1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. UmbaDumba

    UmbaDumba Nuovo Iscritto

    I Signori X,Ye Z sono i TRE proprietari di una proprieta' INDIVISA, terreno + immobile.
    Il Signor Z non paga mai i propri creditori e pertanto sulla sua parte sono iscritte 9, dico 9, ipoteche.
    Uno dei creditori che ha acceso ipoteca si sta adoperando per far mettere all'asta la proprieta' per poter rientrare del suo credito.
    Le domande sono:
    Il giudice cosa fara? mettera' all' asta solo un Terzo della proprieta' indivisa o mettera' all'asta tutta la proprieta' per poi sequestrare un terzo del ricavato, la parte del Signor Z, e dare gli altri 2 terzi ai signori X ed Y oppure DEVE mettere all'asta solo il Terzo del Signor Z ?
    Se mette all'asta solo il terzo del Signor Z, chi lo compra, si dovra' accollare le 8 ipoteche rimanenti oppure il giudice distribuira' il ricavato del terzo del Signor Z tra i vari debitori e chi acquista sara' libero da ogni ipoteca?
    Se invece il giudice decidera' di mettere all'asta tutta la propieta' ( a me sembra una cosa inaudita ma in Italia tutto e' possibile ), chi la acquista, si accolla anche ile rimanenti ipoteche del Signor Z?
    Il quesito non e' troppo semplice, sono gradite risposte " Tecniche " e non per " sentito dire ".
    Grazie per l'attenzione.
     
  2. britallico2

    britallico2 Ospite


    Io di tecnico non ho molto, eccetto che controllo sempre i listings di aste di esecuzioni immobiliari e da quello che vedo e leggo, il giudice mette all' asta la proprieta' (o parte di essa) della persona che e' in default/protestata, penso che bisogna vedere che c'e' scritto nell'ipoteca impugnata dal debitore ma se sono tre intestatari il bene esecutato sara' 1/3 di tutta la proprieta' e se quel terzo ha 9 ipoteche allora quello che compera si trovera' 9 ipoteche da estinguere e quindi questo bene (dico io) non andra' mai e poi mai venduto, e' una di quelle aste dove il prezzo base e' bassissimo ma poi spulciando l'avviso d'asta si scopre delle ipoteche ecc, il CTU incaricato di fare la perizia avra' da divertirsi.

    e questi sono i miei 2 euro cents
     
  3. UmbaDumba

    UmbaDumba Nuovo Iscritto

  4. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    si mette all'asta la parte del debitore, quindi la frazione di sua competenza. Il senso delle aste immobiliari è che l'immobile viene dato "pulito" cioè chi vince si vede cancellate le precedenti ipoteche. Quindi se vanno all'asta voi partecipate e rilevate la sua quota, pagando il 15% in meno del valore di perizia. Se ci volete speculare su aspettate anche la seconda asta, ma io non azzarderei...
     
    A UmbaDumba piace questo elemento.
  5. UmbaDumba

    UmbaDumba Nuovo Iscritto

    Grazie, trovo le due risposte ricevute non concordanti: la prima risposta dice che chi acquista il terzo indiviso si porta a casa anche le rimanenti ipoteche che erano accese su quel terzo, mentre la seconda risposta, mi sembra di capire, che si acquisterebbe nell'asta il terzo indiviso, ripulito e libero da qualsivoglia ONERE.
    Chi dice il giusto?
     
  6. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    beh, io sono convinto di averti detto una cosa corretta in quanto tratto con immobili all'asta, che appunto vengono "puliti" e dati senza ipoteche al compratore. Semmai il problema riguarda la regolarità edilizia, visto che le aste possono derogare alle leggi e vendere cose che non sarebbero vendibili (per la gioia dell'acquirente che non lo sapeva).
    cerchiamo conferma in qualche altro utente, che ti posso dire...
     
    A UmbaDumba piace questo elemento.
  7. UmbaDumba

    UmbaDumba Nuovo Iscritto

    Grazie Teo, io credo che dovrebbe essere come scrivi te ma siccome non sono un esperto, vediamo se qualcuno conferma una delle due risposte.
     
  8. FrancescoRoma

    FrancescoRoma Nuovo Iscritto

    l'ipoteca ricade solo sul terzo di proprietà del Sig. Z le varie ipoteche di grado diverso saranno soddisfatte al momento dell'aggiudicazione dell'asta rispettando le priorità ipotecarie 1°-2° 3° grado etc.
    Solo il bene ipotecato è perseguibile e se non ci sarà "capienza" per soddisfare tutti i creditori è un problema loro per un incauto credito concesso, semprechè non possano rivalersi su altre proprietà del Sig. Z.
    Visto che un terzo di proprietà è difficilmente appetibile, conviene a voi X e Y Trovare un concordato attraverso un legale e intestarvi il terzo dopo aver avuto l'assenso alla cancellazione delle ipoteche.
     
    A UmbaDumba piace questo elemento.
  9. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    vorrei aggiungere una cosa che non è scontata: prima di aspettare che l'immobile sia messo all'asta cercate di parlare col curatore, in modo da far un'offerta e cercare di evitare di sprecare tempo.
    Dipende poi da chi sono i creditori: nel caso di banche o istituti commerciali potete anche trattare un po' sul prezzo (gli dici "hai un credito di 100, se aspetti tutta la procedura magari incassi solo 80 e fra due anni, oggi te ne offro 70") se invece c'è anche lo stato di mezzo non si tratta niente.
    Comunque vedi un po' di capire a che punto siete e vedi!
     
    A UmbaDumba piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina