. Bonats

    Bonats Nuovo Iscritto

    Mamma mia... ancora ci sono questo tipo di AI.

    Non saprei in questo momento darti degli estremi legislativi in merito.

    Però è ovvio che la caparra legata all'acquisto di un appartamento deve essere esclusivamente consegnata al venditore. L'assegno di solito resta in deposito magari all'agente fino alla firma dell proposta ma deve essere esclusivamente intestato al venditore.

    Posso darti l'art. 1755 c.c. e relativi articoli che disciplinano la mediazione immobiliare. Leggendo evincerai che il compenso di agenzia nasce solo in determinate circostanze ovvero conclusione dell'affare.

    Credo che l'unico modo per potersi farsi intestare degli assegni sia solo l'essere in possesso di una procura specifica per la vendita dell'immobile. Ma nn credo esista nessun proprietario che dia la procura ad un agente :)...

    Mi raccomando, se ti impone questo format per comperare casa, non firmare nulla e rinuncia all'acquisto. Potresti veder perdere migliaia di euro per niente..
     
    A ccc1956 piace questo elemento.
  5. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto


    furfanti.
    devi solo dire le cose in chiaro.
    come giustamente confermato anche da Bonats, occhi aperti, mi sa di truffa.
    devi solo firmare una proposta di acquisto che diventa preliminare dopo l'accettazione del proprietario e pagare la provvigione solo in questo caso.
    tu non devi correre il rischio in nessun caso di perdere il deposito.
    se il proprietario non accetta la tua proposta, l'agenzia e' obbligata a restituirti il deposito e tu non devi pagare niente.
    non si e' concluso il contratto.
    quindi l'importante quando si firma una proposta e' sapere il nome del proprietario come prima cosa cosa e poi devi farti consegnare i documenti relativi all'atto di provenienza (atto di acquisto, donazione, successione, divisione, permuta, ecc.)
    una PdA (proposta di acquisto) secondo Legge deve contenere :
    - la precisa descrizione del bene o dei beni;
    - l’esatta individuazione del proprietario e dei proprietari e dell’acquirente o degli acquirenti;
    - le obbligazioni del venditore e dell’acquirente;
    - il prezzo della vendita e le modalità di pagamento;
    - le condizioni della compravendita e le garanzie della stessa;
    - i documenti di provenienza del bene o dei beni;
    - l’indicazione della presenza di eventuali formalità ipotecarie;
    - la decorrenza del possesso del bene o dei beni;
    - termine entro cui concludere il contratto definitivo.rogito
    dati identificativi completi del venditore, del compratore e dell'immobile
    la scadenza entro la quale il venditore deve dare accettazione. In genere si prevede che fino a tale scadenza la proposta si considera irrevocabile.
    le eventuali penali previste in caso di inadempienza delle parti ma solo dopo che la proposta e' diventata preliminare.
    la clausola "proposta valida salvo accettazione mutuo", se si intende richiedere un mutuo.
    la provvigione dell'agenzia.
    e poi molto altro...............
    Questa una volta accettata diviene atto preliminare di compravendita o compromesso tanto è vero che con la famosa sentenza ( Suprema Corte , 2 aprile 2009 n. 8038 ) oramai stra- usata come scialuppa di salvataggio.
    la Corte di Cassazione ha chiarito ( beninteso nel caso specifico o strettamente simile ) che la PdA se ha i requisiti di contratto non può rimandare ad un altro contratto ( compromesso ) che rinnovi gli obblighi.
    Ecco perchè non solo è inutile redigere un altro contratto preliminare ma addirittura, questo , può costituire motivo di nullità di tutto il negozio giuridico.
    la PdA se riveste i requisiti descritti prima, è un atto preliminare di acquisto o compromesso, che quindi viene allegato alla richiesta di mutuo.
    e sempre secondo legge è un atto unilaterale ( 1324 e ss ) che nel momento in cui viene accettata ( 1326 CC ) e portata a conoscenza dell'altra parte ( 1335 CC ) diviene un contratto con gli obblighi derivanti.
    La proposta di incarico Artt. 1326, 1329, 1331, 2932 cod. civ.
    Il consenso manifestato dalle parti al momento dell’incontro della proposta e dell’accettazione può dar luogo alla formazione di un contratto preliminare di compravendita solo nei casi in cui il negozio contenga tutti gli elementi del contratto definitivo.
    Negli altri casi costituisce una semplice puntazione degli elementi del contratto e quindi in caso di inadempimento di una parte contraente, non sono esperibili i rimedi di cui all’art. 2932 c.c. Poiché il diritto al compenso del mediatore sorge al momento della conclusione dell’affare, può ritenersi intervenuta la conclusione di un affare quando tra le parti messe in contatto ad opera del mediatore si sia costituito un vincolo giuridico che abiliti ciascuna ad agire per l'esecuzione o risoluzione del contratto stesso. Ne consegue che la provvigione spetta al mediatore quando questi sia intervenuto per consentire la stipula tra le parti di un contratto preliminare, non quando, al contrario le parti, trovandosi ancora nella fase delle trattative precontrattuali, (le famose minute o puntuazioni) si limitano a puntualizzare solo alcuni elementi del futuro negozio che andranno a stipulare.
    Se hai bisogno, chiedi. :p:p
    ciao
    :)
     
    A Bonats e britallico2 piace questo messaggio.
  6. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non sono un AI ma sono d'accordo con Bonats, meglio evitare problemi più gravi non firmando alcun che. se sei interessata potresti dire chiaramente all'agenzia che, a queste condizioni, l'affare sfuma ma che sei disponibile a recarti dal notaio xy per un prelimanare come si deve. se non ci sono sotto truffe ed impicci non si farà sfuggire l'affare e la conseguente provvigione in caso contrario meglio aver evitato rogne certe.
     
  7. Bonats

    Bonats Nuovo Iscritto


    :amore::amore::amore: cosa vedono i miei occhi :):):)

    arianna d'accordo con meeeeee :-o:-o:-o:-o:-o
     
  8. siltau

    siltau Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie a tutti Voi .... Sicuramente cercheremo di adottare la linea che mi avete suggerito .... sempre che il "buon" AI sia d'accordo. Non credo sinceramente che , per "etica professionale" si "sottometterà" a quello che gli diremo noi . Cmq , nel caso , o segue le ns direttive oppure l'affare salta. D'altronde non lo abbiamo scelto noi ...... e questo è il colmo .... devo pagare qualcuno che non avrei nemmeno ..... salutato . A presto .
     
  9. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    perchè tanto stupore Bonats? io cerco di non avere preconcetti e credo sia segno d'intelligenza valutare le affermazioni per quello che sono indipendentemente dall'autore. e poi è sempre interessante confrontarsi con chi apporta per formazione, professione etc contributi e spunti che sfuggono a chi si occupa d'altro. o più semplicemente con chi su alcuni argomenti la pensa in modo diverso. se poi da AI serio mi darai una dritta su come riconoscere coloro che svolgono con competenza e serietà la tua professione ti sarò anche riconoscente. perchè se ti metti nei panni dell'utente capirai che in assenza di richieste come quelle di siltau la cosa non è affatto facile. a presto!
     
  10. Bonats

    Bonats Nuovo Iscritto

    Beh riconoscere un mediatore serio che ama la propria professione e che tutela entrambe la parti svolgendo le mansioni in modo professionale non è poi difficile...

    Il bravo mediatore è coluoi che ti mette al corrente di ogni informazione relativa all'immobile che si è interessati a comprare, magari puntando chiaramente sugli aspetti positivi e cercando di non far risaltare gli aspetti negativi (ma è naturale), ti informa chiaramente sulla situazione patrimoniale del proprietario (relativa alla casa in vendita) ed eventuali risvolti durante la trattativa, ti tutela per quanto possibile quando si acquista con mutuo apponendo clausole sospensive in modo tale da non farti rischiare caparre.

    Questo è chiaramente un mio pensiero e anche il modo di operare, qualcuno sicuramente non la penserà come me ma come dicevo sopra sono mie considerazioni.

    Ce ne sarebbero altri motivi ma bastano questi per capire chi si ha di fronte

    Ciauz
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina