1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ANTOPE

    ANTOPE Membro Attivo

    Ambito: successione ereditaria di una casa avente come eredi la moglie del defunto e i loro 8 figli. La casa era di proprietà di entrambi i genitori.
    1° Quesito : come viene suddivisa la proprietà della casa tra la moglie e i loro figli; voglio dire qual'è la percentuale di proprietà spettante in questo caso ad ogni erede?
    2° Quesito : la quota di eredità spettante ad ogni figlio sposato in comunione dei beni va intestata interamente al figlio o va suddivisa con il relativo coniuge?
    Grazie
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    1°-Al coniuge spetta il 33,33% del patrimonio
    oltre al diritto di abitazione.
    Agli 8 figli va complessivamente il 66,66% del patrimonio
    ripartito fra ciascuno.


    2°-Salvo diversa convenzione i beni ricevuti in eredità o per donazione non entrano nella comunione fra coniugi.
    Art. 179 del Codice Civile.
     
  3. ANTOPE

    ANTOPE Membro Attivo

    Essendo i coniugi comproprietari della casa, la quota del bene che va in eredità è il 50%, visto che l'altro 50% è già di proprietà della moglie del defunto, giusto?
    Quindi la quota di proprietà della casa sarebbe del 83,33% ( il suo 50% più l'altro 33,33% ereditato).
    E' così Dimaraz?
    Grazie
     
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ovviamente il mio "100" si riferisce a quanto è in successione.
    Se un bene era in comproprietà (es. Casa di abitazione) la quota ereditaria è solamente il 50% ...l' altra parte resta comunque di proprietà della vedova.

    Nel tuo calcolo sbagli le somme.

    La vedova è prorietaria del 50% (perche in comunione) a cui và sommato 1/3 (33,33%) del rimanente...e il totale, secondo quanto previsto dall'aritmetica, corrisponde a 4/6 ovvero il 66,66% del bene.

    50% + 50%x1/3 alias 1/2 + 1/2x1/3 alias 66,66%...tanti modi di dire la stessa cosa.
     
  5. ANTOPE

    ANTOPE Membro Attivo

    Ok. Ho fatto confusione di numeri, ora è chiaro, grazie per la disponibilità.
    Saluti
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Vorrei far notare un particolare. Giusto quanto finora detto: l'importante è che la casa sia intestata, perché acquistata da entrambi i coniugi ovvero costruita dagli stessi sul terreno acquistato in comune. Per essere in comproprietà non è sufficiente che l'immobile l'abbiano acquistato assieme ed eventualmente intestato ad uno dei coniugi in assenza di comunione dei bene, intervenuta successivamente. In tal caso cambiano le quote. Infine, è importante precisare che non deve esistere alcun testamento.
     
  7. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    Più chiaro di così
     
  8. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    si sbagliano i calcoli perché si usano le percentuali anziché le frazioni:
    1/2 proprietà del marito + 1/2 proprietà della moglie = 1 cioè l'intero.
    Muore il marito senza fare testamento:
    1/3 di 1/2 va alla moglie cioè 1/6
    2/3 di 1/2 vanno agli 8 figli in parti uguali cioé 1/3:8 = 1/24
    quindi il nuovo assetto delle quote di proprietà dopo la morte del genitore sarà:
    alla vedova 1/2 + 1/6 = 4/6 che espressi in 24mi diventano 16/24
    a ciascuno degli 8 figli 1/24
    Verifica; 16/24 + 1/24 + 1/24+ 1/24+ 1/24+ 1/24+ 1/24+ 1/24+ 1/24 = 24/24 cioè ancora l'intero.
     
  9. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Puoi usare tutti i sistemi che vuoi...ma se non stai attento o non conosci la matematica l'errore capita con qualunque metodica.
     
  10. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Condivido pienamente tuttavia 33,33% più 66,66% = 99,99% c'é qualche briciola che va a qualcuno e questo è motivo di litigio. Se invece si usano le frazione il risultato finale deve sempre dare 1 cioé l'intero cioé il 100%.
     
  11. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    oddio...pure se dividi per 24 ti escono dei decimali.
    1/24=0,041666666(periodico6)
     
  12. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    verissimo: ma se permetti una cosa è la somma di frazioni che portano all'unità cioé al valore del bene intero, un'altra cosa è arrivare al 99,99% della medesima. Concettualmente di chi è lo 0,01% di proprietà? Poi, che il dividere il valore di un bene porti a valori da arrotondare secondo la moneta in uso, il centesimo di €, questa è un'altra faccenda.
    Hai mai dato un occhio al costo dell'energia? i prezzi arrivano fino alla quarta cifra decimale.
     
  13. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    ma l'energia ti da la carica:disappunto::ok:
     
  14. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Con le frazioni puoi inizialmente non arrotondare ...ma poi alla fine dovrai comunque farlo.
    Con valori in % lo fai direttamente corrispondendo il 33,33% ad una parte ed i 66,67% all' altra.
    Poi eventualmente in funzione della grandezza dei valori in gioco puoi essere ancora più preciso.
    Prendere lo 0,01% di 100 Euro non frega a nessuno...ma se si tratta di 1 miliardo di Euro...qualche emulo di Molierana memoria potrebbe impuntarsi.

    Questo comunque è un aspetto secondario...si diquisiva sul "metodo" che non fà commettere errori: non esiste!!!

    Puoi commettere errori con le % così come con le frazioni.
     
  15. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Usare le frazioni implica uno sforzo mnemonico in quanto richiede il fare delle operazioni ormai desuete. Molti non saprebbero neanche incominciare.
    Usare la % è più comodo tuttavia già facendo 33,33% (1/3) e 66,67% (2/3) fai un arrotondamento; poi se per le vicissitudini famigliari una delle due percentuali andasse ulteriormente suddivisa se usi le frazioni rimani preciso se usi le percentuali arrotondi ulteriormente aumentando la discrepanza tra valore percentuale e valore frazionario. Poi applicando il valore percentuale ad una cifra fai un ulteriore arrotondamento; con le frazioni l'arrotondamento lo fai una volta sola.
     
    A Gianco piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina