1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. luca117

    luca117 Nuovo Iscritto

    Salve a tutti,
    sono nuovo e mi scuso se magari non è la sezione giusta, ma ho cercato e questa mi sembrava la più appropriata.
    Vi spiego brevemente:
    io e la mia ex fidanzata (ex convivente) siamo proprietari al 50% di un immobile, e relativo mutuo che tutt'ora paghiamo ogni mese in parti uguali.
    Circa due anni fa ci siamo lasciati e la casa è rimasta vuota(siamo andati via tutti e due).
    L'altro giorno mi ha chiesto se poteva andarci a stare lei (sino a che non si vende, la rimetteremo in vendita a Settembre), le ho risposto di si...al che ci siamo accordati verbalmente per togliermi una parte di soldi dalla mia rata mensile del mutuo.
    Le ho fatto intestare le bollette.
    mi ha chiesto se suo padre poteva rifare il bagno senza chiedermi nulla di soldi, le ho risposto di si.
    La casa non è più ammobiliata, quindi dovrebbe arredarsela.
    Praticamente andrà a vivere lì con l'attuale compagno, e mi ha riferito che lui non prenderà la residenza (ci mancherebbe) ma il domicilio.
    Lei mi ha assicurato che è tutta sua intenzione vendere e che la mobilia le servirà comunque in futuro.
    Potrebbero insorgere problemi se lui non volesse più andare via e volessero rimanere tutti e due lì? Non vorrei che mi stessero giocando un brutto scherzo.
    Ringrazio tutti anticipatamente
    Luca

    P.S. io ho tutt'ora la residenza.
     
  2. Scusa, in pratica ti sta pagando un affitto?
     
  3. luca117

    luca117 Nuovo Iscritto

    Ciao,
    tra poco ci andrà ad abitare e ci siamo accordati per far in modo che io paghi 100 euro in meno dalla rata mensile del mutuo (èpoco lo so, ma siamo in buoni rapporti, per ora, e non navighiamo tutti e due nell'oro)
     
  4. Non vorrei che uscisse fuori una specie di locazione in nero!
     
  5. luca117

    luca117 Nuovo Iscritto

    Scusa Margherita, quindi cosa faccio?
    Meglio lasciar stare per 100 euro?
    Oppure facciamo un contratto regolare?
    Se il nuovo compagno non volesse più andare via da casa mia ci sarebbero problemi se prendesse il domicilio? Nel senso, sarebbe tutelato prendendo il domicilio e non potrei mandarlo via?
     
  6. Il problema nelle locazioni in nero, ma non dico sia il tuo caso, sono i commi 8 e 9 della legge sulla cedolare secca per cui il conduttore in presenza di un contratto non registrato può denunciare il locatore e avere diritto a un contratto 4+4 a canone ridicolo! Ripeto, non dico sia il tuo caso, però io forse rinuncerei ai 100 euro!Fare un contratto regolare REGISTRATO ti impegnerebbe per parecchio tempo, se vuoi venderlo a settembre .......Comunque sentiamo anche altri pareri!
     
  7. luca117

    luca117 Nuovo Iscritto

    Margherita grazie credo che rinuncerò a sti 100euro alla fine, percaso sai mica se il nuovo compagno sarebbe tutelato prendendo il domicilio?
    Se prendesse il domicilio potrebbe rimanere lì quanto vuole?
     
  8. Credo che non abbia nessun titolo per rimanere! Certo che se poi non se ne vanno, bisognerà chiedere l'aiuto di un legale! Anche per mandare via gli abusivi servono gli avvocati!:???:
     
  9. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Perchè rifare il bagno a sue spese se a settembre lo mettete in vendita? E se trovate subito l'acquirente lei fa una spesa non indifferente (anche di soli materiali) per pochi mesi?
    Scusami, io non vi conosco e quindi il giudizio è sui generis, però a me questa storia non convince.
    Se la tua ex, dandoti 100 euro, denunciasse la cosa come contratto in nero alla Agenzia delle Entrate, potrebbe ottenere, anche contro la tua volontà, la registrazione di un contratto a un canone ridicolo per 4 anni + 4.
     
    A piace questo elemento.
  10. Si, concordo con Meri 56!
     
  11. giolucianipinsi

    giolucianipinsi Membro Ordinario

    Nessuno può garantirti da rischi, nemmeno il nuovo compagno della tua compagna, che magari oggi è in buona fede, ma tra qualche mese potrebbe trovarsi problemi sopravvenuti che gli impediscono di togliersi dai piedi.
    La soluzione migliore è negare l'utilizzo alla tua compagna, con o senza altri, e mettere subito in vendita l'immobile.
    Diversamente, sia con contratti regolari, sia con contratti poco o per nulla regolari, i tuoi rischi aumentano.
    Per dirla in maniera glaciale, ma efficace "tutto quale che scrivi potrà essere usato contro di te".
    Rinuncia subito allo sconto di 100 € (per due mesi, da qui a settembre, o no?).
    Vai subito da un'agenzia immobiliare, firma il mandato a vendere, dai il recapito telefonico della tua compagna per farla andare a co-firmare anche lei il mandato a vendere.
     
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Locazione in nero a un soggetto comproprietario?
     
  13. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se la dimora abituale del compagno sarà effettivamente in quell'abitazione, il compagno ha diritto (oltre ad avere l'obbligo) di dichiarare la residenza in quell'abitazione e di ottenere l'iscrizione anagrafica corrispondente.
     
  14. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il fatto di avere la residenza in una determinata abitazione non fa sorgere nessun diritto su quella abitazione.
    La residenza è una mera situazione di fatto. Il fatto di dimorare abitualmente in una data abitazione. A cui consegue l'obbligo di dichiarare all'ufficiale di anagrafe tale situazione di fatto, per essere iscritti nell'anagrafe di quel comune. La residenza prescinde totalmente dal titolo con il quale si occupa una determinata abitazione. Anche un occupante abusivo, se effettivamente dimora abitualmente in una data abitazione, deve avere la corrispondente iscrizione anagrafica.
    Il domicilio, per la sua stessa natura, non può avere nessuna propria registrazione amministrativa.
     
  15. luca117

    luca117 Nuovo Iscritto

    Capito, grazie a tutti....ora ho le idee più chiare
     
  16. Perchè no? Ti affitto la mia metà della casa, ma il contratto deve essere regolare e REGISTRATO!
     
  17. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi dispiace ma a me puzza. io non arrederei MAI una casa a luglio per metterla in vendita a settembre. figurarsi poi rifare il bagno. inoltre se l'acquirente vede la casa vuota ha un ulteriore stimolo all'acquisto. io lascerei le cose come stanno e mi sbrigherei a vendere.
     
    A piace questo elemento.
  18. luca117

    luca117 Nuovo Iscritto

    ci va poichè vivendo coi suoi e non andando d'accordo ha optato per questa soluzione, la mobilia le servirebbe poi per un altro appartamente, a sto punto non mi avrebbe detto nulla ne che ci andava ne del bagno, poi comunque avete ragione voi mai fidarsi
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina