1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. lilium

    lilium Nuovo Iscritto

    Salve, sono proprietaria di una casa a schiera, complessivamente siamo in 13. Ci accomuna la strada interna, cancello, citofoni e illuminazione. Non abbiamo costituito condominio, e neanche millesimi condominiali:confuso:. Ci siamo tassata di una cifra uguale per tutti per le spese di illuminazione e manutenzione cancello. Un proprietario non paga da due anni, contestando varie cose. Come obbligarlo a pagare? Possiamo far intervenire un avvocato, oppure siamo obbligati a costituire condominio oppure la comunione dei beni? Grazie anticipatamente Liliana
     
  2. cautandero

    cautandero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Quando vi sono 2 proprietari di un bene immobile vi è già condominio. Chi tra di voi condomini è di buona volontà per avvertire, regolarmente, cioè con un riscontro che sono stati avvertiti tutti i condomini, può indire un'assemblea nella quale potete provvedere, tra l'altro, a nominare un amministratore. Se questo è capace sarà in grado di mettere le cose a posto. Per la morosità pregressa dovete rivolgervi ad un legale.
     
    A lilium piace questo elemento.
  3. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    secondo me, dati i presupposti, vi conviene riunirvi e nominare subito un amministratore che segua la faccenda. l'unico tentativo che secondo me potete fare prima è informare il moroso che se, non paga adesso, dopo pagherà anche il compenso dell'amministratore.
     
    A lilium piace questo elemento.
  4. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Questo è un caso di comunione di proprietà e servizi indivisi, ne consegue che nella presunzione che la suddivisione delle spese per il consumo e il mantenimento sia stata stabilita in parti uguali, e non su base millesimale, e nella presumenzione che sussista un regolamento scritto e sottoscritto, ben potete redigere un verbale, previo invio di una lettera di convocazione assembleare a tutti i comproprietari, con all'ordine del giorno il problema in oggetto, e lì in quella sede nominare a maggioranza un vostro rappresentante temporaneo, il quale in caso di inerzia del comproprietario moroso, sarà delegato a inviare a nome di tutti voi una lettera di diffida ad adempiere, avvertendolo che ove non adempia nel termine di 10 gg. gli altri comproprietari saranno costretti ad agire nei suoi confronti in via giudiziaria.
    Dopodichè, trascorso inutilmente detto termine, necessiterà rivolgersi ad un legale, il quale a sua volta lo diffiderà, per poi in caso di insuccesso agire a mezzo atto di citazione davanti al G. d. P., a seconda del valore del credito, per poi seguire l'iter eventualmente successivo.
     
    A lilium piace questo elemento.
  5. lilium

    lilium Nuovo Iscritto

    Grazie del Vs. interessamento. Quello che soprattutto ci preme è sapere se cmq siamo costretti a formalizzare il condominio con tutti gli adempimenti, quali C.F. apertura c/c, fare il 770 ecc. Avendo in comune solo la strada, citofono, cancello ed illuminazione ci sembrano spese inutili:confuso:. Di nuovo grazie
     
  6. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Non dovete formalizzare un condominio, ma limitarvi a indire un'assemblea fra comproprietari ed in quella sede delegare uno di voi ad interessarsi al caso.
     
    A lilium piace questo elemento.
  7. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Senza condominio, vige la legge della giungla.
    In particolare ciò che potete portare in giudizio è una consuetudine che può essere contestata con valide ragioni, da chi abbia interesse di farlo.

    Pertanto, siccome il condominio (di fatto ma non ufficiale), non ha titoli da vantare (ossia rendiconti approvati da delibere, richieste ufficiali da parte di un amministratore), ha l' onere di provare le sue pretese con una causa legale o un tentativo di conciliazione.

    Nel vostro caso, è sufficiente un rappresentante incaricato che si preoccupi di mandare avanti la causa con l' aiuto di un avvocato, o presso un organismo di conciliazione.
     
    A lilium piace questo elemento.
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    anche se avete costituito un condominio e non avete fatture di spesa, con ritenuta d'acconto non siete obbligati a fare il 770, ciao adimecasa:daccordo:
     
    A lilium piace questo elemento.
  9. lilium

    lilium Nuovo Iscritto

    Quindi, se ho capito bene, per noi non c'è l'onere e l'obbligo di costituire il condominio.....
     
  10. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Si, è così.
     
    A lilium piace questo elemento.
  11. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Non c'è l'obbligo, ma se non paga e per quali ragioni? chi va a trattare con il condomino, per evitare diattribe di vicinato dovete fare il condominio con codice fiscale e con il contatore luce intestato al condominio con relativo c.c. sara l'amministartore a svogere qusti compiti, ciao:daccordo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina