1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. elite1967

    elite1967 Ospite

    Salve a tutti.
    Sono nuovo da queste parti... :risata:
    Sono sposato in regime di separazione con due figli minori.

    Io e mia moglie abbiamo un patrimonio composto da 3 appartamenti cointestati al 50%: uno dove viviamo e 2 che affittiamo.
    In caso di morte mia, vorrei che mia moglie ereditasse il 50% del patrimonio (l'altro 50% ai figli) e che potesse continuare a ricevere i redditi degli appartamenti che affittiamo evitando che tali redditi vadano (per ora) ai figli.

    Oggi è così:
    Io:
    50% appartamento dove viviamo (valore dell'appartamento 200.000€)
    50% appartamenti che affittiamo (valore complessivo dei due appartamenti 320.000€)

    Mia moglie:
    50% appartamento dove viviamo
    50% appartamenti che affittiamo

    Domande:
    A) Sarebbe possibile lasciare un testamento fatto in questo modo:
    Ai figli:
    50% appartamento (quello dove viviamo) [100.000€]
    50% nuda proprietà degli altri due appartamenti [32.000€, equivalente al 20% della mia quota di possesso]

    Alla moglie:
    Diritto reale di abitazione sull'appartamento dove viviamo
    50% usufrutto sugli appartamenti che affittiamo [128.000€, equivalente al 80% della mia quota di possesso]

    (In realtà risulta 51% ai figli e 49% alla moglie).

    B) Il notaio potrebbe decidere di assegnare ai figli a parità di valore complessivo beni diversi da quelli che ho indicato io?

    Lo chiedo perchè non vorrei che il notaio per tutelare i minori potesse decidere di dare loro la proprietà degli appartamenti che affittiamo, notando che nel redarre il testamento ho volutamente dato loro solo beni che non generano redditi.

    Grazie per le risposte.

    Saluti
     
  2. tamara

    tamara Membro Attivo

    ricorda che fino a che i figli sono minori i genitori (o quello superstite) ha l'usufrutto legale sui beni ( i frutti ricavati devono essere destinati al mantenimento della famiglia). Il notaio potrà dare dei consigli ma è la volontà del testatore che prevale. consiglio di interpellare un notaio perchè possa quantificare il giusto 50% per non incorrere in lesioni di legittima, attribuendo il giusto valore ai beni che cadono in successione.
     
    A elite1967 piace questo elemento.
  3. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non conosco la tua età ma, dalla presenza di figli minori immagino tu sia abbastanza giovane. allora ti offro uno spunto di riflessione diverso. perchè non provi a chiedere al notaio se puoi realizzare il risultato attribuendo ai figli la nuda proprietà di quanto hai e a tua moglie l'usufrutto sugli stessi. in questo caso gli introiti degli affitti andrebbero automaticamente all'usufruttuario ed i figli potrebbero godere dei frutti solo alla morte della madre.
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    la legittima non si può toccare, in caso di dipartita di una dei coniugi, l'eredita va divisa per un terzo ciuscono un 1/3 al coniuge 1/3 ai due figli, se minorenni spetta al genitore l'ammistrazione dei beni
     
  5. elite1967

    elite1967 Ospite

    arianna,
    ho 44 anni.
    In realtà quello che proponi è esattamente quello che chiedevo se si potesse fare.
    Quallo che vorrei fare è lasciare ai figli la mia quota di possesso della nuda proprietà degli appartamenti che affittiamo e la mia quota di possesso della proprietà dell'appartamento in cui viviamo.
    (vd. primo post)

    Fermo restando la possibilità per mia moglie di poter vivere nella casa attuale.

    Si può fare così?

    Aggiunto dopo 5 minuti ....

    La legittima va divisa 1/3 e 2/3 ma rimane il 25% che posso assegnare a chi voglio.
    Nella fattispecie: fatto 100€ il patrimonio, 75€ sono la legittima che vanno divisi 25€ alla moglie (1/3) e 50€ ai figli (2/3); e 25€ sono il disponibile che io decido di assegnare alla moglie.
    Così facendo ottengo il 50% alla moglie e il 50% ai figli.

    Correggetemi se sbaglio.
     
  6. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    io non vedo errori. e vista la tua giovane età forse attribuendo la nuda proprietà ai figli rischieresti di ledere i loro diritti di legittima essendo molto elevato il valore dell'usufrutto e molto ridotto quello della nuda proprietà. Comunque questo calcolo essendo in rapporto all'età non mai defintivo.
     
    A elite1967 piace questo elemento.
  7. elite1967

    elite1967 Ospite

    In realtà ai figli oltre alla NP io lascerei anche la mia quota di possesso dell'abitazione principale ai figli.
    In questo modo il patrimonio è suddiviso equamente.

    Domanda: lasciando l'abitazione principale ai figli, quest'ultima sarebbe per il 50% loro e per il 50% della moglie.
    La moglie può continuare a viverci senza vincoli?
    E inoltre, chi dovrà pagare spese e imposte ? Non vorrei che finisse in capo ai figli quando è la moglie che usa il bene.

    Grazie a tutti.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina