1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Cari amici,

    ancora una volta il popolo greco è stato calpestato dai cosiddetti "potenti della terra", che hanno deciso sulla loro pelle di caricare altri debiti che non potranno pagare.

    Tutto questo è profondamente ingiusto e inutile, perchè la situazione in futuro non potrà cambiare.

    La Grecia è tecnicamente in default!

    Sarebbe conveniente per tutti se uscisse dall' Euro, dichiarasse insolvenza, e ricominciasse a vivere con una moneta inflazionata, adatta a creare economia conveniente per le esportazioni e il turismo.

    Invece la Grecia è stata condannata a viaggiare dentro il treno dell' Euro, perchè i banchieri creditori non vogliono pagare di tasca propria i guai che hanno provocato prestando soldi incautamente.

    I debiti greci aumenteranno ancora in moneta forte, e i cittadini greci saranno costretti a pagare questi debiti con aumenti di tasse e decrementi di servizi pubblici.

    Inizio ad essere scettico riguardo ai vantaggi della moneta unica, che non nego ci siano stati in passato, perlomeno apparentemente.

    Però bisogna chiederci cosa è meglio:
    ...leggi tutto l' articolo sul blog:
    Buone parole: Quanto ancora dovrà soffrire la Grecia prima di fallire?
     
    A fiorello64 e piace questo messaggio.
  2. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    e NOI ? cosa pensi ? che in Italia si viva meglio ? l'errore e' ed e' stato quello secondo il quale per l'ingordigia di pochi siamo stati calpestati in molti ! ad esempio : dove sono i RISPARMI di una vita della maggiorparte dei cittadini ? l'errore e' stato anche quello di voler imityare un paese ,Stati Uniti d'America, dove almeno esiste la comunanza di lingua e religione ed hanno leggi permissive ma conservatrici...NOI non abbiamo NEPPURE quello
    l'attuale situazione europea mi ricorda tanto una vecchia "trappola" che avevo da bambino.....le mosche ci si attaccavano ma non potevano piu' liberarsene !
     
    A piace questo elemento.
  3. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    abbiamo al governo europeo dei luminari almeno spero? e se non riescono loro a disbrigarsi dei problemi della Grecia, figurarsi noi del piccolo:^^:forum la vedo brutta per quella nazione che in poco tempo anno voluto imitare certi paesi progrediti e non erano preparati, come noi con il problema Napoli, chi riuscirà a risolverlo???? non certo i napoletani che cercano di remare contro ad ogni soluzione che viene presentata, ANZI svuotano i cantinati con masserizie che potrebbe rimanere nelle cantine fino a quando la situazione potrebbe migliorare. Ciao:daccordo:;):idea:
     
  4. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    Mi è sembrato di sentire solo GRIDA DI PROTESTA. Sicuramente i responsabili ci sono e forse sono i banchieri, ma non sono i soli. Quando la Grecia si indebitava i suoi ministri, i suoi sindacati dov'erano. Qualcuno poco tempo fa disse che come trottava la Spagna in economia non trottava nessuno, che l'italia era stata sorpassata e doppiata dalla Spagna e si quella di Zapatero (progressista doc) era la vera amministrazione della cosa pubblica da indicarsi a modello. LUNGI DA VOLER FARE VALUTAZIONI POLITICHE, credo che le fortune di prima degli stati oggi in crisi++ si sono fondate in un aumento smisurato del debito pubblico fondato su un credo di un futuro sviluppo che una crisi mondiale ha bocciato senza se e senza ma. Il mercato è una bestia che si governa da sola e quando ha fame inghiotte tutto e tutti. La cosa che mi lascia perplesso e credo che colpisca me e chi mi ha ascolta è la disinformazione sistematica dei sistemi economici e finanziari, generando rappresentazioni di scenari economici che sono solo nella mente di chi li ha creati, scenari che vengono rigettati dal mercato subito dopo poiché non trovano consistenza.
    Credo e Spero che in Italia la cosa sia diversa anche se in una emergenza economica che coinvolge il pianeta.
     
    A maidealista piace questo elemento.
  5. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Mi sembra invece che le valutazioni politiche siano da fare amico mio.

    L' economia è politica. Le considerazioni politiche sono costruite in base a visioni ideali ed economiche.

    Negli ultimi decenni ci hanno fatto credere che il mercato globalizzato era la scelta migliore per redistribuire le ricchezze economiche tra i popoli in modo equo.

    Evidentemente ci hanno raccontato una bufala, se erano in buona fede; se invece erano in malafede ci hanno propinato delle gran balle.

    Comunque non siamo condannati a proseguire in una strada sbagliata.

    Gli stati possono riprendersi il potere che hanno ceduto incautamente ai mercati finanziari, se i popoli hanno il coraggio di riprendere in mano il loro destino.

    E' ora di ricominciare a parlare di ingiustizia, laddove l' ingiustizia si manifesta.

    Le ricchezze private esagerate devono essere ridotte per legge.

    Devono esserci dei rapporti massimi consentiti tra gli stipendi più alti e quelli più bassi nelle aziende.

    Deve essere proibito agli stati di indebitarsi con capitali stranieri.

    ...queste sono solo le punte dei problemi, che però qualcuno deve iniziare a discutere, perchè dalla soluzione di questi problemi dipende il futuro dei nostri figli.

    Di seguito vi lascio l' ultima analisi video che ho visto, che trovo interessante nei contenuti:

    [video]http://www.vloganza.tv/2011/06/forex-come-uno-squalo-alla-ricerca-del.html[/media]
     
    A piace questo elemento.
  6. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    Stai parlando in effetti di politica e quello che mi fa paura la coercizione degli eventi. Non puoi stabilire a priori chi, come, quando e quanto deve guadagnare. Forse nel mondo robotizzato degli uguali potrebbe funzionare, ma no nel mondo degli esseri umani che se pur fratelli sono diversi tra loro indipendentemente dal colore della pelle e dalla capacità di reddito. Forse quel che manca nel libero mercato é l'onesta di azione, di pensiero, ecc.. che lo rendono una giungla impraticabile. Purtroppo indietro non si torna, non si può tornare le regressioni fanno male anche quelle psitiche. Condivido il tuo disagio che anche mio ma non posso essere d'accordo con te.

    Aggiunto dopo 6 minuti :

    Se in Grecia non riusciranno a frenare la tendenza ed a invertirla dopo, FALLIRA' miseramente e saranno sempre più poveri perchè la loro economia collasserà. Metteranno in difficoltà l'area euro che non ha un'ottima salute tutt'altro. Quando e se questo avverrà ce ne accorgeremo dall'esodo di chi é arrivato qualche tempo fa, si riprenderà la sua carretta abbandonata e se ne tornerà da dove e venuto, se non verso posti migliori ma comunque diversi dall'Europa.:ok:
     
  7. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Evidentemente non mi sono spiegato.
    Tutto ciò che sta avvenendo nel mondo, indica che i mercati finanziari vogliono gestire il potere degli stati di valutare le cose.

    Ciò comporta che i ricchi hanno la possibilità di comandare senza alcun limite sociale.
    Inoltre comporta che i poveri perdono progressivamente ogni diritto sociale, perchè il lavoro sta diventando sempre più precario in tutti i settori.

    ....perchè, ci dicono, è la legge del mercato.

    Tutto ciò non è vero; è un illusione creata perchè così fa comodo a chi oggi è avvantaggiato da questa situazione (pochissimi straricchi).

    Il valore economico non può essere stabilito dal mercato, perchè il mercato non è in grado di dare valore alle cose che contano nella vita (l' amore, la natura, il valore della persona umana, la cultura, la medicina, la coesione sociale, etc...etc..).

    L' unica attività del mercato è convincerci con ogni mezzo a spendere soldi per comprare cose che non ci servono.

    Io non accetto questa realtà, e voglio cambiarla, a partire dalle comunità residenziali che abitano in condominio, le quali sono costrette perlomeno a guardare la realtà dei beni che hanno in comune, che lo vogliano o no.

    Non voglio credere che non abbiamo più speranza, e che possiamo soltanto adeguarci e metterci a correre per diventare ricchi.

    Io mi ribello, amico mio!
     
    A piace questo elemento.
  8. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    Bravo Azzaretto......ribellati ma....se mi dici COME ....vengo pure io ! ...in quanto al resto sono pienamente in accordo con te
     
  9. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    Infatti il mercato non da valore alle cose che dici tu, da valore ai beni e quindi al lavoro ma non alla dignità del lavoratore ecc. pertanto quei valori o la nostra società (il nostro pianeta) ce li ha dentro l'anima o li ricercheremo invano. Indignarsi SI per prendere coscienza SI, per trovare un capro espiatorio al di fuori di se NO; diventerebbe un giustificarsi con se stesso. Vero che il pensiero di un solo non conta, ma il pensiero univoco di tanti soli diventa una corrente di pensiero e potrebbe cambiare tutto. Buona meditazione a tutti!
     
  10. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    purtroppo il discorso e bello e tutti anno ragione, è come il gatto che si morde la coda, bisogna produrre e consumare per creare lavoro, bisogna risparmiare e non sprecare, e comprare cose solo utili, e così come crei lavoro se non partono i consumi? anche se sono voluttuari, ma servono per creare lavoro e con esso il consumo serve per far girare l'economia, si potrebbe continuare allinfinito ma il discorso è sempre quello, tutti voglio che sia fatto, ma fatto dagli altri o nel palazzo accanto e non nel nostro?:daccordo:
     
    A salvo cervino piace questo elemento.
  11. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    A proposito della Grecia, già oggi i fatti contrastano con la volontà politica della Banca Centrale Europea di voler tenere questa nazione a tutti i costi dentro l' euro.

    I mercati non ci credono (e a mio giudizio hanno ragione di non crederci).

    La Grecia è fallita. Decotta. Non è più in grado di far fronte ai propri debiti, e pertanto non può caricarsene degli altri.

    Deve ristrutturare, e far pagare ai creditori la gran parte delle perdite.

    I cittadini Greci hanno diritto al loro futuro. Questo diritto vale di più del diritto delle banche a conservare integri i propri crediti.

    Per saperne di più vi segnalo questo articolo:
    Default Grecia solo rimandato, spread Btp/Bund sale a 211
     
    A piace questo elemento.
  12. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    i crediti delle banche sono i nostri depositi, è impensabile affidarli a chi non è stato capace a dare garanzia dei depositi, è facile per azzaretto creticare chi tenta di conservare i crediti, come puoi chiedere un credito alla banche se non puoi mantenere l'impegno assunto? come può fare il fondo monetario gestire i nostri fondi che devono amministrare, se non dietro specifiche garanzie, tutto questo non ha seguito se non ci fidiamo di noi stessi, e questo è solo all'inizio, altri stati sono sul precipizio come la grecia, e con queste premesso dove andranno a recepire i crediti ed da chi:daccordo:
     
  13. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    GURU cerchiamo di capirci, la parola fallita è troppo grossa nel suo significato e prima di dire starei un attimo attento. L'azienda Grecia si é indebitata, perché ha vissuto oltre le sue possibilità, ha consumato di più di quanto prodotto; in termini di: assistenza, salari, pensioni, esport/import, turismo in/out. Come ha coperto il debito ricorrendo al credito. Poiché i tassi sono relativi alla credibilità di un paese i prodotti finanziari della Grecia hanno un tasso alto perché alto é il rischio e c'é la possibilità che alla scadenza gli investitori vogliano i loro soldi e non si accontentino più degli interessi.
    Ora debbo staccare più tardi ti dico il resto
     
  14. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    I guai non li ho creati io, ma un sistema finanziario malato.

    ....tanto per la cronaca, è giusto sapere che i soldi in ballo sono molti di più dei crediti che le banche e la Bce vantano verso lo stato greco.

    Nessuno sa quanti Cds (Crediti in caso di default) siano stati emessi per il caso Greco.
    Nessuno sa chi li detenga.
    Nessuno sa se le assicurazioni potranno pagare, quando la Grecia fallirà.

    Le tegole di questa valanga cadranno sulla testa di tutti in modo variegato.
    Se può consolarti, ti posso dire che rischia di più chi ha molti soldi investiti in titoli finanziari (Io non ne ho).
    Chi invece ha debiti è contento, perchè la svalutazione ne abbasserà il valore reale.

    Inoltre per un tempo indeterminato credo che i tassi di interesse resteranno bassi, perchè con un clima di quasi recessione come quello attuale sono convinto che le banche centrali si guarderanno bene di aumentare i tassi di interesse.

    Pertanto, allacciamoci le cinture e prepariamoci a salire sulla giostra!
     
    A piace questo elemento.
  15. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    i problemi dell'europa sono vari ma i più evidenti sono quei stati dove hanno voluta fare spese eccessive oltre a quanto abrebbero potuto spendere, hanno voluto dare assistenza sanitaria a tutti, anche ha quelli che non ne avevano diritto, hanno dato la sociale a tutti quelli che non ne avevano diritto, non versando nulla nella casse dell'INPS, con l'immigrazione di questi ultimi tempi poi l'assistenza sia sanitaria che finenziaria cade su chi ha versato dei contributi ed ora non rientrano più nei parametri di averne diritto perchè c'è stato un'invasione di essere umani da altri stati, per avere assistenza o ricovero devi metterti in coda x mesi, anche se hai pagato in anticipo i tuoi diritti, fai un giro in questi luoghi e vedi che è sempre presente nei centri sanitari, gente che ha acquisito il privilegio e non ha diritto non avendo versato nulla allo stato italiano greco spagnolo e sono gli unici stati sull'orlo del baratro finanziaria. e questo senza entrare nella nostra politica, sia di maggioranza che di opposizione non fanno altro che garantirsi il seggiolone e nient'altro senza nessuna idea tutti vogliono tagliare e bisogna tagliare, ma dove nel giardino del vicino e non nel nostro, questo è il problema ciao e buona lettura:fico:
     
    A salvo cervino e piace questo messaggio.
  16. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    per tutti : la Grecia NON fallira'...troppi interessi in giuoco e troppo da spartire ....i POTENTI stanno valutando la situazione e,specialmente gli USA,stanno simulando un effetto "domino" europeo...ma solo "simulando"...per ora !
     
  17. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    Ho ripreso adesso e ho letto quanto avete scritto. Purtroppo alla fine mi pare che concordiamo si è speso di + di quello che era la capacità di spesa ma non un po di piu ma molto di piu 2, 3 ... volte la possibilità. La conseguenza di tale circostanza il mercato l'ha sputata fuori. Siamo stati noi a condizionare l'evento che il mercato non ha assorbito e si è rivoltato contro. Non so se sono stato comprensibile, ma mille pensieri mentre scrivo mi affollano la mente. Sono molto dispiaciuto ma è una realtà di cui dobbiamo tenere conto.
     
  18. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    per salvo cervino : sei GRANDE ! ma mi sai dire (scusa l'ignoranza) cosa e' questa bellissima invenzione secondo la quale "ABBIAMO speso piu' del previsto ?..." ma dove siamo arrivati !?!:-o al punto biblico nel quale il Signore da' ed il Signore toglie ? hai MAI potuto veramente decidere da te ? ...o pure tu ti lasci "imbonire" da sti quattro mondialimbrogliatori ? mi sai dire COSA e' VERAMENTE il "debito pubblico" ?da dove nasce ? perche' NON e' MAI stato bloccato prima ? ti sei mai fatto due conti per vedere QUANTO effettivamente questi (tutti indistintamente) SPERPERANO alla faccia nostra ?come mai LORO (tutti) hanno auto blu e privilegi di ogni sorta e tu no ? credi VERAMENTE che possano VALERE piu' di TE ?:risata:
     
    A Antonio Azzaretto piace questo elemento.
  19. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    HANTON la mia nonna che adesso non c'é più, e mi manca tanto, diceva l'albero pecca e il ramo riceve. Siamo tutti responsabili di aver sbagliato a scegliere chi doveva governare. Forse non abbiamo capito o forse non ci hanno spegato, forse abbiamo frainteso, forse ci faceva comodo quel dollaro in + in busta paga e per noi il sindacato aveva ragione. La verità vera è che per anni siamo andati avanti (sia destra che sinistra li considero tutti uguali e da scartare ) senza programmazione alla giornata mi serve questo e dai che ti do questo...... finchè c'è stato il mare grande nessuno si è preoccupato oggi i conti sono globali e niente è come prima e stai tranquillo che nulla è come appare.
     
  20. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    ehhhhhh...e' proprio così..pero' io dico che NON LI ABBIAMO SCELTI ma CE LI SIAMO RITROVATI ! esempio : quando hanno indetto il referendum per o contro il finanziamento PUBBLICO ai partiti tu che hai fatto ? io so solo che hanno vinto i "NO" ma,e di questo son piu' che sicuro, stai tranquillo che nel "debito pubblico" una buonissima parte VA ai partiti...ergo subiamo una imposizione sommersa ma imposizione sicura...vogliamo poi spiegare che nel debito pubblico crescente ci sono dentro tutti gli stipendi e facilitazioni etc di tutti i ns mangiapane a tradimento ?... .insomma questo che ti ho appena detto e' l'assioma che conferma il tuo "NULLA E' COME APPARE ".....sindacati ?roba obsoleta che ANCORA succhiano sangue inutilmente
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina