1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. rotella

    rotella Membro Attivo

    Salve a tutti, mi sapete dire quanto è la percentuale di deprezzamento per l'acquisto di una casa nuova senza senza agibilità, considerando che le nuove costruzioni nel mio paese (fiumicino) ne sono tutte spovviste?
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Non esiste una regola, il deprezzamento ci può essere come no, a seconda della situazione della zona. Come appunto la tua.
    Però ricorda che se per l'acquisto chiedi mutuo a banca, l'agibilità la devi esibire.
    saluti
    jerry48
     
  3. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
  4. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Tutto Ok per la sanabilità dopo il rogito (come dimostrato), se non si richiede mutuo a banca.
    Complicanze se non la esibisce subito, se c'è intervento banca; o regolarizza prima, o...niente!!!
    Eppure l'ho letto da qualche parte!!! (dovrò impegnarmi nella ricerca, per non fare brutta figura) :confuso:
    saluti
    jerry48
     
  5. rotella

    rotella Membro Attivo

    Non so a quale banca in particolare ti riferisci, io ho rinegoziato 4 volte il mutuo senza agibilità e nessuna delle 4 me l'ha chiesta.
     
  6. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    l'agibilità, una volta abitabilità per gli immobili residenziali, è un presupposto essenziale per poter appunto abitare, l'assenza del provvedimento può di fatto annullare il valore dell'immibile, in sostanza, se non vi si può abitare, cade lo scopo per il quale viene costruito, i notai oggi chiedono l'esibizione del documento, le banche, che mettono i soldi sull'immobile vogliono che il valore ipotecato sia reale in modo da garantire l'investimento.
    Detto questo, secondo me è necessario capire quali sono le ragioni che stanno dietro l'asenza del documento, l'agibilità è un atto dovuto dell'amministrazione comunale che ha concesso l'edificazione, va istruito da parte di chi edifica presentando, oltre alla domanda, una documentazione che attesti la rispondenza dell'immobile a tutte le prescrizioni della concessione nonchè a tutte le norme, sia urbanistiche che a quelle che regolano gli impianti tecnologici.
    Il documento potrebbe anche non venire esibito in quanto l'amministrazione è pigra e tende ad avvalersi del silenzio assenso previsto dalla lagge, nel caso è discrezionale l'accettazione della domanda quale documento equipollente
    Va anche specificato che se il documento non è esibibile perchè il costruttore è inademplente avendo costruito fuori norma, questo ne risponde e non credo nemmeno possa esistere una prescrizione
     
    A Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  7. rotella

    rotella Membro Attivo

    Nel mio caso il costruttore ha presentato richiesta per il certificato d'agibilità, ma incompleta di documenti essenziali e obbligatori che doveva integrare entro 60 giorni dalla presentazione. Non l'ha fatto. In sostanza sul mio rogito c'è scritto che è stata presentata richiesta e basta. Ma il silenzio-assenzo non si poteva produrre perchè la domanda mancava (volutamente, penso io) di document obbligatori. In sostanza il costruttore ha fatto la furbata, altrimenti in mio Notaio non stipulava.
     
    A Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  8. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    ok, se la situazione è quella che descrivi significa che tu hai pagato l'immobile e ora chiedi quanto potrebbe essere deprezzato, giusto?

    nel caso sia così la situazione è complessa ed è legata alle ragioni per le quali la documentazione allegata alla domanda sia carente e quali siano le mancanze, comunque di fatto la casa non abitabile non è commerciabile, il suo valore sul mercato è assimilabile a zero, puoi attivarti per concludere l'iter dell'agibilità ma dipende da quali aspetti siano da sistemare e se il tuo intervento basti, per esempio se non siano coinvolte altre4 costruzioni o appartamenti. Ti puoi però rivalere sul costruttore e citarlo per truffa, perchè giuridicamente è di questo che si tratta
     
  9. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    per la quantificazione :

    estratto della sentenza del tribunale di bari inserita nel'articolo precedente:

    .....omissis ...Ciò premesso, l'alienante potrà essere liberato dall'obbligo risarcitorio solo ove dia la prova certa che il mancato rilascio, ovvero il ritardo, nella consegna del certificato è dipeso da cause a lui non imputabili bensì dovute ad una inerzia della Pubblica Amministrazione. In caso contrario, invece, il venditore risponderà dei danni cagionati alla parte acquirente per il mancato godimento del bene, o del mancato acquisto, e, se formulata specifica domanda, potrà anche essere condannato al ristoro del maggior danno ex art. 1224 c.c.. Tale ultima voce di danno sarà calcolata nella misura pari alla differenza tra il rendimento medio annuo netto dei titoli di Stato di durata non superiore a dodici mesi e di valore pari alla parte di capitale in contestazione ed il saggio degli interessi legali.]
     
    A rotella piace questo elemento.
  10. rotella

    rotella Membro Attivo

    Purtoppo non è truffa perchè al momento del rogito il costruttore era in regola, nel senso che ha presentato domanda incompleta ed aveva 60 giorni per integrarla. Solo dopo 60 giorni è diventato inadempiente. Ha fatto questo giochetto perchè la mia è una palazzina con ufficialmente 5 appartamenti, ma avvelendosi del cambio di destinazione d'uso ne ricaverà altri 3 (2 lavatoi e una cantina). In più, grazie al piano casa della regione Lazio, deve ampliare 2 appartamenti(da due monolocali li farà diventare trivani). Ecco secondo me il perchè di questa furbata, altrimenti, se completa, la richiesta sarebbe stata bocciata.
     
  11. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    d'accordo, secondo me, quale che sia la ragione per la quale non venga rilasciata l'agibilità, la responsabilità è sua, quindi ti puoi sempre rivalere su di lui in merito,
    se ultimate tutte le sue operazioni alle quali hai accennato l'agibilità sarà concessa allora non ci sarà nulla da dire ne da deprezzare
     
  12. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Una casa senza agibilità tecnicamente non e’ un immobile adatto ad essere utilizzato come abitazione.

    E in assenza di questo documento non solo puo’ saltare la vendita del bene, ma si puo’ essere condannati a risarcire il promittente acquirente.

    Grava, infatti, sempre sul venditore l’onere di attivarsi per ottenere tempestivamente e, comunque, in tempo per la stipula il certificato dall’ente locale.
    Nel caso di vendita da parte del costruttore non deve essere allegato all’atto il certificato – poiche’ esiste il principio del silenzio assenso – ma la licenza edilizia, la copia dell’accatastamento e la copia della documentazione consegnata in Comune. Mentre tra privati, il certificato e’ necessario solo nel caso in cui siano state fatte delle modifiche rispetto allo stato originario dell’appartamento. Ma va ricordato che dallo scorso 1° luglio se l’appartamento e’ stato ristrutturato e non e’ in regola con le variazioni anche catastali l’atto non e’ piu’ fattibile, neppure con l’accordo tra le parti.

    Il notaio, infatti, e’ tenuto d’ora in poi ad effettuare le verifiche direttamente sulla piantina catastale.

    Di fatto, quindi, non si potranno piu’ commercializzare immobili non in regola dal punto urbanistico (agibilita’) e catastale.

    Brutta rogna con le banche senza il certificato, ne conosco di casi insoluti…………………….

    saluti
    jerry48
     
  13. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Più che la banca sarà il perito che ti chiede l'agibilità/abitabilità, se nel tuo quartiere è tutto senza abitabilità, forse sarà la prassi e basta aver presentato domanda con il tacito assenso tutto si risolve, ma non per noi periti, che senza tale documento non possiamo eseguire la parizia online, risulta sempre incompleta, ciao
     
  14. rotella

    rotella Membro Attivo

    Sto per fare causa al venditore, ma se durante (e non dopo un eventuale condanna) il procedimento, il costruttore-venditore mi rilascia il certificato di agibilità? E fattibile? e in questo caso il procedimento si conclude senza condanna e quindi le spese dell'avvocato sono tutte a mio carico?
     
  15. griz

    griz Membro Senior

    Professionista

    per questo direi di sentire il tuo avvocato, però il tuo interlocutore è ad oggi pienamente inadempiente, se ti costringe a fargli causa per ottenere un documento che ti deve per legge, difficilmente si potrà definire che le sue responsabilità cadano.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina