1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Partenopeo

    Partenopeo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    "L’art. 12 bis della legge 1 dicembre 1970 n. 898, dispone che il coniuge nel cui confronti sia stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, se non passato a nuove nozze e titolare dell’assegno divorzile, ha diritto al 40% dell’indennità di fine rapporto, riferito al periodo in cui il rapporto di lavoro era svolto durante il matrimonio".
    Nel mio caso: sono stato separato dal 1992 al 2014 e sempre nel 2014, divorziato. La mia ex moglie non lavora, non si è risposata, e "gode" di un assegno di mantenimento - a vita. Per il suo attuale stato di salute mentale percepisce un assegno di invalidità ed è amministrata da un legale. Nella sentenza di divorzio si dispone solo dell'assegno, rivalutabile, senza alcun altro riferimento. Abbiamo un immobile di proprietà al 50%.
    Domanda: visto che sto cercando di favorirne la vendita, abbassando il prezzo rispetto alla perizia giurata, è legale, se inserisco nell'accordo con l'Amministratore di sostegno, la sua rinuncia al 40% del TFR che percepirò ( spero) quando andrò in pensione?
    Altra domanda : il 40% del TFR è rapportato agli anni convissuti fino alla separazione o fino al divorzio ?
    Vi ringrazio per la disponibilità. Saluti
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Letteralmente è indicato "riferito al periodo in cui l rapporto di lavori era svolto durante il matrimonio"...quindi il 40% non potrà certamente riguardare il periodo successivo al 2014.

    Per quanto riguarda l' inserimento di clausola di rinuncia nell'accordo con l'Amministratore dubito sia lecita...ma soprattutto che possa essere accettata.
    Mi risulta che per simili "atti" serva l'autorizzazione del Giudice.
     
    Ultima modifica: 25 Giugno 2015
  3. Partenopeo

    Partenopeo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Sicuramente non riguarderà il periodo successivo al 2014, ma quale è l'intervallo di tempo da prendere in considerazione ? La data di separazione legale o quella del divorzio ? Pensi che occorra esplicito consenso del giudice tutelare?
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Lo dice la norma che tu stesso avevi citato:
    "anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio".
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina