• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

estate

Membro Attivo
Proprietario Casa
La settimana scorsa sono andato all'Agenzia delle Entrate per presentare il mod. RLI alla scadenza del quinquennio di un contratto 3+2. Si trattava della prima proroga dopo il primo quinquennio e non ho potuto farla online perché la precedente proroga di due anni l'avevo fatta inviando il modulo a mezzo posta raccomandata e non è mai stato lavorato per cui il contratto sembrava terminato al primo triennio. L'addetto ha preso in carico del rinnovo a suo tempo inviato (di cui avevo portato una copia) e ha registrato la proroga. Io sapevo che la proroga dopo il primo rinnovo di due anni deve essere di tre anni, secondo la sequenza 3+2+3+3 ecc. L'addetto ha corretto il mod RLI in quanto la proroga deve essere sempre di due anni.
Oggi ho chiamato al Callcentre e mi hanno confermato che la proroga deve essere di due anni in due anni.
Ho anche chiesto all'impiegato, che mi è sembrato molto competente, se la mancata presentazione del mod. RLI avesse effetto sulla efficacia giuridica del contratto. In altre parole mi sono chiesto, e ho chiesto a lui, se in contratto 3+2 il proprietario omette di presentare il mod. RLI per le proroghe l'efficacia civilistica del contratto rimane impregiudicata essendo quello solo un adempimento fiscale. La risposta è stata tassativa: se si omette il mod. RLI il contratto cessa e quel rapporto non sarà più regolato dal contratto.
La risposta a me non convince, il contratto rimane valido ai fino civilistici (sfratto, recupero di affitti non pagati, diritti dell'inquilino versoil proprietario ecc) fino a quando non viene risolto consensualmente o con sentenza del giudice. Un semplice adempimento fiscale non può incidere sul persistere della validità del contratto. Penso che sia così e non ho dubbi in merito, voi che ne pensate?
 

estate

Membro Attivo
Proprietario Casa
Che ti hanno detto un sacco di fregnacce.
Sulla mancata validità del contratto non prorogato ai fini fiscali mi sembra evidente che non è così. Sulla proroga di due anni secondo la sequenza 3+2+2+2 ho grossi dubbi perché in rete ho letto sentenze e commenti che prevedono una sequenza di 3+2+3+3.
A Palermo, comunque, hanno rettificato il mod.RLI riducendo la proroga a 2 anni.
Comunque il Callcentre mi ha detto due fregnacce o una sola? Grazie e ciao
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
Sulla proroga di due anni secondo la sequenza 3+2+2+2 ho grossi dubbi
Premesso che anche a me pare ti abbiano dato tutte risposte sbagliate, qualche dubbio sulla sequenza della proroga l'ho letto e sentito anch'io.

Ritengo esatto lo schema della proroga 3 + 2 + 3 + 3 + 3 ...

Ne abbiamo già discusso alcune volte su questo Forum. ad esempio qui:

dove avevo postato una sentenza del Tribunale di Torino (al post n. # 3) che conferma appunto lo schema 3 + 2 + 3 + 3 + 3 ….

Altri utenti hanno scritto che le opinioni variano a seconda degli uffici dell'Agenzia delle Entrate interpellati!
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Altri utenti hanno scritto che le opinioni variano a seconda degli uffici dell'Agenzia delle Entrate interpellati!
Avrebbero dovuto scrivere:
Le opinioni variano a seconda del grado di ignoranza degli addetti alla Ag Entrate incontratti"
Povera Italia. Per certi soggetti dovremmo promulgare in via del tutto eccezionale, "quota 50"
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Come faccio a leggere una risposta al quesito sottoposto
Alto