1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ROCNAT

    ROCNAT Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve.
    Avendo sino ad oggi avuta a turno la figura dell'amministratore fra uno degli stessi condomini senza retribuzione, adesso è venuta fuori l'idea di riconoscere un compenso. Ma per fare ciò vorrei sapere qual'è l'incidenza fiscale sul compenso netto annuo che dovrebbe percepire la persona designata; ovvero, fatto 500 ad esempio il compenso netto, quanto si dovrebbe versare al fisco e quindi quanto in effetti bisognerebbe dare? E quali adempimenti fiscali/amministrativi dovrebbe sostenere il condomino amministratore?
    Grazie.
     
  2. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Gli adempimenti sono che devi fare il 770 per il condominio e dichiararlo nella dichiarazione dei tuoi redditi che fanno il cumulo con gli altri introiti
     
  3. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    L'obbligo di compilazione del modello 770 (dichiarazione del sostituto d'imposta, nella fattispecie il Condominio) prescinde dal percepire o meno compenso, in quanto in esso vanno comunicate tutti i dati relativi alle ritenute alla fonte effettuate dal Condominio (quali ad es. quella del 4% sulle prestazioni relative a contratti d'appalto di opere e servizi, o quella del 20% sulle prestazioni derivanti da lavoro autonomo, anche occasionale). Inoltre va presentato anche per eventuali corrispettivi pagati a soggetti contribuenti che hanno optato per i regimi fiscali agevolati (di cui all'art. 13 legge 388/2000, ed al regime fiscale di cui all'art. 27 DL 98/2011) che sono esenti da ritenuta d'acconto.
    Inoltre, obbligo personale dell'amministratore di presentazione del quadro AC di UNICO PF in presenza di spese sostenute dal Condominio non assoggettabili a ritenute alla fonte d'importo superiore a 258,23 euro (come potrebbe essere la spesa per l'assicurazione).

    Per quanto riguarda gli obblighi fiscali derivanti dal compenso, trattandosi di condòmino/amministratore, la sua attività potrebbe essere svolta senza posizione IVA, ma con semplice inquadramento Co.Co.Pro. Quindi iscrizione alla Gestione Separata Inps, nelle cui casse andranno versati i contributi calcolati sul compenso nella misura del 27,72% se non iscritto ad altra forma previdenziale obbligatoria, 20% se invece già coperto da altra forma previdenziale. I 2/3 del contributo saranno a carico del Condominio, mentre 1/3 sarà a carico del condòmino amministratore.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina