1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. schizzi

    schizzi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Volevo chiedere aiuto per la seguente situazione.
    Pochi anni fa sono scomparsi entrambi i miei genitori ed io ed i miei due fratelli abbiamo aperto la successione dei beni.
    Tutti e tre possediamo in comunione di beni tre appartamenti di differente valore commerciale-
    Io ed un mio fratello abbiamo partecipato materialmente ed economicamente alla ristrutturazione di due degli immobili attualmente in comunione quando erano ancora in vita i nostri genitori. Mio fratello ha prestato la propria opera lavorativa, io accendendo un mutuo garantito da entrambi i mei genitori con accensione di ipoteca su un appartamento. Mutuo ancora in essere
    Per dividere equamente i beni e determinare il valore di quanto ciascuno avesse apportato alla comunione abbiamo nominato di comune accordo un perito superpartes.
    Il perito si impegnava a valutare i beni ad un valore il più possibile vicino ai valori di mercato ed effettuare la stima dei valori effettuati di mio fratello.
    Purtroppo, nonostante gli accordi scritti, il perito redige una perizia nella quale sono stimati anche lavori non eseguiti da ns fratello, ma dai nostri genitori e mai riconosciuti da noi, per i quali, in parte, esistono anche delle prove documentali. Inoltre computa nella stima, senza il nostro assenso preventivo, una lunga serie di voci, spese a dire da ns fratello a favore della comunione, senza un supporto documentale. Infine, la valutazione si rivela non conferma a quella di mercato, ma effettuata in astratto senza tenere conto dello stato effettivo di ciascun immobile.
    Il ns avvocato provvedeva a mandare al perito una diffida a rispettare i termine della scrittura ma senza alcun successo, anzi il perito, avendo già ricevuto degli acconti della sua parcella, procedeva ad un ingiunzione di pagamento.
    Cosa fare per uscire da questa situazione ed ottenere il rispetto dell'accordo? Cosa accadrà in tribunale nel caso in cui ns fratello vorrà farsi forte a fronte di una perizia che presenta molti punti non corrispondenti al vero?
    Spero di essere stato chiaro e mi scuso per la lunghezza. Confido nel vs aiuto. grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina