1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. LukeSE

    LukeSE Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti,
    sto concludendo l'acquisto della mia prima casa, ma mi è sorto un dubbio che vorrei fugare al più presto.
    Qualche anno fa è venuto a mancare mio padre, per cui in seguito a successione sono venuto in possesso di 1/6 di proprietà dell'appartamento in cui vivo attualmente con mia madre e mio fratello.
    Mio fratello ha parimenti una proprietà di 1/6, mentre mia madre è proprietaria della restante parte dell'appartamento.
    Ai fini fiscali, tasse varie come la TASI, paga tutto mia madre.
    Mi dicono tutti che questo 1/6 di proprietà risulta già come seconda casa, nel senso che se io acquisto la mia prima casa posso usufruire di tutte le agevolazioni previste in caso di acquisto prima casa, in particolare per il mutuo.
    Ma dov'è che trovo certificato questo stato di proprietà come "seconda casa" ? A chi devo chiedere ? E' un dato inserito nelle visure catastali ? C'è un qualche indicatore, dato o altro che lo prova ?
    Altra domanda : acquistando la prima casa, dovrò poi pagare le tasse per quel sesto di proprietà come seconda casa ?

    Grazie a tutti quelli che vorranno rispondere :)
     
  2. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    non vi è nessuna certificazione che quella è la tua seconda casa ma praticamente quella dove vivete è la casa dove tua madre ha il diritto di abitazione oltre alla maggiore quota di proprietà, quindi è coretto che lei paghi tutte le imposte relative, tu andrai ad acquistare la tua prima casa dove porterai la residenza come previsto dalle norme
     
  3. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il tuo 1/6 di casa, come quello di tuo fratello ed il restante 1/3 di tua madre, sono tutte quote di "prima" casa se non disponete di altre proprietà. In pratica, avreste dovuto pagare le tasse tipo tari, tasi e via dicendo, in base alle vostre quote. La tua quota diventerà come "seconda" casa quando acquisterai una casa solo per te e dichiarerai al notaio che vi prenderai la residenza entro i canonici 18 mesi dal rogito.
     
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Luigi, probabilmente hai omesso di considerare che la madre era già proprietaria dei 3/6 che sommati a 1/3x1/2, pervenutole per successione, diventa 4/6. Mentre giustamente ai figli vanno 1/6 ciascuno. Scusa, sono intervenuto per evitare che un profano possa cadere in errore.
     
  5. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Certo Gianco, Grazie della precisazione, ma è stato un semplice errore "aritmetico" . Infatti, intendevo scrivere 2/3 come proprietà residua della mamma ed invece.....mi è scappato un 1 anziché un 2
     
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. Le imposte (IRPEF e relative addizionali, IMU se l'abitazione fosse di categoria catastale A/1, A/8 o A/9) e la TASI sono dovute interamente dalla madre, titolare del diritto di abitazione ex art. 540, comma 2 c.c.
     
    A Gianco piace questo elemento.
  7. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    giuridicamente ineccepibile. Moralmente discutibile, visto che dentro l'abitazione ci stanno anche i figli.
     
  8. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    considerato che vivono tutti assieme, madre e figli, in una casa dove la madre ha il diritto maggiore, i patti relativi alle spese comuni penso li possano definire tra loro :occhi_al_cielo:
    una volta che le norme non entrano nello specifico e lasciano al buon senso le questioni pratiche .....
     
  9. marinoernesto

    marinoernesto Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buona sera: posso dire la mia?
    I problemi sono due: il primo, relativo alle tasse sull'uso (TASI, TARI, IMU ecc). In questo caso, a mio avviso, è tutto di pertinenza della mamma, quale, da un lato (x TASI e IMU), titolare di diritto reale a seguito dell'art. del codice civile (il cui numero numero non ricordo), in quanto "coniuge superstite abitante nella casa familiare", dall'altro in qualità di capo famiglia (x la sola TARI).
    Il secondo problema è l'acquisto della casa con le "agevolazioni per la prima casa": in questo caso, ritengo che sia discutibile. Il caso è espressamente previsto e spiegato (ma non completamente) sulla guida dellAdE: "L'agenzia Informa-Fisco e casa: Acquisto e vendita", aggiornata all'agosto 2014. All'inizio della pag. 9 di tale guida sta scritto: "di non essere titolare, neppure per quote....OMISSIS.. di diritti .... OMISSIS di nuda proprietà... OMISSIS..usufruendo delle agevolazioni per l'acquisto della prima casa".
    Ora non sò (perchè ignoro i regolamenti) se il passaggio di proprietà tra il papà deceduto e i figli sia avvenuto con le agevolazioni x la prima casa (questo solo x i figli, visto che per la moglie lo era di fatto). Questo aspetto è prettamente materia del notaio, al quale LukeSe si potrà rivolgere ed avere le precisazioni del caso.
    Sarà interessante, anche a futura memoria per altri casi, che LukeSe, sentito il RESPONSO del notaio lo comunichi nel forum.
    Grazie di avermi letto
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  10. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se la successione è avvenuta da oltre 5 anni, il nostro LukeSe può acquistare una nuova proprietà ed adibirla a prima casa.
     
  11. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La figura del capofamiglia non esiste più nel nostro ordinamento da quasi quarant'anni (dal 20 settembre 1975).
    L'art. 69, comma 3 della legge n. 342/2000 prevede che:
    Le imposte ipotecaria e catastale sono applicate nella misura fissa per i trasferimenti della proprietà di case di abitazione non di lusso e per la costituzione o il trasferimento di diritti immobiliari relativi alle stesse, derivanti da successioni o donazioni, quando, in capo al beneficiario ovvero, in caso di pluralità di beneficiari, in capo ad almeno uno di essi, sussistano i requisiti e le condizioni previste in materia di acquisto della prima abitazione dall'articolo 1, comma 1, quinto periodo, della tariffa, parte prima, allegata al testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131."
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il fatto che la successione sia avvenuta da oltre cinque anni è irrilevante.
    L'applicazione in misura fissa dell'imposta ipotecaria e catastale per i trasferimenti derivanti da successione o donazione (ex art. 69, comma 3 della legge n. 342/2000) non preclude la possibilità in sede di successivo acquisto a titolo oneroso di altra casa di abitazione non di lusso, di fruire dei benefici previsti dall'art. 1, comma 1, quinto periodo, della tariffa parte prima, allegata al testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro (D.P.R. n. 131/1986), per la diversità dei presupposti che legittimano l'acquisto del bene in regime agevolato.
    In caso di ulteriore acquisizione per successione o donazione, i soggetti che hanno già fruito dell'agevolazione in argomento non possono goderne nuovamente, salvo che il trasferimento abbia ad oggetto quote dello stesso bene.
     
  13. magia2002

    magia2002 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    concordo con Nemesis, uno puo' essere proprietario di 10 case , ricevute in donazione oppure in eredita' e percui non aver mai acquistato direttamente la sua prima casa con le agevolazioni del caso . Il giorno che decide di acquistare la sua undicesima casa , puo acquistarla come prima casa e usufruire di tutte le agevolazioni fiscali della compravendita con l' obbligo pero' che entro 18 mesi vi si trasferisce la sua residenza e diventi la sua abitazione principale .Percui la sua undicesima casa diventra' la sua prima casa (dalla data di richiesta della residenza ) e tutte le altre 10 case ricevute in eredita' e donazione diventeranno seconda casa per IMU tasi ecc.saluti Giuseppe
     
  14. LukeSE

    LukeSE Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ringrazio tutti quanti per gli interventi, mi pare però di capire che l'argomento sia abbastanza controverso.
    Posso precisare io che abbiamo sempre pagato le tasse come IMU e TASI eseguendo il versamento a nome di mia madre (fatte salve poi le divisioni riguardo alle quote pro-capite, divisioni che come capirete possiamo fare tra di noi senza render conto a terzi). Di legge, questo ce lo hanno assicurato più volte in sede sia di successione che di effettivi consulti in comune per i versamenti delle tasse sulla casa, chi deve effettuare i versamenti è mia madre che dimora nella casa "coniugale" avuta in successione dal marito deceduto, questo a prescindere dalle quote di 1/6 che sono finite ai due figli.

    Ovviamente il calcolo va fatto non sui 4/6 in possesso a mia madre ma su tutto il valore catastale dell'immobile. Per questo sia io che mio fratello non versiamo nulla nominalmente in prima persona.

    Il mio problema è appunto se questa situazione cambi o meno nel momento in cui acquisto la "mia" casa.

    Soppesando i vari pareri, dovrebbe essere che nel momento in cui sposto la residenza alla mia nuova casa, questa diventa la mia prima casa per cui godo di tutte le agevolazioni previste, specie per il mutuo.
    Quanto alla quota di 1/6 sulla casa dei miei, resta da capire se con il mio passaggio nella nuova casa io debba cominciare a pagare per quel "sesto" di casa o se, pagando comunque tutto la mamma (infatti come dicevo il calcolo si fa a partire dall'intera rendita catastale) a livello di tasse io non debba nominalmente fare alcun altro versamento.

    Aggiungo che vi farò sapere, una volta sentito il notaio :)
     
  15. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Tua madre, titolare del diritto di abitazione, è il solo soggetto passivo d'imposta (è come se ne fosse l'unica proprietaria). Ciò non è influenzato dal fatto che acquisterai una tua "prima casa".
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina