• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Gugli

Membro Attivo
Nel caso di frazionamento di un immobile in più Unità Immobiliari con relativa realizzazione di stalli nel resede serve un Permesso di Costruire in quanto c'è un mutamento irreversibile del terreno?
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Basta invertire l'ordine delle parole ed emerge la domanda del nostro. (Forse....)
Provo a tradurre:

Che pratica edilizia occorre per frazionare un terreno e realizzare più posti auto catastalmente individuati?
 

Gugli

Membro Attivo
Non capisco perchè non capite ... ma evidentemente è Colpa Mia ... ripeto:
gli stalli verrebbero assegnati a seguito del frazionamento di un immobile in questi termini in quanto ho un edificio, lo fraziono e cerco di realizzare nel resede gli stalli nonchè posti auto per ogni U.I.

* * * * *

Titolo 2 - Costruzione e tutela delle strade Capo 2 Paragrafo 4 - La segnaletica orizzontale (Art. 40 Codice della strada)
Articolo 149
(Art. 40 Cod. Str.) Strisce di delimitazione degli stalli di sosta o per la sosta riservata.
1. La delimitazione degli stalli di sosta è effettuata mediante il tracciamento sulla pavimentazione di strisce della larghezza di 12 cm formanti un rettangolo, oppure con strisce di delimitazione ad L o a T, indicanti l'inizio, la fine o la suddivisione degli stalli entro i quali dovrà essere parcheggiato il veicolo.

grazie comunque
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Beh, adesso è sicuramente più chiaro: hai aggiunto pure il frazionamento di un immobile=edificio (io avevo inteso solo di un immobile=terreno)

Per regolarizzare un frazionamento di u.i. serve un titolo edilizio (non so come oggi si chiami: DIA, SCIA, PdC, ...): che deve essere prodotto da un tecnico abilitato; il punto di arrivo deve essere conforme alle attuali norme edilizie. E comporta il paamento di oneri urbanistici mi pare legati alla entità delle opere da realizzare.

La disponibilità di parcheggi è addirittura un requisito legato al frazionamento: se non avessi avuto tale possibilità gli oneri urbanistici da pagare sarebbero stati superiori.
 

griz

Membro Storico
Professionista
nel momento in cui vai a modificare lo stato dei luoghi con pavimentazioni devi presentare una pratica edilizia che comprenda le verifiche normative sull'intervento, lo stesso vale per il frazionamento delle UIU esistenti, di solito però alle nuove unità che si generano va abbinato un posto auto coperto, non un parcheggio ( "stallo")
 

Gugli

Membro Attivo
Si tratta di posto scoperto perchè mancano non solo le distanze dal confine ma anche la superficie per realizzare porti auto coperti = garage
 
Ultima modifica:

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
che mi dici un immobile=terreno?
Certamente sì. Secondo te, un terreno sarebbe un bene mobile?
Art. 812 c.c.:
Sono beni immobili il suolo, le sorgenti e i corsi d'acqua, gli alberi, gli edifici e le altre costruzioni, anche se unite al suolo a scopo transitorio, e in genere tutto ciò che naturalmente o artificialmente è incorporato al suolo.
Sono reputati immobili i mulini, i bagni e gli altri edifici galleggianti quando sono saldamente assicurati alla riva o all'alveo o sono destinati ad esserlo in modo permanente per la loro utilizzazione.
Sono mobili tutti gli altri beni.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Si tratta di posto scoperto perchè mancano non solo le distanze dal confine ma anche la superficie per realizzare porti auto coperti = garage
Il posto auto non ha vincoli di distanze dal confine da rispettare, ma dimensioni standards al di sotto delle quali è difficilmente fruibile. I posti auto possono essere previsti nel progetto edilizio o realizzati successivamente nell'area cortilizia. Possono essere dei vincoli riportati in una planimetria, quotata sottoscritta dai fruitori ovvero frazionati nel catasto terreni o urbano ed oggetto d'atto. Lo spazio di manovra sarà destinato a bcnc.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Quando si progetta si deve individuare una superficie di 1 mq/ 10 mc di volume. Detta superficie può essere ubicata nel cortile. Conseguentemente l'area a parcheggio non necessariamente deve individuare gli stalli. Ma se gli immobili saranno oggetto di vendita bisogna garantire il o i posti auto necessari. Per fare ciò si può presentare in catasto l'accatastamento dei posti auto con il relativo elaborato planimetrico. Se l'area cortilizia fosse rimasta nel catasto terreni è sufficiente procedere al suo frazionamento, prevedendo gli spazi di manovra.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
serve un Permesso di Costruire per fare la strada e i parcheggi?
Ovviamente se dovrai eseguire dei lavori che trasformano la superfici certamente. Se però ti limiti a fare una modica ricarica di inerti per ridurre la formazione di fango non dovresti avere necessità. Il problema si potrebbe verificare si ci fosse il vincolo della tutela del paesaggio che generalmente è molto rigido. Una telefonata all'ufficio tecnico comunale non sarebbe superflua.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Nessuno può farti sentire inferiore senza il tuo consenso.
rpi
Buonasera, un fondo parte magazzino e parte garage è stato adibito ad abitazione, tramite CILA, avendo denunciato l'abuso al comune, questo ci ha dato ragione mantenendo le originarie categorie C/6 e C/2. Nonostante ciò il proprietario lo ha affittato ad una famiglia. A chi dobbiamo rivolgerci, Vigili urbani o denunciare il proprietario alla Magistratura?. Grazie, cordiali saluti.
Alto