1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. areds

    areds Nuovo Iscritto

    :affermazione::affermazione:Buonasera,
    Nel condominio di nuova costruzione (anno 2008) in cui risiedo abbiamo deciso di effettuare una modifica all'impianto elettrico condominiale nel piano interrato, in modo tale da separare l'alimentazione elettrica delle autorimesse private da quella dei corselli e più in generale delle aree condominiali. Questa modifica sarà eseguita da personale specializzata e qualificato che provvederà alla modifica della documentazione da presentare al successivo controllo da parte dei VV.FF. per il rilascio del C.P.I.
    Purtroppo la nostra amministratrice si è rivelata poco informata su quale aliquota IVA è da richiedere al fornitore di tale intervento e così sono a richiedere se tale modifica ricade in qualche modo all'interno di quei lavori per i quali si può applicare l'IVA agevolata.
    Grazie mille
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Per effetto della proroga disposta dalla legge Finanziaria per il
    2008, sugli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria per
    il recupero del patrimonio edilizio a prevalente destinazione abitativa,
    effettuati fino al 31 dicembre 2010, si applica l’aliquota IVA
    agevolata del 10 per cento.
    L’aliquota agevolata è applicabile sia alle prestazioni di lavoro che alla fornitura di materiali
    e di beni, purché, questi ultimi, non costituiscano una parte significativa del valore
    complessivo della prestazione. I beni significativi sono stati espressamente individuati dal
    decreto 29 dicembre 1999.
    Si tratta di:
    _ ascensori e montacarichi;
    _ infissi esterni e interni;
    _ caldaie;
    _ video citofoni;
    _ apparecchiature di condizionamento e riciclo dell’aria;
    _ sanitari e rubinetteria da bagni;
    _ impianti di sicurezza.
    Su tali beni l’aliquota agevolata del 10% si applica solo fino alla concorrenza della differenza
    tra il valore complessivo della prestazione e quello dei beni significativi.
    Per destinazione abitativa privata si intende riferirsi alle abitazioni adibite a dimora di privati.
    Non si può applicare l’IVA agevolata al 10 per cento:
    _ ai materiali o ai beni forniti da un soggetto diverso da quello che esegue i lavori;
    _ ai materiali o ai beni acquistati direttamente dal committente;
    _ alle prestazioni professionali, anche se effettuate nell’ambito degli interventi finalizzati al
    recupero edilizio;
    ESEMPIO:
    Costo totale dell’intervento 10.000 euro, di cui:
    a) per prestazione lavorativa 4.000 euro;
    b) costo dei beni significativi (ad esempio rubinetteria e sanitari) 6.000 euro.
    Su questi 6.000 euro di beni significativi, l’IVA al 10% si applica solo su 4.000 euro, cioè sulla differenza tra l’importo
    complessivo dell’intervento e quello dei beni significativi (10.000 - 6.000 = 4.000).
    Sul valore residuo (2.000 euro) l’IVA si applica nella misura ordinaria del 20%.
    18
    RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI
    _ alle prestazioni di servizi resi in esecuzione di subappalti alla ditta esecutrice dei lavori.
    In tal caso la ditta subappaltatrice deve fatturare con IVA al 20 per cento alla ditta principale
    che, successivamente, fatturerà la prestazione al committente con l’IVA al 10 per
    cento, se ricorrono i presupposti per farlo.
    Per l’applicazione dell’agevolazione dell’IVA al 10 per cento non è necessario alcun adempimento
    particolare come, invece, previsto per la fruizione della detrazione IRPEF del 36 per
    cento. Ad esempio, non si deve inviare alcuna comunicazione al Centro Operativo di
    Pescara, né è richiesto il pagamento mediante bonifico.
    L’IVA AGEVOLATA PER I LAVORI DI RESTAURO, RISANAMENTO CONSERVATIVO
    E RISTRUTTURAZIONE
    Per tutti gli altri interventi di recupero edilizio è sempre prevista, senza alcuna data di scadenza,
    l’applicazione dell’aliquota IVA del 10 per cento.
    Si tratta, in particolare:
    A. delle prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto o d’opera relativi alla realizzazione
    degli interventi di
    _ restauro
    _ risanamento conservativo
    _ ristrutturazione
    B. dell’acquisto di beni, con esclusione di materie prime e semilavorati, forniti per la realizzazione
    degli stessi interventi di restauro, risanamento conservativo e di ristrutturazione
    edilizia, individuate dall’articolo 3, lettere c) e d) del Testo Unico delle disposizioni legislative
    e regolamentari in materia edilizia, approvato con D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380.
    L’aliquota IVA del 10 per cento si applica, inoltre, alle forniture dei cosiddetti beni finiti, vale
    a dire quei beni che, benché incorporati nella costruzione, conservano la propria individualità
    (ad esempio, porte, infissi esterni, sanitari, caldaie, eccetera).
    L’agevolazione spetta sia quando l’acquisto è fatto direttamente dal committente dei lavori,
    sia quando ad acquistare i beni è la ditta o il prestatore d’opera che li esegue.
    19
    Da :
    http://www.agenziaentrate.it/wps/wc...ERES&CACHEID=b817df80426dc23e98b59bc065cef0e8
    :daccordo:
     
  3. areds

    areds Nuovo Iscritto

    A tuo giudizio pensi che la mia situazione possa ricadere tra quelle sopra descritte?
    Grazie
     
  4. Nel tuo caso si applica l'IVA al 10% sia sui materiali che sulla manodopera. Soltanto sulle fatture dei professionisti dovrete pagare il 20%. Ciao, buon fine settimana
     
    A areds e felixgiovanni piace questo messaggio.
  5. areds

    areds Nuovo Iscritto

    Buongiorno da quanto ne so deve essere presentata una richiesta scritta da parte dell'amministratrice all'azienda che eseguirà i lavori...come deve essere impostata? Purtroppo la ns Amministratrice si è rivelata poco informata!!!
     
  6. Si tratta di una semplice richiesta di IVA agevolata al 10%, da indirizzare alla ditta che effettuerà i lavori, con una sintetica descrizione dei lavori che saranno effettuati. Il tutto a nome del condominio. Ciao
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina