1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Attenzione, pagheremo meno tasse in quanto il Presidente Mattarella ha tagliato.......

    062991_big.jpg

    Nuovo regolamento al Quirinale voluto da Sergio Mattarella per l'assegnazione dell'uso dell'auto blu.

    Dal 4 marzo scorso, infatti, sono stati notevolmente ridimensionati gli utilizzi delle suddette auto a cominciare dai vertici. Da ora in poi avranno diritto ad un'auto personale solo il Presidente della Repubblica, gli ex presidenti e il segretario generale.

    Vice segretari, consiglieri e funzionari dovranno accontentarsi di un pool di vetture quirinalizie che potranno essere utilizzate solo in caso di bisogno ma con "previa autorizzazione" e comunque per motivi di servizio, in orario d'ufficio ed esclusivamente all'interno del Comune di Roma.

    Tagli anche alle auto per vedove dei presidenti e loro primogeniti conviventi, la norma non è retroattiva e per questo dell'auto blu potranno ancora beneficiare la moglie di Giovanni Leone e la figlia di Oscar Luigi Scalfaro oltre che agli eredi di Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano, ancora viventi, per via dei "diritti acquisiti".

    Cosa dite, fra 50 anni forse avremo 3 0 4 auto blu di meno?
     
    Ultima modifica di un moderatore: 17 Marzo 2015
    A rita dedè piace questo elemento.
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    E ci credi?
     
  3. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non mi riferivo all' articolo...ma alla realtà che fra qualche anno avremo 3 o 4 auto blu in meno.

    Ero piccolo che paralvano di tagliare le auto blu.
     
    A rita dedè e Adriano Giacomelli piace questo messaggio.
  5. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Si ma ragazzi, se leggete attentamente vi accorgete che in realtà cambia molto poco, La moglie di Leone, la figlia di Scalfaro, gli eredi di Carlo Azeglio Ciampi, non sono toccati e quindi continueranno a girare in macchina BLU, Non si capisce perché.
    I dipendenti continueranno a girare ma solo se autorizzati e nel Comune di Roma??!!??.
    Tagliare è un'altra cosa, vuol dire cominciare a non dare più servizio di autisti a nessuno, di manutenzione, regalategli alla Figlia di Scalfaro la Macchina e che d'ora in poi si metta la benzina e il suo real sedere alla guida. STOP! ma STOP veramente di questi privilegi, in un paese dove la classe media e diventata povera, ma povera veramente!
     
    A Gianco e rita dedè piace questo messaggio.
  6. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Si ma ragazzi, se leggete attentamente vi accorgete che in realtà cambia molto poco, La moglie di Leone, la figlia di Scalfaro, gli eredi di Carlo Azeglio Ciampi, non sono toccati e quindi continueranno a girare in macchina BLU, Non si capisce perché.
    I dipendenti continueranno a girare ma solo se autorizzati e nel Comune di Roma??!!??.
    Tagliare è un'altra cosa, vuol dire cominciare a non dare più servizio di autisti a nessuno, di manutenzione, regalategli alla Figlia di Scalfaro la Macchina e che d'ora in poi si metta la benzina e il suo real sedere alla guida. STOP! ma STOP veramente di questi privilegi, in un paese dove la classe media e diventata povera, ma povera veramente!
     
  7. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    L'articolo spiega anche che la norma non è retroattiva, quindi non può toccare l'esistente alla stessa. Immaginatevi poi i ricorsi che ci andrebbero a fare, ne verrebbe fuori altro casino ed altro esborso di danaro pubblico per i ricorsi (tipo i tagli sulle pensioni d'oro o sui ricorsi degli ex consiglieri provinciali, comunali e regionali per i vitalizi).

    La cosa buona è che da Mattarella in avanti (anche i suoi figli,parenti, coniuge) stando all'articolo cambieranno un pò di cose...speriamo che sia la volta che dal buon proposito si passi all'atto effettivo.

    Poi c'è anche questo: Mattarella, nuova operazione simpatia | Il capo dello Stato “apre” le porte del Quirinale | Si24 - Il vostro sito quotidiano - Giornale di cronaca, politica, costume, società. Notizie dall'Italia e dal Mondo

    Si può fare anche meglio, ma diamo atto finalmente di una presa di coscienza dei problemi reali da parte dei vertici dello Stato italiano.
     
    Ultima modifica: 16 Marzo 2015
  8. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Ma sicuro che è un segnale, ma..... il Quirinale ha ancora, come sotto Napolitano 900 addetti alla sua sicurezza, quando Obama ne ha 700? Obama si toglie dai suoi 250.000 dollari, deve rifondere i pranzi alla casa Bianca suoi e della sua famiglia! E l'America è un po' più ricca dell'Italia!
     
  9. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Ci vorrà un po' di tempo per un cambio totale di mentalità. L'importante è aver iniziato a capirlo.
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  10. diaria

    diaria Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Ma perché le norme retroattive per gli esodati e per alcune pensioni non sono state osservate? Figli e figliastri?
     
  11. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il problema si potrebbe risolvere mettendo in discussione definitivamente il concetto ( per me stolto....!!!) di Diritto Acquisito. E non c'è bisogno di partire da lontano per farlo saltare.
    L'organizzazione pubblica non può prescindere da quella privata...
    Il lavoro nasce prima nel privato...nel pubblico segue...potremmo risalire fino alle caverne per dimostrarlo...
    Una volta resa fondamentale tale premessa, si procederà a verificare cosa può accadere nei contratti di lavoro fra impresa e
    dipendente. Ora salto vari passaggi ed arrivo ad ipotizzare questo
    colloquio fra il primo e il secondo: "Collaboratore caro...siamo in difficoltà...prima di chiudere ti (vi) propongo la riduzione dei benefit e successivamente dello stipendio..." Lascio a voi il facile prosieguo e .....trasferiamolo al pubblico...
    "Caro dipendente pubblico, è vero che nel concorso che hai superato vi erano anche le condizioni remuneratorie...ma è vero anche che le stesse erano rapportate, sia pure implicitamente, alla situazione economica generale del Paese di quel periodo....Ora le condizioni sono peggiorate e siamo costretti a tagliare in proporzione, partendo prima dai benefit..." Omissis...
    Altrimenti non si capirebbe tutto questo starnazzare sul default...
    E in Grecia comunque è stato fatto e il principio del Diritto Acquisito è andato a farsi fot...re...Naturalmente con il contributo di tutti...nessuno escluso...e ben distinguendo fra eccezione e dovere...La protezione delle altissime cariche dello Stato non è una
    eccezione...è semplicemente un obbligo doveroso...Cosa ne dite???
    Quiproquo.
     
  12. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Può darsi, non posso dirtelo con certezza non essendo nella "sala dei bottoni".
     
  13. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Come premessa è condivisibile...ma verrai tacciato di populismo e fascismo.
     
  14. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non ho capito. Ti riferisci a quel che ha scritto (10) ...quiproquo??? Si o no??? Grazie.
     
  15. uragano

    uragano Membro Attivo

    Professionista
    facciamo che mettiamo il
    Jobs Act
    a tutti questi accattoni e non aggiungo altri epiteti ne avrei per ore.
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  16. uragano

    uragano Membro Attivo

    Professionista
    applichiamo il
    Jobs Act :risata:
    anche a questi cialtroni e mi fermo qui perche' di epiteti da aggiungere ne avrei per ore.
     
  17. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    D'accordo su tutto l'unico neo che posso contestarti è il discorso privati e pubblico.

    Il pubblico può essere da volano per il privato ed al pubblico spettano scelte che possono condizionare il futuro del privato.
    Esempi?? L'autostrada del sole quando l'hanno creata non esisteva un collegamento veloce tra Nord e Sud e dopo averla realizzata molte aziende capendone le potenzialità si sono affacciati su di essa...oltre Autogrill c'erano molte (oggi un po meno causa crisi) aziende/magazzini intorno a questa ed altre autostrade italiane.
    Prima mi crei il collegamento veloce (che serve comunque a tutti per spostarsi) poi io mi ci affaccio con i magazzini. Tutto ciò a cavallo tra gli anni 60/70 quando l'Italia era ancora nel pieno del boom economico, anzi ciò è stato uno dei fattori del boom economico.
    Lo Stato deve creare prima le infrastrutture, oggi si parla di autostrade "digitali" ,in sostanza creare le infrastrutture per internet super veloce 200/300mB al sec contro il 20mb/sec attuali). Dopo questo i privati possono crescere, no prima (ecco il perché degli investimenti pubblici).
    La tempistica quando lavori è più che fondamentale però il tutto deve partire (le cose fondamentali) dallo Stato.
     
  18. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Io le toglierei a tutti, con quello che prendono possono comprarsela la macchina, metterci la benzina e pagarsi un autista. Tutti, presidente compreso.
     
    A Adriano Giacomelli, Daniele 78 e quiproquo piace questo elemento.
  19. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Caro Daniele, lungi da me estendere il dilemma pubblico-privato
    come l'hai allargato tu...Se vuoi, dato la sempre grande attrazione dell'argomento, possiamo parlarne...ma io intendevo limitarmi
    ai Diritti acquisiti che, per esempio, i magistrati reclamano quando
    solo si adombrano dei tagli ai loro emolumenti per non dire delle tante settimane di ferie loro concesse...Niente di più, niente di meno. Comunque sono d'accordo con te e aggiungo che le grandi opere pubbliche tali devono partire e tali restare, salvo concessioni gestionali ai privati ben controllate sempre dallo Stato. Questo sulla carta...poi amaramente constatiamo che da lì partono la grande evasione e la grande corruzione...E il tutto ci porta a rimpiangere che nella dittatura sono pochi (???) a rubare...mentre in democrazia sono tanti e troppi...Sarei curioso di conoscere cosa
    avesse lasciato Mussolini ai suoi eredi...non solo lui ma anche
    Hitler...Stalin...e quello spagnolo, argentino, brasiliano ecc...
    e poi ci sarebbero anche i Re e i principi...Forse sto divagando
    (sono quattro giorni che ho la febbre con dolori articolari...)
    e ti saluto cordialmente. Quiproquo.
     
    A rita dedè, Gianco e Daniele 78 piace questo elemento.
  20. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Certo, posso darti un'idizio, l'elevata burocratizzazione comporta il più delle volte che per partire anche con opere meno complesse di un'autostrada (tipo una residenza con più abitazioni) ci voglia doppie triple quadruple richieste (Comune, Poi devi richiedere delle autorizzazioni paesaggistiche in Regione), o anche solo per comunicare la fine realizzazione dei contatori all'ENEL devi per noi di Biella comunicare la fine lavori, a Biella (al'ufficio provinciale), a Milano (una delle sedi per il Nord Italia) e a Potenza (dove stanno i numeri verdi)...e sto parlando di stupidate.

    Nei grossi lavori (TAV, MOSE o autostrade) tu le stesse comunicazioni come impresa che realizza dei lavori per lo Stato le mandi a Regioni, Province interessate e Comuni, ed eventualmente tutti gli Enti che possono riesntrarci ASL ecc.
    Non solo, se tu fai una di queste grandi opere TU (o Come impresa o come Stato) se di li vuoi passare o con un ponte o con una galleria devi pagare lo "scotto" (e non sono cifrette).
    L'alternativa che hai è fare opere, in quei Comuni interessati dal passaggio di queste grandi arterie di comunicazione.
    Esempio rifare il ponte d'accesso al paesino a seguito dell'allargamento dell'autostrada (tipico dalle nostre parti se non sei tanto distante dall'A/4), oppure il rifacimento di parcheggi ed aree veridi o la piantumazione di alberi, o ancora la sistemazione della casa comunale, della biblioteca comunale o di altre attrezzature pubbliche di quei paesini lì. se non le fai ti mandano e si creano mille comitati NO autostrade, NO Tav, No Mose, NO nucleare No questo e NO quello. Siamo il Paese dei NO a priori, del NO ideologico salvo poi non poterne fare a meno.

    1) Venezia può fare a meno del MOSE?? SI se non ti frega che ad ogni mareggiata vada costantemente sott'acqua di un metro minimo
    2) L'Italia può fare a meno della TAV?? Certo se poi mi potenzi le autostrade e privilegi il trasporto su gomma (aumentando le emissioni in CO2) a meno che non si voglia tornare al trasporto animale...perchè con i vecchi treni (lenti e sempre in ritardo) se devi spostarti per lavoro è meglio spararsi
    3) L'Italia può fare a meno delle nuove linee superveloci? Certo che si, ma poi non ti devi lamentare se hai connessioni lente sul PC, se per aprire un sito e fare comunicazioni ci metti na vita...perchè alla connessione gioca un ruolo fondamentale.
    4) Puoi fare a meno del Nucleare? Certo, però non lamentarti se poi tu l'energia la paghi un 20/30% più degli altri e la compri anche da quei Paesi (come la Francia) che mettono pure anche le centrali al confine con l'Italia, e non lamentarti se poi per oltre il 70% dell'energia tu la compri all'Estero (perchè questa è la situazione) :Eurostat certifica il crollo dei consumi energetici | Rinnovabili

    Se sei disposto a fare a meno di determinate migliorie meglio considerare anche le conseguenze (lo stallo non solo a livello lavorativo, ma anche a livello dei trasporti per esempio) e per quanto rigu



    Tutto ciò ha un costo non indifferente che (oltre alla disonestà di alcuni dirigenti e di alcune aziende) crea questa cosa qua: I RITARDI DELLE OPERE INCOMPIUTE COSTANO 800 MILIARDI DI EURO
    Inoltre ciò è portato anche dalla corsa al massimo ribasso (che non tiene conto della professionalità degli operatori o comunque non lo fa in maniera convincente), questi sono le cause di ciò che ho portato sopra, e per eliminare il problema alla radice andrebbero prese di petto le cause.

    Fortunatamente si sta anche lavorando per eliminarne delle cause (do sempre atto almeno alla volontà di fare) eccole qua: TRASPARENZA E SICUREZZA NEI CONTRATTI PUBBLICI: ECCO LE GUIDE DI ITACA
     
    Ultima modifica: 17 Marzo 2015
    A Gianco e quiproquo piace questo messaggio.
  21. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    :):rabbia::confuso::applauso:Finito, meno male mi sembrava di essere stralunato, non lunato però, e pensare che avete pure contribuito ad eleggerli BOH
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina