1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Zenzera

    Zenzera Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Ciao a tutti.

    Devo ristrutturare un appartamento di c. 110 mq in un condominio di fine anni '60 che non ha impianto di riscaldamento. Quale impianto è più conveniente, secondo voi? Considerate che potrò tranquillamente far passare tubi sotto i pavimenti o anche controsoffittare in cartongesso e che vorrei ovviamente conciliare nel modo migliore efficienza ed efficacia termica, costo dell'impianto e costo di gestione, sfruttamento dell'ecobonus, versatilità (possibilita di avere anche l'aria condizionata d'estate), nonché eventuali altri aspetti che magari mi sfuggono. Vi aggiungo che nel mio comune c'è il progetto di attivare la rete del gas di città, ma i lavori non sono ancora partiti (avrebbero dovuto partire un anno fa e ora si parla di marzo, ma non credo ci sia da fidarsi).

    Per il momento sono orientato per l'idropellet, pensando di installare una caldaia che sia anche decorativa in salotto; oppure un bell'impianto di pompe di calore per poter avere l'aria condizionata. Ma sono un totale profano.

    Grazie
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Domanda troppo complicata per rispondere da un forum e senza dati/caratteristiche/esigenze fondamentali sia per dare consigli che per fare una scelta.

    Tutto dipende da località e disponibilità.

    Preferibile un impianto "radiante" (a pavimento) piuttosto che i classici termosifoni.
    Evita le pompe di calore (costi elevati per l'energia elettrica) salvo che come funzione accessoria occasionale già compresa nei condizionatori.

    Il pellet con una caldaia "idro" perde parte della sua efficenza ed in ogni caso devi considerare i problemi di gestione (pulizia canna e caldaia per ceneri, stoccaggio dei sacchi e movimentazione degli stessi).

    Molto dipende anche dalla zona climatica in cui è ubicato l'edificio.
     
  3. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    e poi se scrivi dall'estero?
     
  4. happysmileone

    happysmileone Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Avrei anche io lo stesso problema per una ristutturazione di un appartamentino anno 1939 (1 camera + cucina e bagno) 38 mq in Roma.
    Attualmente per l'acqua sanitaria e' installato uno scaldabagno elettrico mentre per il condizionamento e' installato nell'unica camera un condizionatore che funziona come pompa di calore nel periodo freddo ( a Roma due mesi/anno).
    Dovendo ristrutturare mi sto ponendo il problema se piu' conveniente installare una caldaia a gas e relativi termosifoni o tubature sotto pavimento per riscaldamento e acqua sanitaria.
    Se servono conoscere ulteriori dati per un consiglio a disposizione.
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Quanto spendi in energia/anno?

    38 mq. sono molto pochi e probabile che il "risparmio" di un nuovo impianto comporti un "ammortamento" molto o troppo lungo per poter essere apprezzato.
     
  6. happysmileone

    happysmileone Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non so quanto spendo perche' l'immobile era affittato a persone che lo utilizzavano solo per dormire e lavarsi. Per l'attivita' lavorativa erano fuori tutto il giorno.
    Eventualmente nella ristrutturazione faccio predisporre gli attacchi per i calorifici e la caldaia da installarsi successivamente ma anche questo sara' un costo inutile se non verranno utilizzati .... Da tenere anche conto che l'edificio e' senza canna fumaria, nell'appartamento non e' mai stato installato un impianto di riscaldamento e quindi la caldaia dovra' essere per forza a condensazione e non avendo balconi o terrazze devo posizionarla all'interno dell'abitazione e predisporre le aperture sul muro perimetrale del fabbricato per i fumi .....
     
  7. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ammesso e non concesso che sia fattibile o qualcuno non si opponga.

    Se l'immobile è per locazione eviterei investimenti onerosi.
    Certo che un "riscaldamento" più economico rende anche più attraente/appetibile l'abitazione.

    Metaforicamente "spendere o non spendere"...eterno dilemma.
     
  8. happysmileone

    happysmileone Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ... il fatto e' che non so se la sola pompa di calore sia sufficiente per inquilini che utilizzino l'appartamento non solo per dormire....
     
  9. happysmileone

    happysmileone Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    eventualmente potrei installare il riscaldamento a gas post ristrutturazione e su esigenza vedendo di nascondere in qualche modo le necessarie tubazioni che se installate esternamente contribuiscono si a riscaldare gli ambienti ma non sono poi cosi belle a vedersi
     
  10. Zenzera

    Zenzera Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Intanto grazie.

    La località è in Sardegna sul mare e la disponibilità dovrebbe essere discreta, visto che nell'ambito di spese comunque importanti per la ristrutturazione. L'impianto radiante me lo sconsigliano perché il pavimento andrebbe smantellato e poi si dovrebbe rifare il massetto, mentre si pensava di scavarci solo le vie per i tubi e poi di metterci il parquet sopra. Tu cosa ne pensi di questa obiezione? Se servono altre informazioni posso darle.
     
  11. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se ha una potenza adeguata per la metratura direi di si.
    E' pur sempre un appartamento che seppur in vecchio stabile non necessita di potenza elevata.
    Resta il fatto che una pompa di calore in funzionamento continuo farà lievitare i consumi annui "trascinando" nei scaglioni più cari come costo kwh (ma esistono anche contratti ad hoc...da verificare la convenienza).
     
  12. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Solo un termotecnico di "valore" e sulposto potrebbe rispondere precisamente.

    Parli di Sardegna...quindi se fosse uso "vacanza" o saltuario eviterei soluzioni costose.
     
  13. happysmileone

    happysmileone Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Il condizionatore/pompa lo ha installato il precedente inquilino, quale dovrebbe essere la potenza adeguata per 38 mq?
    Il dubbio e' anche che lo splitter e' all'interno dell'unica camera e condizionando tutto l'appartamento si potrebbero verficare gradienti termici notevoli (caldo eccessivo in camera)
     
  14. Zenzera

    Zenzera Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    No, dovrei abitarci io con marito e figli
     
  15. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    Se possiedi la canna fumaria potresti fare l'impianto a camino termo tecnico che brucia anche la cenere, basta pulirlo una volta al mese 2 radiatori uno in bagno uno in camera, in cucina basta il camino e sei a posto
     
  16. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Allora se casa di residenza meglio puntare ad impianto duraturo e basso costo di gestione.

    Il pavimento radiante permette una temperatura più uniforme ( anche davanti alle portefinestre/vetrate a terra) rispetto ai classici radiatoriradiatori, conseguente maggior efficenza ed eviti i classici "baffi sporchi" sui muri.
    Ovviamente maggior costo se devi rompere il "massetto"...ma anche tagliare per i tubi classici significa rompere i pavimenti...e se vuoi evitare problemi di " rappezzatura" dovresti sostituire tutto il parquet o altro rivestimento.

    Fatti fare preventivi per le varie tipologie e valuta.

    Piuttosto che una idropellet " pura" ...informati anche per una canalizzata.
     
  17. Zenzera

    Zenzera Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Grazie. Il parquet lo devo mettere nuovo, ma sopra il pavimento vecchio, che (se non faccio l'impianto radiante) sfonderei giusto per far passare i tubi verso i radiatori, ma senza demolirlo del tutto. Vedremo la differenza di prezzo. Ma da cosa dovrebbe essere alimentato? Serbatoio per il gasolio non posso metterne e il gas di città è previsto, ma il tempo passa e ancora non si vede. Mi hanno detto, in attesa del gas di città, di mettere una bombola di quelle da cucina semplicemente nel formato più grande che credo sia da 25; ma quante ore durerebbe?
     
  18. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Dipende dal "fabbisogno" della casa e dalle temperature esterne ed interne.

    Si può determinare con un po' di numeri.
    Il gas ti servirebbe comunque anche per cucinare.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina