• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

#1
Ciao a voi tutti sono nuova del forum.
Sono una ragazza di 30 anni e sono in procinto di comperare la mia prima casa col mio fidanzato.
Abbiamo fatto una proposta di acquisto in un'agenzia immobiliare di corsico la Tecnocasa Studio Uno, la quale ci ha chiesto 4500 € di provvigione su una casa di 82mila €
Secondo voi è troppo alta?
Dal mio punto di vista si ... oltretutto abbiamo gia firmato una compromesso e da 84mila avevamo offerto 80mila ed ora FORSE accetteremo 82mila solo che questi 4500 + IVA (ovviamente) mi stanno troppo sul groppone!


Grazie mille
Nicol
 

Franci63

Membro Assiduo
#2
Per immobili al di sotto dei 100.000 è abbastanza normale (e logico) che le provvigioni siano (in percentuale) più alte del 3% normale.
oltretutto abbiamo gia firmato una compromesso e da 84mila avevamo offerto 80mila ed ora FORSE accetteremo 82mila
Non credo abbiate ancora firmato un compromesso, altrimenti non ci sarebbe incertezza sulla cifra di acquisto.
Probabilmente avete firmato solo una proposta irrevocabile di acquisto, e i venditori hanno fatto una controproposta al rialzo.
L'unica cosa che puoi fare, se vuoi accettare la controfferta, è di provare a trattare l'entità della provvigione .
Ma provare non equivale ad ottenere , e non credo riuscirai facilmente ad avere uno sconto.
 
#3
Ti ringrazio moltissimo per la pronta risposta ... In effetti ho sbagliato a scrivere compromesso :)
In ogni caso 5mila (+IVA) € mi sembrano sempre cosi tanti ...
Praticamente una casa da 82mila viene a costare più di 90mila ...
 

Franci63

Membro Assiduo
#5
fai come ha detto Franci63 accetta la controfferta solo dopo aver concordato per iscritto con il mediatore provvigione al 2/3% + IVA .............
Io non ho detto propriamente questo:ho detto che può provare a contrattare , ma difficilmente riuscirà ad avere uno sconto significativo.
Vendere una casa da 80.000 o una da 800.000 comporta lo stesso impegno,e sotto una certa cifra per l'agente è meglio fare altro.
Praticamente una casa da 82mila viene a costare più di 90mila ...
No, la casa costa sempre 82.000 ,il resto è il costo del servizio dell'agenzia, più le altre spese.
Ma le altre spese sono obbligatorie (notaio e imposte) e non puoi evitarle, mentre le provvigioni ,se non vuoi pagarle, le eviti cercando casa da privati e non tramite agenzia.
E' una scelta.
 

Dimaraz

Membro Storico
#6
Vendere una casa da 80.000 o una da 800.000 comporta lo stesso impegno,e sotto una certa cifra per l'agente è meglio fare altro.
Oddio...su questo ci sarebbe da discutere.

Sembra il ragionamento che mi faceva un amico panettiere/pasticcere decenni orsono: con le paste ho un margine di guadagno ben più soddisfacente che con il pane.
Io gli risposi che la sua valutazione in % non valutava una cosa fondamentale: il pane lo vendi ogni giorno e in quantità multipla del controvalore delle paste...ma se ti lamenti dello scarso guadagno sul pane fai solo paste.
Evidentemente rifece meglio le considerazioni visto che continuò a fare il pane fino alla pensione.

Nel "tempo" che vendi un immobile da 800mila Euro...quanti se ne vendono sotto i 100mila?

I rappresentanti di certi settori hanno provvigioni del 3% su beni con controvalore medio sotto i 5mila Euro...e macinano 100mila km./anno.

Dire che le commissioni in campo immobiliare siano spropositate (specie su "certi" servizi) non è poi tanto sbagliato...ma è altrettanto disdicevole lamentarsi dopo averle accettate.

Ps.
Ovviamente parlo mediamente...se poi sei l'agente con un "giro dei VIP" non fai testo.
 

asana

Membro Attivo
#8
Ciao, caso analogo sempre con Tecnocasa. Per un immobile di 70000 hanno chiesto all'acquirente una provvigione quasi del 6,5%, alla venditrice hanno chiesto un pò meno del 3%. Di solito ci si aspetta il 3% e quindi si ragiona su quella cifra, inoltre l'agenzia ha dato l'informazione solo dopo la firma dell'impegnativa...
 

griz

Membro Senior
#9
sarebbe meglio trattare anche con l'agenzia prima di firmare qualcosa, comunque ci sono costi di pubblicità e gestione che sono gli stessi per ogni immobile e trattare un immobile da 80.000 e da 160.000 ci sono circa le stesse difficoltà col doppio di provvigione quindi l'agenzia ci prova
 
#10
QUANDO SI FIRMA UNA PROPOSTA la si deve leggere attentamente a quali costi si devono affrontare, e nella controproposta si deve dare un placet, sia per l'immobile che si va ad acquistare, sia per la provvigione, altrimenti non è una controproposta
 
#11
Sembra il ragionamento che mi faceva un amico panettiere/pasticcere decenni orsono: con le paste ho un margine di guadagno ben più soddisfacente che con il pane.
Infatti esistono le pasticcerie, che stanno in piedi anche senza pane.E’ una scelta.
Nel "tempo" che vendi un immobile da 800mila Euro...quanti se ne vendono sotto i 100mila?
Ovviamente parlo mediamente...se poi sei l'agente con un "giro dei VIP" non fai testo.
Avendo lavorato da sola la mia scelta è stata di non trattare immobili sotto i 200.000,la cui gestione mi avrebbe portato via lo stesso tempo di immobili più “redditizi”.La mia media era intorno ai 500.000 euro,che in zona Indipendenza/città Studi a Milano voleva dire generalmente un “normale” trilocale .
Non è più difficile vendere un immobile costoso, anzi: certo da più soddisfazione economica.
E i cosiddetti “vip” ,se ti affidano la casa in vendita e si trovano bene, tendono a “raccomandarti “ a quelli del loro giro; cosa che, commercialmente parlando, male non fa.
inoltre l'agenzia ha dato l'informazione solo dopo la firma dell'impegnativa...
Questo è sicuramente sgradevole e indice di poca trasparenza .
 

Dimaraz

Membro Storico
#13
ho i miei dubbi... il mediatore prende la provvigione da entrambe le parti, provvigioni che sommate normalmente variano dal 4% al 6%.... su € 80.000,00 il 6% (3+3), non mi sembrano bruscolini.....

Smoker
È una questione di "numeri"...ovvero di quanti immobili porti a conclusione (firma di preliminare).

Se vendi 1 solo immobile di quel valore al mese...in una città "costosa". sei alla fame.

Dai 4,5-5mila Euro devi togliere tutte le spese di "produzione" (affitto negozio/ufficio, post-telefoniche, pubblicitarie, ammortamenti di impianti ed auto, contabili, imposte e tasse sull'attività)...e poi pagarci contributi e tasse sul reddito.
Dire che togli un 70/80% sembra eresia ma è la cruda verità.

Resta il fatto che nessuno ti obbliga a fare tale "mestiere".
 
#16
Resta il fatto che nessuno ti obbliga a fare tale "mestiere".
corretto, ma se fai l'agente nessuno ti obbliga nemmeno a trattare tutti gli immobili che capitano.
Perfortuna esiste il libero arbitrio, ed è ancora possibile effettuare delle scelte, in base alle proprie aspettative e necessità.
su € 80.000,00 il 6% (3+3), non mi sembrano bruscolini.....
Di fatto se vendi un immobile da 80.000 lavori uguale,ma incassi un decimo rispetto ad immobile da 800.000. Quindi devi valutare come ottimizzare il tuo tempo nel modo migliore.
Certo se vivi dove la media degli immobili venduti è sotto i 100.000 euro non puoi andare per il sottile; se vivi e lavori a Milano c'è spazio per tutti , e ogni agenzia trova la sua "dimensione".
 

Dimaraz

Membro Storico
#17
.... in una città costosa con 80K compri un box..... forse.....

Smoker
Non so dove si propone di acquistare @Nicol Serio ...ma risulta iscritto da Milano.
Di fatto se vendi un immobile da 80.000 lavori uguale,ma incassi un decimo rispetto ad immobile da 800.000.
mi viene in mente un idraulico, che tuttora vedo affacciato fuori dal suo negozio in cerca di prede: il prezzo lo decide lui in base a quanto fatturato nel mese
Se vuoi sbarcare il lunario accetti anche quel che passa il convento.
Si può far gli "schizzinosi" solo se hai la fortuna di non essere in un mercato vuoto o se puoi ricattare con i prezzi che vuoi.

Certi "atteggiamenti" te li puoi permettere solo se sei "solo" e senza capitali (debiti) da cui rientrare.
 
#18
risulta iscritto da Milano.
ma l'appartamento sta a Corsico, è scritto nel titolo, che fa Comune a se stante nella immediata cintura di Milano: si trova appena fuori dalla tangenziale Ovest.
Certi "atteggiamenti" te li puoi permettere solo se sei "solo" e senza capitali (debiti) da cui rientrare.
lavora da solo, l'idraulico di cui mi servo lo conosce benissimo: diverse volte ha dovuto intervenire per riparare a degli errori e quando ha chiesto il suo compenso i clienti si sono meravigliati ed hanno spifferato il compenso pagato a quello precedente.
 

Estathe

Membro Attivo
#19
A Milano le agenzie hanno praticamente il monopolio e non si fanno problemi a fare cartello tra di loro.
Rispetto a 20 anni fa la trattativa tra privati è diminuita fino a quasi estinguersi.
 

basty

Membro Storico
#20
Tutti liberi di considerare alte o basse le provvigioni e/o richieste altrui, ma è anche vero che si è liberi di accettarle o rifiutarle: recriminare a posteriori non ha senso.

Dissertare poi sulle scelte altrui è pura presunzione.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
x uva ---finalmente finita con sentenza tribunale milano dato che la nostra inquilina aveva fatto 2 finanziarie …???? il 29 novmbre tribunale milano ci ha messo primi creditori sul quinto dello stipendio ...tutto specificato debiti avvocato 4 anni affitto mai pagato ….la tipa si e' presentata urlando ...la giudice ci ha inserito primi creditori prenderemo tutto da subito con quinto dello stipendo .finita bene kiss
Alto