1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. loger

    loger Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Dare in affitto per la prima volta un immobile comprato prima della crisi immobiliare ( e quindi PAGATO!) e ristrutturato completamente è una grande responsabilità...Scegliere (non fra tanti) l'inquilino giusto difficilissimo. Poi ti trovi a dare "emotivamente " la fiducia ad una coppia giovane con due bambini con lui con un lavoro transitorio....ed è lite con la tua partner (proprietaria al 50% dell'immobile).
    Sfidando tutti e puntando sulla fiducia su questi ragazzi.... quali ragionevoli garanzie concordare con loro??
    1) Fideiussione assicurativa? ...le banche se ne stanno alla larga da questi clienti...
    2) Fideiussione di terzi familiari o persone con lavoro autonomo o a tempo indeterminato..Come fare?
    3) Sono possessori di immobile di proprietà nella zona di residenza....a chi può interessare come garanzie?
    4) Altre idee oltre a quella di mia moglie di lasciar perdere???

    Help! fatevi sentire.....Loger da Ravenna

    PS: in ogni caso contratto con cedolare secca 4+4!
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Purtroppo quando si affitta un appartamento non si puo essere mai sicuri dei futuri inquilini.
    Per prima cosa conviene prendere qualche informazione relativa la persone e la posizione economica e chiedere una fidejussione.
    Se ha beni di proprietà questi valgono più di qualsiasi stipendio.... siete quasi certamente al sicuro e con la fidejussione meglio.

    Altri forumisti più esperti sapranno consigliare meglio.
     
  3. jerrySM

    jerrySM Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Se le banche stanno alla larga da quei clienti un motivo ci sarà.
    In tanti anni nel campo delle locazioni ho imparato che l'emotività gioca brutti scherzi.
    Sfidanto tutti ritieni di dar loro fiducia. Ricordati che se le cose andranno bene tutto rientrerà nella normalità delle cose ma se dovessero andare male non rischi solo economicamente (morosità, sfratto con minori, etc etc) che sarebbe la cosa minore, ma addirittura il rapporto con la tua partner (proprietaria al 50% e che ti ha CALDAMENTE sconsigliato di affittare a loro).
    Vedi tu se vale la pena correre il rischio.
    Detto questo, non esistono garanzie assolute, ogni locazione ha in se una certa % di rischio. Persino la fidejussione bancaria non serve a molto. Se ti imbatti nell'inquilino che non vuole o non può pagare per un periodo lungo di tempo serve solo a rimandare nel tempo lo sfratto di morosità.
    Ricordo infatti che finchè la fidejussione è in atto non puoi avviare le pratiche per lo sfratto e quando lo farai significa che ormai non hai in mano più niente su cui rifarti.
     
    A alberto bianchi e possessore piace questo messaggio.
  4. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Perché? In che senso?
     
  5. loger

    loger Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Bene, al momento siamo in parita`di consigli.....chi sta dalla mia parte deve consigliarmi gli strumenti di garanzia utili per convincere la mia socia(!!!).per esempio....posso,coinvolgere con una fideiussione un loro parente che ha una attivita lavorativa consolidata e gli fa fare alcuni lavoretti retribuiti? perche se non garantisce lui un fiducia la mia posizione e' ancora meno sostenibile. Nessuno vuole dare speranza a questi giovani???? tutto sommato e` anche colpa della nostra generazione precedente se sono in difficolta' lavorativa.... E adesso apriti cielo!!!!
     
  6. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Certo, la fideiussione di un parente è una soluzione utilizzata frequentemente. Naturalmente dovrai accertarti che la sua posizione economica sia effettivamente consolidata: trattandosi di lavoratore dipendente, chiedi copia della busta paga; trattandosi di lavoratore autonomo, chiedi copia dell'ultima dichiarazione dei redditi (qui apriti cielo davvero ma, pur volendo dare fiducia, non bisogna temere di tutelare le proprie ragioni di credito).
    Ad ogni buon conto, se i conduttori sono titolari di immobile di proprietà (non so se tu hai potuto accertarlo), sei quasi certo di recuperare quanto ti spetta (seppure con tutte le riserve connesse alla lunghezza di realizzo nelle procedure esecutive immobiliari ed agli alti costi iniziali).
     
  7. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Solo tu puoi stabilire quali rschi correre. Sei pronto a dare fiducia ai giovani il che torna a tuo merito ma sei anche il solon a poter stabilire quali rischi correre. Se sei in una posizione economica buona, se non conti sull'affitto per saldare questa o quella pendenza o per pagare gli studi ai figli buttati. Niente di quanto potrai chiedere ti mette completamente al sicuro, perchè le fideiussioni coprono fino ad un certo punto, la casa che posseggono altrove possono venderla domani senza dirti nulla, il tipo che garantisce non lo farà sicuramente senza limiti ma.. questo non toglie che di tutto ciò potrebbe non esserci bisogno, che i ragazzi continueranno a lavorare e a pagare l'affitto e che tutto vada per il meglio. Certezze però non ce ne possono essere, il rischio d'impresa è ineliminabile.
     
  8. lazialia79

    lazialia79 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Io ho provato solo la garanzia assicurativa e non ha funzionato (non mi hanno pagato, ora sono in liquidazione!).
    I rigorosi controlli di un'agenzia che si occupa esclusivamente di affitto non sono serviti a nulla; dopo 6 mesi gli inquilini non hanno più pagato.
    Se non sei sicuro della stabilità economica (almeno un minimo) delle persone, fossi in te lascerei perdere. Non si tratta di dare fiducia o meno ma di quanta voglia/tempo/disponibilità di denaro/ sanità mentale hai a disposizione per entrare nell'eventuale "tunnel" dello sfratto per morosità!
     
    A possessore e ingros76 piace questo messaggio.
  9. pecorarofabio

    pecorarofabio Membro Junior

    Professionista
    Ciao, io ti consiglio un prodotto assicurativo molto valido che può fare al caso tuo.
    Sono pochi gli assicuratori che hanno mandato per farlo sottoscrivere, se vuoi contattami e ti do il contatto del mio.

    Saluti[DOUBLEPOST=1371487785,1371487765][/DOUBLEPOST]il prodotto è questo http://www.ucaspa.com/03_TutelAffitto.php3
     
  10. Fridrick

    Fridrick Membro Junior

    Anch'io non capisco bene cosa intendi...
    Potresti spiegarti meglio su questo punto e magari fornire qualche riferimento?
    Io ho sempre pensato che il ricorso alla fidejussione sia indipendente dalle pratiche di sfratto...

    Per rispondere invece a loger io dico che se i ragazzi hanno almeno un immobile di proprietà di un minimo valore e se in più i loro genitori che farebbero da garanti hanno busta paga e/o altri immobili tu dovresti essere più che tutalato
     
  11. Jessica18

    Jessica18 Ospite

    Ciao Loger!
    secondo me una soluzione c'è..senza dover passare tramite banche..
    un assicurazione che vi tuteli esiste.. e te lo dico proprio perchè ho un amica che è incappata in un inconveniente con un suo inquilino, dove è entrato in casa e dopo pochi mesi ha iniziato a non pagare più l'affitto..e dopo si è dovuto procedere con lo sfratto, ovviamente controvoglia, perchè giustamente come dici tu, subentra poi la buona fiducia.. ma la buona fiducia putroppo non ti tutela abbastanza... e da quel giorno lei si è assicurata, a spese dell'inquilino, ma a convenienza sua..
    Se ti interessa potresti chiamarmi al numero 327.4032908, e io nel frattempo chiedo alla mia amica a quale assicurazione si è rivolta..la tua partner ha ragione ad aver paura.. ma se le proponi il prodotto che ha la mia amica non credo ti dica di no :) e così non litighi con lei, e non mandi via i ragazzi.
     
  12. Carlo27

    Carlo27 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Però bisogna stare attenti a non sommare al danno le beffe.
    Le assicurazioni costano, e oltre al grosso danno dell’inquilino che non paga, si corre il rischio di aver pagato garanzie che poi non servono a niente.
    Una agenzia specializzata in affitti mi ha illustrato la sua assicurazione, che mi avrebbe coperto in caso di mancato pagamento.
    Ma nell’illustrarmela mi ha detto chiaramente che se avessi saltato un solo punto di tutte le operazioni da farsi, l’assicurazione era annullata.
    Ad esempio bastava un ritardo di un solo giorno nel denunciare il mancato pagamento del canone, che l’assicurazione non avrebbe pagato.
    E se l’hanno detto in fase di propaganda del prodotto, qualche cosa di vero deve esserci…
     
  13. Jessica18

    Jessica18 Ospite

    Mi sono informata e mi è stato detto che ci sono sicuramente dei termini da rispettare per informare la compagnia, è anche vero che un piccolo ritardo non fa perdere il diritto all'indennizzo, ovviamente bisogna leggere le condizioni contrattuali ma quello della mia amica non è strutturato in maniera così fiscale.. Se volessi saperne di più anche tu sul prodotto, il numero l'ho già lasciato..contattami, così anche da poter avere un confronto no? :)
     
  14. ingros76

    ingros76 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Forse intendeva dire che se dovesse "intervenire" la fidejussione per x mesi, durante questo periodo l'inquilino non è suscettibile a sfratto per morosità, ma solo successivamente, quindi il problema è solo traslato di x mesi :)
     
  15. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Ma la pendenza di una procedura di sfratto non impedisce la richiesta di pagamento dei canoni che potrà, naturalmente, essere rivolta anche al fideiussore.
     
  16. loger

    loger Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Mi scuso con tutti del mio ritardo di risposta... Sono contento che la discussione sia stata partecipata. Alla fine hanno prevalso le ragioni di mia moglie....non se n'è fatto nulla e l'immobile è sempre sfitto!!!
     
  17. Tawdee

    Tawdee Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    NON AFFITTARE


    Uppi Nazionale

    18 ottobre
    Comunicato stampa

    L’UPPI, Unione Piccoli Proprietari Immobiliari, segnala che l’articolo 6 del decreto legge 31 agosto 2013, n. 102, come modificato nel passaggio parlamentare dei giorni scorsi alla Camera dei Deputati, all’ultimo periodo del comma 5 prevede che “le prefetture-uffici territoriali del Governo adottano misure di graduazione programmata dell'intervento della forza pubblica nell'esecuzione dei provvedimenti di sfratto”.

    È evidente a tutti la gravità della misura approvata che consente il sostanziale esproprio degli immobili dati in locazione.

    Il potere conferito alle prefetture senza la definizione di alcun criterio e limite temporale rappresenta una palese ingerenza sulle decisioni dei giudici in materia di sfratto e una altrettanto evidente compressione del diritto di proprietà, i cui titolari, oltre a subire le già lunghe attese prima di poter ottenere il rilascio degli immobili locati, saranno costretti a sobbarcarsi anche i relativi oneri senza l’introito del compenso per la locazione in corso.

    Tanto viene evidenziato da Paolo Giuggioli, presidente onorario UPPI.
    Inoltre deve anche considerarsi, aggiunge, Ladislao Kowalski, segretario nazionale UPPI, che le realtà esistenti nella Provincia italiana rispetto a quella dei grandi centri urbani, non abbisognano di provvedimenti di questo tipo gravissimi per le ripercussioni che hanno in relazione a diversi aspetti: innanzitutto la sostanziale inutilità nelle città ove le abitazioni sono disponibili, i canoni già da anni si sono ridotti e con ciò la proprietà immobiliare ha già dato il proprio contributo al problema dell’abitare ed ancora i provvedimenti di questo tipo costituiscono il “colpo di grazia” finale al mercato immobiliare già in profonda sofferenza per la mancanza di investimenti. Fatto quest’ultimo che incide gravemente sul settore economico delle costruzioni che è fondamentale e trainante per l’intera economia nazionale.
    L’avere introdotto poi, aggiunge Gabriele Bruyére, presidente nazionale UPPI, il concetto della morosità incolpevole costituisce una violazione ai più elementari e basilari principi di diritto, giustizia ed equità. Cosa sarà questa morosità incolpevole, chi la valuterà, come verrà applicata?
    Insomma un principio totalmente sconosciuto e contrario alle più elementari nozioni su cui si basa non solo l’ordinaria vita civile ma anche l’ordinamento giuridico e la stessa Costituzione.

    Ci batteremo in ogni luogo e sede perché tali principi non possano essere introdotti e vengano definitivamente esclusi da qualsiasi norma o disposizione.
     
  18. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Ringrazio Tawdee per la segnalazione, confesso che mi era sfuggita l'introduzione di questa "leggina".
     
  19. loger

    loger Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ah ! però.... Se viene a saperlo mia moglie...altra lavata di capo!!!! Grazie per l'informazione.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina