1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. soldatino

    soldatino Membro Junior

    Nel nostro condominio l'amministratore in carica ha dato le dimissioni e circa un mese fa c'è stata un'assemblea per nominarne uno nuovo. I condomini avevano deliberato anche sul rispetto delle date per il passaggio di consegne e per la spedizione del verbale ai condomini assenti. A causa di alcuni contrasti sorti con l'amministratore uscente, io ed altri condomini pensiamo che questi stia adottando un atteggiamento ostruzionistico.
    Per contrastare questa posizione pensiamo di chiedere un'assemblea straordinaria ai sensi dell'art.66 delle D.A. del Codice Civile.
    Chiedo a questo autorevole Forum se ritenete che sia la procedura migliore e che cosa poi conviene fare se, anche dopo l'eventuale assemblea, non dovesse cambiare ancora nulla. C'è qualche norma che tutela il condominio in casi del genere?
    Grazie e saluti a tutti
     
  2. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ci si può rivolgere alla Magistratura.
     
    A condobip piace questo elemento.
  3. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sentite un legale che agirà con l'art. 700 c.p.c.
     
  4. soldatino

    soldatino Membro Junior

    Grazie dei suggerimenti. Non mi è chiaro però se il ricorso alla Magistratura deve avvenire in ogni caso dopo aver esperito con esito negativo la procedura prevista dall'art.66.
     
  5. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non comprendo una cosa, avete nominato o no il neo amministratore?
     
    A ergobbo piace questo elemento.
  6. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
  7. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Grazie per l'aggiunta del link.... questo è un quick service !:ok:
     
  8. ergobbo

    ergobbo Membro Attivo

    La domanda è pertinente e avevo lo stesso dubbio...

    Se lo avete nominato, sarà lui a doversi attivare per il passaggio delle consegne!
     
  9. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Ovviamente, ma sembra non esserlo, il problema non è se il neo amm. si attiva ma se il precedente collabora al passaggio delle consegne egregio gobbo :risata:
     
  10. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se non hanno nominato nessun neo amministratore, non c'è necessità di effettuare un passaggio di consegne, per cui non vedo nessun problema, in quanto il dimissionario non è stato sostituito e prosegue in regime di "Prorogato Imperii" con tutti i poteri ed i documenti e cassa rimarranno in sua custodia, sino a che non sarà nominato un successore.
    Per cui la cosa migliore da fare se desiderano sostituire l'amm.re è la procedura art. 66 disp. att. cc.
     
  11. ergobbo

    ergobbo Membro Attivo

    forse, per cercare di essere sintetico, non mi sono spiegato bene.

    Se il nuovo amministratore NON è stato nominato rimane in prorogatio il vecchio e si può procedere ex art 66 ddaa per nominarne uno nuovo. Ma in questo caso non sarebbe stato prospettato il problema del passaggio di consegne... a meno che non vogliano far restituire i documenti "al condominio". Non è possibile, ma spesso la richiesta viene fatta...

    Se invece il nuovo amministratore è stato nominato, sarà lui a doversi attivare per il passaggio delle consegne con il vecchio, ricorrendo se necessario all'art. 700 c.p.c.
    Ma in questo caso una nuova assemblea straordinaria convocata in base all'art. 66 ddaa è assolutamente superfluo e inutile. Che cosa andrebbero a deliberare? le date del passaggio (già deliberate, se non frainteso) che poi l'amm. dimissionario non rispetterà? Il ricorso all'art. 700 da parte del nuovo amministratore?
     
  12. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Infatti, sono ancora incerto, se l'amministratore sia stato nominato o no, se hanno deciso tutto come dice Soldatino nel suo primo post, non so perchè chiede una assemblea a norma art 66 Disp. att. cc, c'è qualche cosa che mi manca all'appello (1. la nomina? oppure 2. il passaggio delle consegne?), in pratica una esclude l'altra per la richiesta dell'assemblea straordinaria, in pratica se hanno nominato il neo amm.re non c'è bisogno di assemblea ed il nuovo deve attivarsi per le consegne, se non l'hanno nominato e desiderano farlo SI, devono (se vogliono) richiederla.
     
  13. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sarà una mia impressione, ma l'amministratore si è pentito di aver rassegnato le dimissioni ed ora vorrebbe ritornare su i suoi passi. :-o:^^::risata:
     
  14. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    POTREBBE il presidente dell'assemblea ricevere la documentazione e riconsegnarla al nuovo amministratore
     
  15. soldatino

    soldatino Membro Junior

    Ho letto tutti i vostri post e vorrei contribuire nel dissipare un po' di dubbi. Il nuovo amministratore è stato nominato ma non è stato ancora contattato dal vecchio per organizzare il passaggio di consegne. Qualcuno di voi parla di ricorrere all'art.700, ma mi chiedo se il nuovo può agire senza una formale investitura da parte dell'assemblea, visto che immagino che questa procedura abbia dei costi.
    Grazie dei vostri buoni consigli
     
  16. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se l'avete nominato regolarmente, non occorre nessun altro atto o investitura o procedura, quello è l'amministratore del vostro condominio.
    In pratica dovrebbe essere lui a contattare l'ex amm.re per stabilite ora e giorno delle consegne, e .... prima sarà meglio sarà.
    Intanto potrebbe procedere a sostituire il nome sul C/C condominiale se c'è e il nominativo sul CF, così da evitare spiacevoli sorprese.
     
    A Alessia Buschi piace questo elemento.
  17. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Soprattutto sul c/c condominiale ;)
     
    A condobip piace questo elemento.
  18. ergobbo

    ergobbo Membro Attivo

    L'importante è che qualcuno gli faccia avere una copia del verbale (meglio ancora l'originale!) con la delibera... altrimenti haivoglia a cercare di convincere la banca che è lui il nuovo!:risata:

    Ma queste sono tutte cose che il nuovo amministratore dovrebbe sapere benissimo!
     
  19. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Speriamo che ne sia a conoscenza :shock::sorrisone::daccordo:

    io lo davo per scontato :ok:
     
  20. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se è stato assunto un nuovo amministratore con relativo verbale in assemblea, il nuovo amministratore deve darsi una mossa per recuperare la documentazione dal precedente amministratore altrimenti cosa vale la nomina ad amministrare???
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina