1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. camas

    camas Nuovo Iscritto

    Buongiorno,
    chiedo un consiglio.
    Avendo dimostrato interesse per l'acquisto di un immobile, mi sono ritrovato con una richiesta particolare da parte dell'agente immobiliare, ovvero di mettere per iscritto in maniera informale (quindi senza le caratteristiche della proposta vera e propria) il mio interesse per l'immobile e il relativo prezzo da me proposto. Questo, a detta dell'agente, servirebbe a far capire al venditore il mio reale interesse verso l'immobile.
    Francamente mi e' parso strano.
    Ha un senso?
    Ha qualcuno e' capitato?
    Grazie
    Camas
     
  2. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Compito dell'agente immobiliare è quello di sondare se per la cifra che tu intendi pagare il venditore è disponibile a cedere l'immobile.
    Non occorre che tu formalizzi per iscritto in questa fase. Se il venditore non si fida della proposta verbale dell'agente per che cosa gli ha affidato l'incarico ? O non glielo ha affidato affatto ... o è fesso.
    Qualora il venditore si rendesse disponibile a vendere a quella cifra e informasse di ciò l'agente immobiliare, questo dovrebbe chiederti una "proposta formale" di acquisto, ossia vincolante, e magari il versamento di una piccola caparra.
    Così l'affare andrebbe a concludersi in maniera corretta.
     
  3. camas

    camas Nuovo Iscritto

    Grazie per la risposta.
    Pur non essendo del settore, francamente e' quello che ho pensato anch'io....Sono peraltro disponibile a formalizzare una proposta d'acquisto, motivo in piu' per non capire la richiesta dell'agente immobiliare.
    Camas
     
  4. erwan

    erwan Membro Attivo

    la differenza sta in questo: una proposta d'acquisto dev'essere completa di tutti gli elementi e può solo essere perfezionata con l'accettazione del venditore di tutte il corpo di clausole in essa stabilite;
    una dichiarazione d'intenti intavola invece una trattativa sul prezzo...

    è chiaro che l'agente, se ha fatto una simile richiesta, sa già di dover lavorare per avvicinare domanda e offerta sul prezzo...

    :fico:
     
  5. Dalam

    Dalam Membro Attivo

    Professionista
    Essendo un agente immobiliare non nego che anche a me capita di raccogliere proposte " informali ". Per informali intendo una mail, o una lettera unilaterale. Normalmente è l'acquirente ( proponente ) che richiede di inviarla e raramente è il mediatore a chiederla, in quanto è buona regola dei mediatori prendere proposte per iscritto - con relativa caparra intestata al venditore - e non " proposte informali ".

    Comunque non ci vedo nulla di male, se quel che chiede è una semplice lettera di intenti non vincolante. A me è capitato in questi giorni - di fronte ad una offerta molto bassa ed un proponente che vive lontano da Torino - di dire all'interessato all'acquisto di mandarmi l'offerta via mail anche in termini informali. Ho rigirato la mail al proprietario e spero di trovare un accordo.
    Preferisco un'offerta via mail che specifichi prezzo offerto e modalità di pagamento - anche se non impegnativa - che una generica offerta a voce. Si evitano fraintendimenti.

    Con l'augurio che la trattativa vada a buon fine :)
     
  6. camas

    camas Nuovo Iscritto

    Capisco, pero' nel caso specifico ho gia' valutato l'immobile con un tecnico di fiducia, ho chiesto tutta la documentazione della casa e ho espresso chiaramente l'interesse ed anche l'esigenza di non andare troppo per le lunghe, vista la necessita' impellente (nascita figlio) di cambiare casa. Penso che gia' questo basti per capire che la volonta' di acquisto e' reale....
    La casa , poi,e' in vendita da piu' di un anno, e' calata molto di prezzo e nessun'altro ha fatto proposte.....il proprietario dovrebbe essersi gia' fatto un'idea di quanto ha intenzione di scendere di prezzo, no?
    Perche' non fare una tradizionale proposta?
    Grazie per le vostre risposte
    Camas
     
  7. erwan

    erwan Membro Attivo

    e quando hai comunicato questi tuoi desideri all'agente che risposta hai ottenuto?
     
  8. camas

    camas Nuovo Iscritto

    La risposta che ho ottenuto e' stata la richiesta di fare una proposta informale di acquisto, di modo che l'agente potesse rassicurare il venditore sul reale interesse da parte mia...Io pero' non ho rassicurazioni a riguardo...devo solo aspettare.....
     
  9. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    come minimo che credevi di ottenere con una proposta d'acquisto, solo aspettare che venga accettata o respinta.:daccordo:
     
  10. camas

    camas Nuovo Iscritto

    Beh, se stipulo una seria proposta formale e il venditore si ritira dall'affare, ho diritto al doppio della caparra rilasciata...non mi sembra proprio la stessa cosa di una proposta informale...no?
    Se cerco casa e' perche' ne ho bisogno, non per far perdere tempo all'agente immobiliare o a proprietari.
    Cosi' come io ho dichiarato i miei intenti e sono disposto a metterli per iscritto, non vedo perche' non lo possa fare il proprietario, ovviamente guidato dal mediatore, che altrimenti a cosa serve, se non a mediare?
     
  11. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Direi che una proposta "informale" vincola troppo il compratore senza obbligare affatto il venditore. Una proposta "formale" obbliga entrambi e la trovo molto pià seria.
    Poi ... tutto si può fare.
    Cosa succederebbe secondo voi se camas scrivesse una lettera firmata del tipo "Sono interessato a comperare l'immobile di Tizio al prezzo di Euro 200.000" senza pattuizioni precise, termini di validità ecc.. e poi, aspettando inutilmente una risposta per un mese, decidesse di acquistare un altro immobile ?
    Forse qualcuno gli pianterebbe una grana ... o no ?
     
  12. erwan

    erwan Membro Attivo

    semmai è il contrario: una proposta irrevocabile vincola l'acquirente e mette la decisione finale nelle mani del venditore: può accettare le condizioni in blocco (senza modificarle), rifiutarle, o prendersi il tempo che un eventuale termine gli concede per decidersi.

    una dichiarazione informale d'interesse lascia entrambe le parti libere di muoversi

    io dico di no; mi pare difficile appellarsi a questo stadio di trattative alla responsabilità precontrattuale....
     
  13. camas

    camas Nuovo Iscritto

    Concordo con Mapei....se faccio una proposta formale, con una scadenza, al termine di questa so se potro' acquistare l'immobile o se devo rilanciare sul prezzo o rinunciare all'affare; se faccio una proposta informale, quanto aspetto? E nel frattempo? Poi, scripta manent, e di questi tempi visto quello che si legge nei forum non mi pare proprio il caso..
    Comunque il mediatore, interpellato ieri, data la mia perplessita' sulla proposta informale, ha testualmente detto che provera' a parlare con i proprietari, per quanto questo sara' per lui un lavoro che gli costera' molta fatica!
    Lascio a voi ogni commento.
    Camas
     
  14. erwan

    erwan Membro Attivo

    vero.
    però non puoi ripensarci.

    aspetti esattamente quanto ti va di aspettare, dopodiché puoi sempre formulare una proposta;
    nel frattempo continui a cercare altre case sperando di trovare offerte migliori, o di ammorbidire il venditore nel caso in cui sia lui ad avere fretta..

    e ad un certo punto si passerà al contratto!
    in definitiva un tipo di soluzione lascia maggior libertà, l'altra crea vincoli più stretti: per entrambe le parti.
    quindi non è che una via sia in assoluto sempre preferibile all'altra: tutto dipende dalla situazione e da quel che si vuole...
     
  15. cristianorossi

    cristianorossi Membro Ordinario

    Professionista
    il mediatore con questa proposta informale obbliga il potenziale acquirente alla firma del preliminare parlando solo con lui, poi va dal venditore e con sua la firma obbliga anche quest'ultimo alla firma del preliminare, ci sono (di solito) varie clausole che racchiudono questi obblighi nella proposta. Ecco che con due incontri gestiti autonomamente il mediatore trova la maniera di obbligare le parti ad incontrarsi ed ha tra le mani un documento che prova il suo lavoro inerente a questo immobile, legando le parti a sè stesso in caso decidessero di andare alla vendita in accordo tra loro per saltare il mediatore. Una forma di autotutela (peraltro corretta se il mediatore è una persona professionale) nel caso le parti facciano i "furbetti".
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina