1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. mbyte

    mbyte Nuovo Iscritto

    Buonasera,
    supponiamo di avere 4 eredi: uno proprietario del 66% della proprietà e gli altri tre di un 11% ciascuno.

    Supponiamo che al catasto risulti un terreno edificabile, poichè i lavori di costruzione non sono mai stati ultimati, e l'immobile (diciamo una villa con due appartamenti) non fossero stati accatastati.

    Supponiamo che il suddetto immobile versi in stato di totale abbandono da diversi decenni...

    Nella situazione descritta, i 3 eredi (33% complessivi) non hanno potere decisionale, nè sull'accatastamento, nè sulla vendita della proprietà indivisa. L'erede maggioritario non intende fare nulla, nè vendere, nè suddividere la proprietà, nè aquistare le quote degli altri tre.

    Come potrebbero fare i 3 eredi ad evitare che il protrarsi di questa situazione, intacchi il valore della propria quota, o nel peggiore dei casi, crei un debito tale, da andare a colpire la propria abitazione di proprietà?

    Grazie a chiunque risponderà
    mbyte
     
  2. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    la comunione può essere sempre sciolta su richiesta di uno solo indipendentemente dalla quota di questi. chi non è d'accordo o si decide ad acquistare la quota posta sul mercato o subisce la divisione giudiziale con vendita all'asta.
     
    A acquirente piace questo elemento.
  3. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    ottima la risposta di arianna ma io consiglio questa prassi.
    prendere un avvocato che mandi una lettera ad ognuno degli eredi e specificare che tu vuoi vendere la tua quota a loro o a terzi.
    dagli un tempo max (ci pensera' l'avvocato) per la risposta specificando che se non si addiverra' ad un accordo sarai costretto ad intentare una causa per lo scioglimento della comunione indivisa e per la vendita all'asta.
    meglio prendere meno che non prendere niente.
    di solito in questi casi l'erede maggioritario ha interesse a comprare dagli altri le quote minori altrimenti tutti avrebbero il diritto di abitare in quelle case senza ledere la proprieta' degli altri essendo comproprietari.
    ciao
     
    A arianna26 piace questo elemento.
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    per quanto riguarda la divisione le risposte si equivalgono, il dubbio che l'edificabiltà risulti a catasto e non nei piani regolatore del comune ciao adimecasa:daccordo:;)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina