• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

nikitaus

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#1
ciao a tutti, dopo questa nottata piena di pensieri , e priva di sonno , decido di scrivervi.... mi è stato fatto un preventivo, per un rifacimento facciata, dove è scritto il totale+ IVA, non è però specificato quale IVA verrà applicata!!l IVA al 10% è una cosa automatica ? o devo essere io a chiederlo ? grazie a chi mi aiuterà a capire in questa giungla
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#2
IVA ordinaria (22%) salvo tu non richieda quella agevolata al 10%. (che ti compete visto si tratta di restauro).
Rientri anche nel bonus fiscale 50%.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#4
La richiesta la devi fare a chi ti farà la fattura.
Con i "rivenditori" è meglio si arrangi direttamente l'impresa.
E' comunque imprescindibile che tu ti rivolga ad un professionista in loco che potrà meglio fare tutte del considerazioni del caso.
 

casanostra

Membro Assiduo
Proprietario Casa
#5
Per quanto ne so il rifacimento di parti comuni di un edificio, in questo caso le facciate, è considerata manutenzione ordinaria e quindi IVA sulla mano d'opera al 10% mentre sui materiali al 22%.
L'intervento è detraibile al 50%
 

Nautilus

Membro Attivo
Proprietario Casa
#6
Se i materiali li fornisce la ditta appaltatrice va tutto al 10%. Comunque c'è il manuale dell'Agenzia delle entrate sulle ristrutturazioni, reperibile in rete, ampiamente esaustivo sull'argomento.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#11
Talmente sicuro che ti sbagli che potevo metterci la mano sul fuoco.
Meglio che ti "studi" quelle ufficiali (che già quelle a volte peccano)
ti linko l'ultima disponibile:

https://www.agenziaentrate.gov.it/w...+it/Guida_Ristrutturazioni__edilizie_2018.pdf

Ricapitolando sbagli quando parli di:
- aliquota ordinaria (22%) per materie prime vendute al committente (proprietario casa singola o Condominio)
- lavori agevolabili ( a tuo dire): solo ristrutturazione edilizia
- IVA ridotta su beni significativi (un vero no-sense).

La realtà è:
-aliquota agevolata per tutti i lavori, quindi manodopera+materie prime (inerti etc) specificati in un contratto di appalto. Tradotto se il committente decide di acquistare per proprio conto le materie prime paga IVA 22%. Stessa aliquota verrà applicata all'impresa che però applicherà il 10% al committente (4% se costruzione di prima casa non di lusso).
-lavori agevolabili: manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro/risanamento e ristrutturazione in ambito Condominiale (beni comuni)...qualora si tratti si parte privata (proprietà di un singolo) allora va fatta esclusa la manutenzione ordinaria.
-Beni significativi: aliquota ordinaria con "benefit" di aliquota ridotta per un importo di imponibile pari a quello della posa in opera...ma solo se forniti da chi li mette in opera.


Ti evidenzio il "passo" importante:

pag. 12

1.3.1 Lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria.
Sulle prestazioni di servizi relativi a interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, realizzati sulle unità immobiliari abitative, è prevista l’IVA ridotta al 10%. Sui beni, invece, l’aliquota agevolata si applica solo se ceduti nell’ambito del contratto di appalto. Tuttavia, quando l’appaltatore fornisce beni “di valore significativo”, l’IVA ridotta si applica ai predetti beni soltanto fino a concorrenza del valore della prestazione considerato al netto del valore dei beni stessi. In pratica, l’aliquota del 10% si applica solo sulla differenza tra il valore complessivo della prestazione e quello dei beni stessi
.
 

casanostra

Membro Assiduo
Proprietario Casa
#12
Conosco il senso di quanto riportato a pag. 12.
Allora spiegami perché mi sono stati fatturati lavori con aliquota differenziata al 10 e al 22%.
Mi spiego meglio.
Nel 2015 ho fatto ristrutturare un appartamento e, per farlo, il tecnico incaricato ha aperto una SCIA per "Ristrutturazione Edilizia" ai sensi del DPR 380/2001 Art.3 lettera "D".
La ditta esecutrice dei lavori mi ha fatto sempre le fatture distinguendo fra materiali e manodopera.
Per quanto riguarda i materiali, inerti e semilavorati, il 22 % mentre per la manodopera il 10%.
Allego il pdf di una di queste fatture.
 

Allegati

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#13
La ditta esecutrice dei lavori mi ha fatto sempre le fatture distinguendo fra materiali e manodopera.
Avevate stipulato un Contratto di Appalto ?

Una impresa seria e/o un direttore lavori "professionale" dovrebbero ben sapere come agevolare un cliente restando nell'alveo delle norme.
Vero che non sempre se ne incontra.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buonasera, volevo dirvi che è in dirittura di arrivo l'acquisto dell'appartamentino attiguo a quello in cui abita mia figlia. dovendo procedere alla fusione mi chiedevo se fosse possibile aprire una porta tra i due balconi piuttosto che all'interno degli appartamenti. Grazie a chi mi darà una risposta circostanziata.
moralista ha scritto sul profilo di Tiziano71.
Avete steso un verbale della situazione dell'immobile, cosa avete concordato al momento della consegna?
Alto