1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Buongiorno a tutti, sono in affitto in un appartamento da sei mesi con contratto 4+4 con cedolare secca registrato all'ADE per un canone di 350€ quando il proprietario in realtà ne percepisce 500. La casa sembrava comoda ma poi sono successi vari problemi. Dopo 2 mesi mi si rompe in mano la maniglia di un rubinetto dichiarato nuovo negli allegati al contratto ma quando lo cambio scopro che è completamente marcio. Poi scoppia il vetro di un forno nuovo. Poi arrivato l'inverno scopro che 2 termosifoni scaldano male, il proprietario dice che lo sapeva e che non è risolvibile perché dovuto alla lontananza del radiatore rispetto alla caldaia, stessa cosa dice il suo idraulico di fiducia venuto a controllare. Oggi scopro delle macchie di muffa in sala e camera da letto, premettendo che arieggio la casa minimo 1 ora al giorno anche quando piove. In più il proprietario pretende il pagamento in contanti dicendo di non avere un conto corrente (bugia) e di non essere costretto ad aprirlo per noi. Ma noi siamo costretti a pagarlo in contanti. Voi cosa fareste? Grazie.
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Paghi in contanti e solo per i 350 euro indicati in contratto.
     
    A casanostra e alberto bianchi piace questo messaggio.
  3. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    :pollice_verso:
    Certe volte la gente si perde nelle cose più banali.

    Ps.
    Fatti rilasciare ricevuta firmata se paghi in contanti.
    Non serve avere un c/c per incassare un assegno.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  4. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Grazie per la risposta :)

    Saranno banali ma sono anche logoranti, questo signore ha sempre fatto problemi per tutto ed è un bugiardo incallito e noi intanto ci ritroviamo con riscaldamento mal funzionante e inizio muffa con un bimbo piccolo in casa. Comunque grazie per la risposta.

    hai tu il coltello dalla parte del manico , pretenderei che tutto funzioni alla perfezione , e se i termosifoni sono troppo distanti dalla caldaia , esigo una stufa a pellet , in alternativa in quelle stanze . ti faccio vedere poi i termosifoni come con il suo idraulico di fiducia cominciano a funzionare perfettamente . perchè ho una caldaia economica che dista circa 25 metri dal termo e funzionano benissimo .
    prima di pagare 350 pretendi che tutto funzioni alla perfezione . poi decidi tu . io pagherei sempre 500(ma lui la ricevuta non te la farà mai ) perchè non avresti dovuto accettarlo sin dall'inizio .
    e poi hai ragione , i problemi a volte sono un insieme di cose "banali" e con un bimbo piccolo sono davvero poco banali.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 9 Dicembre 2015
    A rita dedè e quiproquo piace questo messaggio.
  5. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @newble2015. Questa è la mia proposta. Genova come tante altre città prevede il contratto concordato.
    Corri dal SUNIA ti associ e gli fai scrivere la seguente raccomandata:
    Egregio Sig. ..............in relazione alle inadempienze contrattuali descritte a margine le proponiamo nel suo stesso interesse la trasformazione del contratto
    in essere in quello cosiddetto "Concordato e assistito (rif...normativi..)"Il canone così determinato e contrattualizzato nei nostri uffici sarà onorato dalla nostra assitita solo con bonifici bancari come previsto dalla legge ( rif. ). E comunque non lo sarà più anche perdurando il contratto attuale 4+4. La invitiamo
    a venire nei nostri uffici per meglio illustrare la convenienza per entrambi."
    Seguono i saluti di rito e il "rosario" delle inadempienze da te lamentate.
    Ti parlo nella mia doppia veste di inquilino da oltre 60 anni e di piccolo
    proprietario. Coraggio, il Sunia ti proteggerà adeguatamente. Quiproquo.
    P.S. Una raccomandata del SUNIA produce un effetto pari se non superiore a quella di un avvocato ed è direttamente proporzionale al grado di disonestà
    del ricevente. Il quale in un primo momeno farà i diavoli a quattro, poi dovrà adeguarsi o rassegnarsi alla "correttezza e onestà". qpq
     
  6. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Tutto parte se cominci ad accettare compromessi...e se fin dall'inizio accetti pagare una cifra e dichiararne un'altra dai alibi al proprietario.
    Su questo non getterei mai la croce completamente addosso al proprietario perchè è indubbio che se scendi a simile compromesso qualche vantaggio lo hai ottenuto pure tu (canone complessivo inferiore rispetto al mercato).
     
    Ultima modifica: 9 Dicembre 2015
  7. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Grazie per la risposta, comunque lui per i 500 fa una pseudo ricevuta su un foglio, volendo lo posso denunciare alla finanza?

    Grazie per la risposta, comincerò intanto a pagare solo i 350€ dovuti e vediamo come si comporta.

    Ti spiego la situazione, questa è la seconda casa che prendiamo in affitto. Con il primo proprietario non ci sono mai stati problemi e siamo rimasti in buoni rapporti. Quando abbiamo visto questa casa abbiamo chiesto al proprietario che tipo di contratto intendesse adottare, lui ha tentennato dicendo che doveva chiedere consigli ad un'amica che lavora da un notaio e che comunque entro una settimana del nostro trasloco ci avrebbe fatto avere il tutto. Dopo una settimana viene a casa nostra e dice che non vuole più affittare e che dobbiamo sgomberare, stavamo chiamando i carabinieri, solo dopo quello lui ha tirato fuori il contratto dicendo che però avrebbe dichiarato solo 350€ perché non voleva pagare troppe tasse e che lo stato è ladro. Quindi come vedi noi non abbiamo avuto nessuno sconto di canone e in questa storia ci guadagna solo lui, siamo scesi a compromessi per evitare una situazione ancora più sgradevole, anche perché il bimbo piangeva per tutto il nervosi che c'era e perché il "signore" alza sempre la voce. Questa esperienza ci servirà sicuramente come lezione.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 9 Dicembre 2015
  8. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Non per dar lezioni a nessuno ma se ho capito bene avreste fatto un trasloco senza essere in possesso di un contratto
    Fosse così, la prossima volta, vi consiglio di non fare più lo stesso errore.
    Saluti ed in bocca al lupo.
     
  9. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Comprendo, togli pure le ipotesi predette...ma come hai visto ti è bastato minacciare perchè diventasse più mansueto.

    La Legge e la giurisprudenza è prevalentemente dalla parte dell'inquilino e quindi non devi farti tante remore.
    Se sul documento è riportata la sua firma puoi certamente fare denuncia e creargli non pochi problemi...anche se non con tutti i vantaggi di poco tempo fà (contratto a canone ridotto).
    Occhio che comunque prolungare un pagamento sottobanco ti rende complice.
     
  10. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Si, anche perché sapevamo che il proprietario ha tempo 30 giorni per registrare il contratto di affitto.
     
  11. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Lo so, è che non ho mai provocato problemi con la legge à nessuno prima e queste cose hanno anche delle conseguenze, dicesi karma.
    Comunque oggi il proprietario è venuto a "lecchinarsi" accompagnando il tecnico che ha aggiustato il forno è dicendo che voleva essere presente insieme all'idraulico per risolvere al più presto il problema del riscaldamento e che avremmo parlato degli altri problemi in seguito. Per la muffa dice invece che dovremmo lasciare il riscaldamento acceso giorno e notte. Che fine ha fatto il limite di accensione del riscaldamento a 14 ore al giorno et la temperatura da mantenere à 20 gradi? Non abbiamo neanche un termostato collegato alla caldaia.
     
    A Savepac piace questo elemento.
  12. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    La "muffa" è un problema complesso perchè imputabile a vari fattori...e lasciare il riscaldamento acceso difficilmente risolve la questione ...anzi in certi casi l'aggrava.
     
  13. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Infatti il proprietario voleva probabilmente soltanto mettermi a tacere visto che gli ho detto che avevo fotografato il tutto prima di pulirlo e che lui afferma che la casa non è mai stata umida come se io avessi portato l'umidità nei bagagli.
     
  14. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ovviamente non in valigia...ma spesso per cattive associate a certe "caratteristiche" delle abitazioni.
    Visti i "precedenti" del tuo locatore, verifica di avere in cucina una cappa con adeguata aspirazione (no depurante), e filtro pulito.
    Evitare di far asciugare i panni in casa, di fare doccie stile sauna e di far arieggiare il bagno prima di lasciare la porta aperta.
    Evitare troppe piante. Usare un deumidificatore...ma sopratutto verificare funzionamento grondaie e assenza infiltrazioni (tetto, muri esterni, tubi adduzione ee scarico ).
     
  15. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    La cappa in cucina è nuova e anche il filtro però mi sembra che aspiri poco, non faccio quasi mai asciugare i panni in casa, ci sono due bagni di cui uno senza finestra ma con un aspiratore, nessuna pianta in casa causa pollice nero :). Potrebbe essere un problema di infiltrazioni nei muri esterni perché per ora la muffa è apparsa solo li. Ho pensato al deumidificatore anche se costoso comprarlo e gran consumatore di energia elettrica, oltre ad essere rumoroso ma se il problema persiste probabilmente lo dovrò comprare. Grazie per le risposte.
     
    A Savepac piace questo elemento.
  16. fiorio

    fiorio Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Un conto è registrare un conto è stipulare.
    Comunque inutile chiudere la stalla quando i buoi sono scappati, ormai è così. Del resto il locatore sembra ammorbidito. Ma, come detto da altri, meglio non pagare in nero.
     
  17. Savepac

    Savepac Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ma se si devono avere tutte quelle accortezze elencate da Dimaraz, non ritieni opportuno lasciare quella abitazione e trovarne una migliore? Al costo di €. 500 penso ci siano e diverse. Basta chiedere a qualche Agenzia Immobilare e senz'altro troverai la soluzione. Se resti dove ora sei, o paghi cio' che e' riportato in contratto o, diversamente, incorrerai in pesanti sanzioni insieme al locatore. Il contratto lo puoi rescindere per i gravi difetti che l'immobile presenta ed il proprietario non ti potra' chiedere nessun pagamento. Mi auguro che non ti accada nulla fiscalmente, per il fatto di aver reso pubblico il " reato " del pagamento in nero di una parte dell' affitto.Auguri

    pg

    Si, mai pagare in nero.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 9 Dicembre 2015
  18. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Non avrei mai voluto una situazione del genere anche perché non ci guadagno nulla, anzi.

    Mi sono informata un po' in giro e non mi sembra che le mie motivazioni rientrino nel grave motivo, in più non riusciamo a sostenere economicamente un altro trasloco dopo soli sei mesi, abbiamo speso tanto per questa casa. E pensare che abbiamo lasciato l'altra casa per il motivo muffa.
    In quali sanzioni fiscali potrei incorrere?
     
    Ultima modifica di un moderatore: 9 Dicembre 2015
  19. Savepac

    Savepac Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Non la voglio spaventare ma, oltre alle sanzioni fiscali per falsa registrazione di contratto con importo inferiore a quello in realta' corrisposto, si andrebbe incontro a qualche problema penale in quanto si configura una truffa da parte del locatore ed una condiscendenza alla perpetrazione di tale reato, da parte del conduttore.Percio', se si lascia l'immobile anche senza dire nulla al proprietario, questi dovra' restarsene buono buono per non passare i guai.
     
  20. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tu ormai ti sei bruciata. Ascolta un vecchiaccio. Fai scrivere una lettera dal Sunia anche solo per riformulare il contratto motivando in primis che non ti senti
    di "navigare" nell'illecito. E non ascoltare il consiglio di pagare solo 350 euro.
    Anzi, tu dovrai rassicurare il co-navigatore che intendi onorare l'accordo...per cui
    o si esce dal grigio attuale e il 4+4 diventa "bianco"...oppure il concordato assistito
    anche se scende di 120 euro resta ancora vantaggioso per il locatore...E' successo
    a me dove a 500 euro più le spese sono sceso a 380. Vai comunque a chiedere consulenza al Sunia...al quale confermerai che non intendi litigare con il proprietario preferendo un equo compromesso. Non possiamo vivere sempre
    con il codice attaccato al deretano. e staccati da chi ti vuol fare litigare.
    Solo dopo aver "imbiancato" il contratto potrai agire anche legalmente nel caso
    perdurassero gli illeciti. Facci sapere. quiproquo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina